Home Recensioni News Speciali [ Live Reports ] Etichetta Negozio Radio Festival
  stoner post-metal post-hardcore metal grunge rock alternative

Concerto Cave In - Pelican del 15/02/2006



King Buzzo - This Machine Kills ArtistsKing Buzzo
This Machine Kills Artists
Emma Ruth Rundle - Some Heavy OceansEmma Ruth Rundle
Some Heavy Oceans
Dwarves - Invented Rock & RollDwarves
Invented Rock & Roll
Mastodon - Once More Around The SunMastodon
Once More Around The Sun
Wolves In The Throne Room - CelestiteWolves In The Throne Room
Celestite
Earth - Primitive And DeadlyEarth
Primitive And Deadly
Zola Jesus - VersionsZola Jesus
Versions
Vista Chino - PeaceVista Chino
Peace
Jex Thoth - Blood Moon RiseJex Thoth
Blood Moon Rise
Uncle Acid And The Deadbeats - Mind ControlUncle Acid And The Deadbeats
Mind Control

Seleziona l'anno

2019 2018 2017 2016 2015 2014 2013 2012 2011 2010 2009 2008 2007 2006 2005 2004 2003 2002 2001 2000

Concerto Spazio 211

Torino

15/02/2006




Questa sera, sul palco dello Spazio211, abbiamo due tra le più importanti formazioni del post-hardcore mondiale. I Pelican, con la loro musicale strumentale, capaci di unire con grande efficacia Mogwai, Neurosis e Melvins, sono autori di due dei più interessanti album degli ultimi anni: l'esordio "Australasia" e il recente "The Fire In Our Throats Wil Beckon The Thaw". I Cave In, con fasi di qualità alterna, hanno plasmato la materia hardcore come nessun altro, sperimentando sulla propria pelle le più disparate ispirazioni.

Ecco perchè in questo mini tour italiano di tre date era importante esserci. Tastare la resa live di una band ancora giovane come i Pelican ma soprattutto renderci conto dello stato di salute dei Cave In dopo il periodo di black out della breve fase major.

All'entrata nel locale ci si complimenta ai torinesi per la grande capacità di trovare un palco per ogni tipo di gruppo. Purtroppo il pubblico non è quello delle grandi occasioni (onestamente ho suonato per molta più gente) ma, come si dice in questi casi, "pochi ma buoni".

I Pelican deliziano i presenti con una quarantina di minuti, divisi in cinque brani. Quello che colpisce è il suono della batteria: potente e ben sopra come volume rispetto ai propri compagni. Onestamente speravo di trovarmi di fronte una band molto più precisa (sia a livello tecnico che sonoro) ma i pochi errori sono solo piccoli particolari che non vanno a rovinare una prestazione comunque convincente. Su tutti (forse grazie al suono che usciva dall'impianto) si è fatto notare il batterista preciso, fantasioso e potente.

Dopo il set un po' di gente abbandonerà il locale perdendosi quindi l'ottima prestazione dei Cave In.

Che la band di Stephen Brodsky viva da sempre in un limbo che non convince nè i puristi della violenza per via di un retrogusto "romantico inglese" nè i "normali alternativi" (non è un ossimoro) che non apprezzano le virate hardcore, intuibile dal fallimento su major, lo capiamo bene questa sera. Pochi si godono appieno la performance dei Cave In che, anche davanti ad una cinquantine di persone, daranno tutto quello che possono, compreso un sorprendente ripescaggio da "Until Your Heart Stops".

Alla batteria troviamo l'indomabile Ben Koller dei Converge, Stephen Brodsky si presenta con maglietta degli Anthrax mentre il chitarrista Adam McGrath con quella dei Faith No More. Il set è incentrato sullo splendido "Perfect Pitch Black", forse l'album più riuscito e completo della band. I riff di "The World Is In Our Way" e "Off To Ruin" riecheggiano ancora potenti nel locale. Purtroppo l'acustica non sarà sempre delle migliori (nelle prime file era impossibile non distruggersi i timpani) e contribuirà a farci perdere il chitarrismo sognante e arabeggiante di Adam. In compenso la band si prodigherà in una prestazione "in your face" sparando con grinta e divertimento tutta la scaletta.

Rispetto ai Pelican, il concerto è molto più frenetico e confusionario ma è impossibile non captare l'eccitazione e l'urgenza uscire dagli strumenti di Brodsky e soci. Ed è per questo che i Cave In riusciranno a trasmetterci qualcosa di molto forte che difficilmente dimenticheremo in fretta.

[Dale P.]


Recensioni dei protagonisti del concerto:
Cave In - AntennaCave In
Antenna
Cave In - JupiterCave In
Jupiter
Cave In - Perfect Pitch BlackCave In
Perfect Pitch Black
Cave In - Until Your Heart StopsCave In
Until Your Heart Stops
Cave In - White SilenceCave In
White Silence
Pelican - AustralasiaPelican
Australasia
Pelican - City Of EchoesPelican
City Of Echoes
Pelican - Ephemeral EPPelican
Ephemeral EP
Pelican - Pelican EPPelican
Pelican EP
Pelican - The Fire In Our Throats Wil Beckon The ThawPelican
The Fire In Our Throats Wil Beckon The Thaw
Pelican - The March Into The Sea EPPelican
The March Into The Sea EP
Pelican - What We All Come To NeedPelican
What We All Come To Need
Pelican - Young Widows / SplitPelican
Young Widows / Split

LIVE REPORTS
15/02/2006Cave In
Pelican
TorinoSpazio 211
14/04/2012Sleep
Obsessed
Pelican
Mike Scheidt
Jesu
Church Of MiseryOranssi Pazuzu
TilburgRoadburn 2012 Day 3
PROSSIMI CONCERTI
15/02/2006 Cave InSpazio 211(TO)
16/02/2006 Cave InAuditorium Flog(FI)
17/02/2006 Cave InEstragon(BO)