Home Recensioni News Speciali [ Live Reports ] Etichetta Negozio Radio
  rock metal punk indie experimental pop elettronica

Concerto Meshuggah - Scarve del 29/05/2005



Geese - ProjectorGeese
Projector
Sunn O))) - Metta, BenevolenceSunn O)))
Metta, Benevolence
Dead Heat - World At WarDead Heat
World At War
Irreversible Entanglements - Open The GatesIrreversible Entanglements
Open The Gates
Full Of Hell - Garden Of Burning ApparitionsFull Of Hell
Garden Of Burning Apparitions
Khemmis - DeceiverKhemmis
Deceiver
Body Void - Bury Me Beneath This Rotting EarthBody Void
Bury Me Beneath This Rotting Earth
Idles - CrawlerIdles
Crawler
Converge - Bloodmoon IConverge
Bloodmoon I
Melvins - Five Legged DogMelvins
Five Legged Dog

Transilvania Milano

Milano

29/05/2005

Che i Meshuggah fossero una realtà rispettatissima dai loro stessi colleghi, nonchè dalla cerchia di fans sempre più dilatata... si sapeva.

Che ad ogni disco sperimentassero soluzioni sonore d'avanguardia...pure.

Che la loro musica, soprattutto gli ultimi dischi, fosse suonabile dal vivo...beh, qualche dubbio l'avevamo.

Ma loro no. Quindi anche noi; dalla prima all'ultima nota tutto era chiarissimo. Totale assenza di sbavature, precisione chirurgica, un massacrante intreccio di riff e controtempi agilmente eseguiti, insistenti bassi perforanti, talmente cavernosi da impedire ai nostri corpi di scuotersi deliranti. No, non sto parlando dell'ultimo disco! Dal vivo sono ancora meglio!

E' stato uno show davvero intenso, da svenimento e allo stesso tempo euforizzante. L'energia che le nostre macchine da guerra hanno generato era così densa da potercisi aggrappare per rifornirsi. Gli Scarve hanno fatto il loro dovere, con folte chiome roteanti attorno a stilemi già sentiti ma gradevolissimi. Avrei preferito assistere a una breve performance del progetto solista del rispettatissimo Thordendal... ma credo sia improbabile una sua serata da primadonna indiscussa.

Il vero problema sorge quando si congedano dopo una scaletta spettacolare: da Nothing, "Stengah", "Rational Gaze", "Organic Shadows"; per poi ripercorrere gli antichi (ma sempre attualissimi) sudori irrequieti di Chaosphere ("New Millennium Cyanide Christ", "Sane") saldati siderurgicamente alle atmosfere inquiete e roboanti delle ultimissime uscite. L'approdo, naturalmente e come speravo....Future breed machine, il bignami della loro poetica e delle loro intenzioni primordiali. Peccato sia "già" finito.

Avete presente quei fumetti erotici giapponesi dove la donna, dopo aver subito violenza, si abbandona consenziente al suo stupratore? Bene; mi è capitato di abbandonarmi a quel bombarbamento sonoro, così straordinariamente vigoroso che si era impossessato di me con una tale (sana) prepotenza che...beh, nessuna possibilità di fuga. Per fortuna!

Il problema è che i Meshuggah mi hanno dato pressoché immediata assuefazione. Sentite anche voi il bisogno di rivederli assolutamente al più presto? Per quanto mi riguarda...Voglio soddisfare ancora questa mia piccola perversione, nata domenica sera: aver "paura" di qualcosa che... finisce per rivelarsi molto più spaventoso di quanto sperassi. E più insiste più mi attrae. Capita anche a voi ogni tanto? Amo troppo stupirmi e per loro stupire è naturale; i Meshuggah sono davvero una "exquisite machinery of torture"!

[Shizu]


Recensioni dei protagonisti del concerto:
Meshuggah - Catch 33Meshuggah
Catch 33
Meshuggah - ChaosphereMeshuggah
Chaosphere
Meshuggah - Contraddiction CollapseMeshuggah
Contraddiction Collapse
Meshuggah - IMeshuggah
I
Meshuggah - None EPMeshuggah
None EP
Meshuggah - ObzenMeshuggah
Obzen
Meshuggah - Rare TraxMeshuggah
Rare Trax

LIVE REPORTS
29/05/2005Meshuggah
Scarve
MilanoTransilvania Milano
14/07/2007Meshuggah
Lacuna Coil
Brutal Truth
Entombed
My Dying Bride
MarconFrozen Rock Festival
10/07/2011MeshuggahTorinoColonia Sonora