Home Recensioni News Speciali [ Live Reports ] Etichetta Negozio Radio Festival
  rock metal punk indie experimental elettronica

Concerto Beck - Raveonettes del 23/06/2005



Molasses - Mourning Haze / Drops of SunlightMolasses
Mourning Haze / Drops of Sunlight
Lord Dying - Mysterium TremendumLord Dying
Mysterium Tremendum
Meat Puppets - Dusty NotesMeat Puppets
Dusty Notes
Secret Shame - Dark SyntheticsSecret Shame
Dark Synthetics
The Royal Krunk Jazz Orkestra - PyramidsThe Royal Krunk Jazz Orkestra
Pyramids
Savage Master - Myth, Magic And SteelSavage Master
Myth, Magic And Steel
Mdou Moctar - Ilana The CreatorMdou Moctar
Ilana The Creator
Black Mountain - DestroyerBlack Mountain
Destroyer
Swans - Leaving MeaningSwans
Leaving Meaning
Feedbacker - XIIFeedbacker
XII

Seleziona l'anno

2019 2018 2017 2016 2015 2014 2013 2012 2011 2010 2009 2008 2007 2006 2005 2004 2003 2002 2001 2000

Concerto Anteprima Goa Boa

Genova

23/06/2005

Coloro che sono rimasti lontani dal concerto a causa del prezzo del biglietto avranno di che pentirsi. Sia Beck che i Raveonettes hanno offerto una prestazione maiuscola di scazzatissimo indie-rock.

Raveonettes:

Come trasformare i propri limiti in pregi. Sanno suonare giusto quei tre accordi, tengono solo un ritmo, non sanno cantare ma riescono ad ammaliare il pubblico con pochi gesti e un pugno di belle canzoni. Oddio, spesso ci si chiede se hanno fatto un reprise (dato che i brani sono REALMENTE tutti uguali) poi guardi la bella Sune Rose Wagner e te ne dimentichi e inizi a seguire il ritmo, soffocato da chitarre new e no wave.

Ai Raveonettes mancano tanto i Jesus And Mary Chain. Anche a noi. Chissà se in futuro sapranno replicarne la grandezza.

Beck:

Beck nel 2005 è un ragazzo che vuole dimostrare ai presenti che certi suoni, tanto di moda ora, lui li suonava 10 anni fa. E parte con ritmi dance che fanno tanto punk-funk. La folla viene subito conquistata dal ritmo (due batterie, percussioni, gingilli vari, cow-bell dispensati a tutti i componenti) e dal fantastico "cubista" capace spesso di rubare le scene a Beck con la sua tamarragine tanto lontanta dall'immaginario "slacker" del creatore di "Loser".

In un ora e mezza (scarsa? abbondante? siamo ancora indecisi su questo) siamo passati dalla dance all'hip-hop, dal punk al grunge, dal country al noise con facilità disarmante contribuendo a rincoglionire il pubblico che non sapeva se ballare, cantare, piangere o urlare. Il trucco era quello di seguire attentamente un uomo che ha colto le migliori intuizioni degli ultimi anni e li ha rimescolati senza ritegno, e spesso senza filo logico, riuscendo a confezionare alcuni dei migliori brani della storia del rock. Parliamo di "Devil's Haircut", "Loser", "Sex Laws" entrati, ormai, nell'immaginario collettivo e nelle enciclopedie della musica.

Non dimentichiamoci però che Beck è, innanzitutto, un ragazzo uscito da etichette come la K Records di Calvin Johnson. Il concerto riflette il suo background. Poche concessioni furbesche (fatte solo per prenderle in giro), poco dialogo con il pubblico (se non per presentare le canzoni) e tanto scazzo (è o no il simbolo degli slacker? Eccovi "Loser" iniziata da lui e finita dal pubblico con un Beck distratto a suonare a caso la batteria.. tutto ricercato, ok, ma dannatamente azzeccato).

E' poi il momento di "Sea Change". Il caro Hansen mostra a tutti di saper anche cantare, mostrando il suo lato più intimista. Per non essere preso troppo sul serio (timidezza?) i membri del gruppo si siedono affianco a lui a mangiare; finendo, però, a tenere il tempo con posate e bicchieri.

Finale con i fan sul palco e di nuovo il punk-funk iniziale. Per ricordare ai presenti che, sì, lui ha già inventato tutto.

[Dale P.]


Recensioni dei protagonisti del concerto:
Beck - Sea ChangeBeck
Sea Change
Beck - The InformationBeck
The Information

LIVE REPORTS
23/06/2005Beck
Raveonettes
GenovaAnteprima Goa Boa