Home Recensioni News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock metal [ punk ] indie experimental pop elettronica

Husker Du

Husker Du

Origine: Stati Uniti, Minneapolis
Genere: punk / hardcore

Autori affini: Dinosaur Jr | Black Flag | Meat Puppets | Minutemen | Sonic Youth | Pixies | R.E.M. |


Formazione

Bob Mould - Chitarra, Voce

Grant Heart - Batteria, Voce

Greg Norton - Basso

Biografia

Una band fondamentale per il rock alternativo/indipendente. Senza gli Husker Du, molte bands che abbiamo idolatrato in questi ultimi 15 anni (almeno) non sarebbero state quelle che conosciamo.

La storia di questo gruppo dal nome “Ti Ricordi” (in svedese) inizia nei tardi 70s, nel negozio di dischi di Greg Norton (bassista) e Grant Hart (batterista/cantante). Uno dei clienti più assidui della “Cheapo Records” è Bob Mould (cantante/chitarrista) che tra un disco e una chiacchera scopre di avere a che fare con due punkers sfegatati come lui. Così nascono gli Husker Du.

Dopo un inizio da liveband, consumato tra un locale e l’altro dell’ underground americana, il powertrio di Minneapolis esordisce con un live (“Land speed Records”, 1981 New Alliance) che fotografa bene la potenza del loro primo hard core violento e sfrenato (si parlerà di “ultracore”). La cattiva registrazione dell’ LP dà inoltre al suond quella giusta rudezza punk.

Il seguito all’ esordio non tarderà troppo ad uscire. Nei due anni successivi infatti vedranno la luce “Everything falls apart” (1982, Reflex) e l’esordio su SST: “Metal Circus” (1983, SST). Gli album , tranne alcuni episodi, non convincono più di tanto.

E’ nel 1984 che il gruppo di Mould e soci incomincerà a far parlare di sé e segnerà indelebilmente gli ultimi 20 anni del rock. Dopo qualche annetto di prove tecniche la band ,ormai collaudata, fa uscire “Zen Arcade (1984, SST).

Il disco balza subito ai primi posti delle classifiche indipendenti e finalmente gli Husker Du iniziano ad ottenere il giusto riconoscimento ed anche un discreto pubblico fedele. Questo capolavoro è una rottura col passato (per quanto riguarda almeno il punk): un concept-album doppio! E’ in questo momento che l’etichetta Hard Core inizia a staccarsi dalla band. E’ troppo riduttiva.

Il 1984 non è solo l’anno di “Zen Arcade” ma coincide anche con l’inizio vero e proprio di una carriera quasi unica in quanto qualità e produttività. Basta pensare che in 3 anni escono: 2 LP doppi e 3 LP singoli. Incredibilmente sono tutti dei capolavori, chi più, chi meno.

I successivi “Flip your wig” e “New day rising” (entrambi 1985, SST) iniziano a definire (seppur ancora lievemente) un nuovo sound della band. Questo percorso si concluderà con la pubblicazione di “Candly apple grey” (1986, Warner Bros). Questo disco segna un passaggio cruciale: gli Husker Du, sono la prima band indipendente (prima anche di Sonic Youth e REM) ad essere ingaggiata da una major. E’ la nascita di un nuovo fenomeno musicale che presto porterà il rock alternativo al mainstream.

Il 1987 è l’anno più triste, quello dell’ epilogo. Dopo l’uscita dello splendido “Warhouse: songs and stories” (1987, Warner Bros), un album (doppio) decisamente più orientato verso il mainstream, e molti concerti (testimonianze dell’ ultimo tour sono raccolte nel postumo “The Living End”, 1994 SST), il manager David Savoy si suicida e le divergenze tra Bob Mould (all’ epoca alcolizzato) e Grant Hart (eroinomane) diventano sempre più profonde e critiche.

La band si scioglie il 17-12-1987. Questa è la drammatica conclusione di una band che indubbiamente ha dato al rock più di quanto abbia effettivamente ricevuto.

[Tommy Gun]

Discografia

Land Speed Record (SST) 1981

Everything Falls Apart (Reflex) 1982

Zen Arcade (SST) 1984

Flip Your Wings (SST) 1985

New Day Rising (SST) 1985

Candy Apple Grey (Warner) 1986

Warehouse: Songs And Stories (Warner) 1987

The Living End (Warner) 1994

Recensioni

Husker Du - Zen ArcadeHusker Du
Zen Arcade