Home Recensioni News Speciali [ Live Reports ] Etichetta Negozio Radio Festival
  rock metal punk indie experimental pop elettronica

Concerto Beck - Raveonettes del 23/06/2005



Vega Lee & John Nova - iSpace DramasVega Lee & John Nova
iSpace Dramas
Myrkur - FolkesangeMyrkur
Folkesange
BlackLab - AbyssBlackLab
Abyss
Witchcraft - Black MetalWitchcraft
Black Metal
Brant Bjork - Brant BjorkBrant Bjork
Brant Bjork
1000mods - Youth Of Dissent1000mods
Youth Of Dissent
Jazz Sabbath - Jazz SabbathJazz Sabbath
Jazz Sabbath
Oranssi Pazuzu - Mestarin KynsiOranssi Pazuzu
Mestarin Kynsi
Elder - OmensElder
Omens
Shaam Larein - SculptureShaam Larein
Sculpture

Seleziona l'anno

2020 2019 2018 2017 2016 2015 2014 2013 2012 2011 2010 2009 2008 2007 2006 2005 2004 2003 2002 2001 2000

Concerto Anteprima Goa Boa

Genova

23/06/2005

Coloro che sono rimasti lontani dal concerto a causa del prezzo del biglietto avranno di che pentirsi. Sia Beck che i Raveonettes hanno offerto una prestazione maiuscola di scazzatissimo indie-rock.

Raveonettes:

Come trasformare i propri limiti in pregi. Sanno suonare giusto quei tre accordi, tengono solo un ritmo, non sanno cantare ma riescono ad ammaliare il pubblico con pochi gesti e un pugno di belle canzoni. Oddio, spesso ci si chiede se hanno fatto un reprise (dato che i brani sono REALMENTE tutti uguali) poi guardi la bella Sune Rose Wagner e te ne dimentichi e inizi a seguire il ritmo, soffocato da chitarre new e no wave.

Ai Raveonettes mancano tanto i Jesus And Mary Chain. Anche a noi. Chissà se in futuro sapranno replicarne la grandezza.

Beck:

Beck nel 2005 è un ragazzo che vuole dimostrare ai presenti che certi suoni, tanto di moda ora, lui li suonava 10 anni fa. E parte con ritmi dance che fanno tanto punk-funk. La folla viene subito conquistata dal ritmo (due batterie, percussioni, gingilli vari, cow-bell dispensati a tutti i componenti) e dal fantastico "cubista" capace spesso di rubare le scene a Beck con la sua tamarragine tanto lontanta dall'immaginario "slacker" del creatore di "Loser".

In un ora e mezza (scarsa? abbondante? siamo ancora indecisi su questo) siamo passati dalla dance all'hip-hop, dal punk al grunge, dal country al noise con facilità disarmante contribuendo a rincoglionire il pubblico che non sapeva se ballare, cantare, piangere o urlare. Il trucco era quello di seguire attentamente un uomo che ha colto le migliori intuizioni degli ultimi anni e li ha rimescolati senza ritegno, e spesso senza filo logico, riuscendo a confezionare alcuni dei migliori brani della storia del rock. Parliamo di "Devil's Haircut", "Loser", "Sex Laws" entrati, ormai, nell'immaginario collettivo e nelle enciclopedie della musica.

Non dimentichiamoci però che Beck è, innanzitutto, un ragazzo uscito da etichette come la K Records di Calvin Johnson. Il concerto riflette il suo background. Poche concessioni furbesche (fatte solo per prenderle in giro), poco dialogo con il pubblico (se non per presentare le canzoni) e tanto scazzo (è o no il simbolo degli slacker? Eccovi "Loser" iniziata da lui e finita dal pubblico con un Beck distratto a suonare a caso la batteria.. tutto ricercato, ok, ma dannatamente azzeccato).

E' poi il momento di "Sea Change". Il caro Hansen mostra a tutti di saper anche cantare, mostrando il suo lato più intimista. Per non essere preso troppo sul serio (timidezza?) i membri del gruppo si siedono affianco a lui a mangiare; finendo, però, a tenere il tempo con posate e bicchieri.

Finale con i fan sul palco e di nuovo il punk-funk iniziale. Per ricordare ai presenti che, sì, lui ha già inventato tutto.

[Dale P.]


Recensioni dei protagonisti del concerto:
Beck - Sea ChangeBeck
Sea Change
Beck - The InformationBeck
The Information

LIVE REPORTS
23/06/2005Beck
Raveonettes
GenovaAnteprima Goa Boa