Home Recensioni News Speciali [ Live Reports ] Etichetta Negozio Radio
  rock metal punk indie experimental pop elettronica

Concerto Supersuckers - The Cutthroat Brothers del 12/04/2022



Aeviterne - The Ailing FacadeAeviterne
The Ailing Facade
Elder - Innate PassageElder
Innate Passage
Gateways to Resplendence - Abhorrent ExpanseGateways to Resplendence
Abhorrent Expanse
Scarcity - AveilutScarcity
Aveilut
Dry Cleaning - StumpworkDry Cleaning
Stumpwork
Mamaleek - Diner CoffeeMamaleek
Diner Coffee
The Lord - & Petra Haden - DevotionalThe Lord
& Petra Haden - Devotional
The Pretty Reckless - Other WorldsThe Pretty Reckless
Other Worlds
Brutus - Unison LifeBrutus
Unison Life
Darkthrone - Astral FortressDarkthrone
Astral Fortress

Raindogs

Savona

12/04/2022

Tanti anni fa si definirono la migliore rock and roll band nel mondo e dopo parecchio tempo dalla loro auto elezione ho la possibilità di godermeli in uno splendido club non troppo lontano da casa.

Prima però sono chiamati a scaldare il palco The Cutthroat Brothers, duo chitarra/batteria che si muove sull'asse blues-punk di scuola Cramps. Super casinisti, tirano su un discreto rumore e divertono il pubblico grazie all'attitudine sovraeccitata del cantante.

Al bar consigliano di mettersi i tappi per il concerto degli headliner: i volumi saranno notevoli. E così è stato! Mi piazzo in primissima fila per godermi gli amplificatori sulla faccia e nel giro di pochi istanti dell'inizio dello show sarò già completamente spettinato!!

Il trio è una vera e propria macchina di rock and roll, probabilmente la migliore in circolazione fra i loro coetanei (in grado di battere a mani basse anche la maggior parte dei giovincelli). La formula è molto semplice: MC5 + Motorhead e una discreta dose di blues suonato a volumi esagerati. Il carisma del palco è equamente diviso fra il barbuto batterista Adonis Von Streicher (con splendida maglia della Reptilian Records), macchina assassina che non ha smesso un secondo di picchiare sui tamburi, il chitarrista in jeans Metal Marty Chandler, impegnato a sciorinare assoli su assoli alla prima occasione (ogni 15 secondi circa) e a trascinare il pubblico con riff implacabili, e il leader Eddie Spaghetti con il suo iconico cappello da cowboy e gli occhiali da sole perennemente sugli occhi ma, soprattutto, armato di una splendida voce di cartavetro.

L'imponente scaletta ha pescato da tutta la discografia del gruppo senza trascurare le iconiche "I Want The Drugs", una versione heavy rock di "Roadworn And Weary" (in origine nel disco country "Must've Been High") e gran finale con "Born With A Tail", una delle dieci migliori canzoni rock di sempre, cantata all'unisono da tutti i presenti.

I Supersuckers sono la miglior rock and roll band del mondo? Si. Per attitudine, suono e presenza fisica genuina e divertita. Anche le numerose pose da rocker sono smontate da quelle faccette furbe che rivelano che è tutto solo un gioco. Rumorosissimo, ma solo un gioco.

[Dale P.]



LIVE REPORTS
12/04/2022Supersuckers
The Cutthroat Brothers
SavonaRaindogs