Home Recensioni News Speciali [ Live Reports ] Etichetta Negozio Radio Festival
  stoner post-metal post-hardcore metal grunge rock alternative

Concerto Swans - Shrinebuilder - Voivod - Weedeater - White Hills - Master Musicians Of Bukkake del 16/04/2011



King Buzzo - This Machine Kills ArtistsKing Buzzo
This Machine Kills Artists
Emma Ruth Rundle - Some Heavy OceansEmma Ruth Rundle
Some Heavy Oceans
Dwarves - Invented Rock & RollDwarves
Invented Rock & Roll
Mastodon - Once More Around The SunMastodon
Once More Around The Sun
Wolves In The Throne Room - CelestiteWolves In The Throne Room
Celestite
Earth - Primitive And DeadlyEarth
Primitive And Deadly
Zola Jesus - VersionsZola Jesus
Versions
Vista Chino - PeaceVista Chino
Peace
Jex Thoth - Blood Moon RiseJex Thoth
Blood Moon Rise
Uncle Acid And The Deadbeats - Mind ControlUncle Acid And The Deadbeats
Mind Control

Seleziona l'anno

2019 2018 2017 2016 2015 2014 2013 2012 2011 2010 2009 2008 2007 2006 2005 2004 2003 2002 2001 2000

Concerto Roadburn Festival 2011 Day 3

Tilburg

16/04/2011

Al terzo giorno di Roadburn e' inevitabile iniziare gia' stanchi. Le orecchie fanno ancora male dalla sera prima e sara' bene tenere i tappi a portata di mano. Al contrario dell'usanza comune non sembra esserci grossa differenza fra i volumi dei primi della giornata e gli headliner. Le differenze si percepiscono giusto nella completezza della proposta. I Master Musicians Of Bukkake, che hanno l'onore di aprire il terzo giorno sembrano una band headliner a tutti gli effetti: suoni enormi, look stravagante ma azzeccato, incensi e un impatto straniante. Iniziano con dei droni di didgeridoo per poi trasformarsi in un gruppo fusion tra il serio e il faceto. Sembrano un complesso di magrebini in un villaggio vacanze e non ci e' difficile pensare che negli Stati Uniti la loro immagine sembri piu' particolare che agli occhi di un italiano... La band vince il premio "oltre ogni aspettativa", ovvero e' stata la band che piu' mi ha sopreso pur aspettandomi grandi cose gia' in partenza. Se potete andateli a sentire. Spinti dalla voglia di psichedelia ci trasciniamo alla Green Room per i White Hills, arrivati abbastanza in anticipo per goderceli tra le prime file. La sempre splendida Ego Sensation questa volta non e' l'unica donzella della band: ad aggiungere un po' di effettacci psichedelici ci pensa Shazzula Nebula, gia' nelle fila dei Aqua Nebula Oscillator. Concerto heavy psych al 100%, capace di scuotere le teste e far esplodere i neuroni.

A questo punto della giornata non abbandoneremo piu' il main stage pur essendo circondati da concerti di grande impatto. I folli Weedeater propongono il bignami dello sludge: riffoni paludosi, berrettini mangiati dai coccodrilli, tatuaggi e tante urla hardcore. Un ora di concerto e' troppa, quindi si fa ancora una tappa al Bat Cave a sentire i Ludicra. C'e' tanto metallo e tanti metallari e le nostre orecchie iniziano a non farcela piu'...siamo verso la fine del festival e il nostro corpo ci sta lasciando! Eccoci completamente convinti a tornare e rimane nel main stage e farsi trasportare dalle band che arriveranno.

I Voivod avevano suonato la sera prima al Midi, e questa volta non ce li perdiamo. Orfani di Piggy (sostituito dall'eccellente Daniel Mongrain dei Martyr) ma con Blacky al basso i Voivod spazzeranno via tutto e tutti. Intanto pur avendo come sfondo il leggendario logo della band il batterista Away si presenta con una t-shirt iconografica ancora piu' di culto: Crass. Tanto per abbattere ogni barriera fra band e pubblico. Poi conquisteranno tutti con brani tratti dai primi tempi della band, capaci di far impazzire anche i sordi e coloro che odiano il thrash. Non solo di metal si tratta: punk, progressive, psichedelia, riff sbilenchi, headbanging vorticosi e il gran finale con dedica a Piggy di Astronomy Domine dei Pink Floyd.

Uno dei concerti piu' attesi si e' rivelato un po' al di sotto delle aspettative: gli Shrinebuilder di Dale Crover, Al Cisneros, Wino e Scott Kelly hanno si offerto dei momenti epici ma suonavano spesso sfilacciati. Sembrava una jam session coordinata da Dale Crover, l'unico che ha continuato a suonare come solo lui non suonando mai "fuori sede". Al Cisneros sembrava una creatura dei boschi intenta a non perdere un colpo di Dale, ma solo nei "suoi" momenti sapeva far spiccare il volo Om/Sleep. Scott Kelly quello piu' confusionario (e di conseguenza quello che nell'economia della band conta meno) e troppo "muscolare". Sempre teso come se gli avessero sterminato la famiglia un secondo prima fa la figura del "tamarro" del gruppo. Wino di contro con due note di chitarra fa viaggiare come solo lui. Tra l'altro dal vivo viene fuori una maggiore sintonia fra Dale e Wino piu' di quanto il finora unico disco lascia sentire. Dico la mia: senza Scott Kelly sarebbero una band migliore madecisamente meno hype.

Il festival e' ormai giunto alla conclusione. La stanchezza e l'emozione del momento ci mettono addosso quel velo di tristezza che solo il concerto degli Swans puo' esorcizzare. Michael Gira e' teso, la band lo segue in ogni sua espressione di disappunto e riversa tonnellate di dolore sulla folla. Non si puo' raccontare un concerto del genere. Non si puo' neanche consigliare di viverlo, perche' certe emozioni sono talmente forti che non tutti hanno la necessita' di passarci attraverso. Dopo Michael Gira il nulla. E solo dopo gli Swans avremmo avuto il coraggio di andarcene e percorrere in silenzio centinaia di chilometri, tornando a quella normalita' che non ci appartiene ma che rimane rinchiusa in quel sogno chiamato Roadburn.

[Dale P.]


Recensioni dei protagonisti del concerto:
Master Musicians Of Bukkake - Totem OneMaster Musicians Of Bukkake
Totem One
Master Musicians Of Bukkake - Totem TwoMaster Musicians Of Bukkake
Totem Two
Swans - My Father Will Guide Me Up A Rope To The SkySwans
My Father Will Guide Me Up A Rope To The Sky
Voivod - KatorzVoivod
Katorz
Voivod - To The Death 84Voivod
To The Death 84
Weedeater - Jason... The DragonWeedeater
Jason... The Dragon
White Hills - HP-1White Hills
HP-1

LIVE REPORTS
16/04/2011Swans
Shrinebuilder
Voivod
Weedeater
White Hills
Master Musicians Of Bukkake
TilburgRoadburn Festival 2011 Day 3
12/04/2012Om
Ancestors
Christian Mistress
Ulver
Voivod
Chelsea Wolfe
Agalloch
TilburgRoadburn 2012 Day 1
20/07/2012Red Fang
Weedeater
Morkobot
LodiWood Festival
PROSSIMI CONCERTI
07/08/2010 VoivodRock Planet(RA)
19/11/2010 ShrinebuilderBronson(RA)
20/11/2010 ShrinebuilderBloom(MB)
03/12/2010 SwansSala Espace(MI)
04/12/2010 SwansLocomotiv(BO)
05/12/2010 SwansPiper(RM)
22/04/2011 WeedeaterBronson(RA)