´╗┐

Home Recensioni News Speciali [ Live Reports ] Etichetta Negozio Radio
  rock metal punk indie experimental pop elettronica

Concerto Tool del 19/06/2006



Deathbell - A Nocturnal CrossingDeathbell
A Nocturnal Crossing
Wucan - Heretic TonguesWucan
Heretic Tongues
Voivod - Synchro AnarchyVoivod
Synchro Anarchy
Blut Aus Nord - Disharmonium - Undreamable AbyssesBlut Aus Nord
Disharmonium - Undreamable Abysses
Emma Ruth Rundle - EG2 Dowsing VoiceEmma Ruth Rundle
EG2 Dowsing Voice
Wyatt E. - Al Beluti DaruWyatt E.
Al Beluti Daru
Wo Fat - The SingularityWo Fat
The Singularity
Gnome - KingGnome
King
Cave In - Heavy PendulumCave In
Heavy Pendulum
Pyrithe - Monuments to ImpermanencePyrithe
Monuments to Impermanence

Datch Forum

Milano

19/06/2006

I Tool non sono semplicemente una band ma una vera e propria religione. Bastava guardare le prime file: avevano tutta l'aria di un qualche girone infernale in cui strane e brutte creature in adorazione erano costrette a muoversi a ritmo della musica suonata da questi demoni armati di chitarra, basso, batteria e voce.

Anche la preparazione al concerto ha un qualcosa di rituale. Cercare la musica adatta da viaggio pu˛ avere un peso determinante per poter innalzare l'anima al momento giusto. Burzum e "Filosofem" hanno raggiunto lo scopo. Ma i nostri Dei hanno pensato anche ai comuni mortali. Ed ecco uscire dalle casse dell'impianto i nostri amati Meshuggah. Peccato non abbiano pensato anche ai maledetti cani fuori dai cancelli, altrimenti poteva diventare un vero e proprio happening psichedelico.

Ma la Band diede disposizioni ben precise: no fumo, no riprese audio e video, no flash.

Alle 21.21 il concerto inizia. Ognuno si avvicina dal proprio musicista preferito. Curiosamente raggiungere le primissime file Ŕ uno scherzo. Decido di piazzarmi, banalmente, davanti al mio guru spirituale: Justin Chancellor. Studiare ogni sua mossa per tentare di replicarla o anche solo per aver maggiori occasioni per spalancare la mascella ed esclamare "incredibile! lo suona lui!".

Il primo pezzo. Lost Keys. Il suono Ŕ completamente sballato. I bassi coprono tutto, la batteria Ŕ inestitente, la chitarra un timido complemento del tutto. No, non deve succedere. Non deve succedere che muoiano gli Dei. Finito il brano parte Rosetta Stoned ed Ŕ il delirio. Finalmente Ŕ tutto bilanciato. La chitarra ha un suono che nessun umano pu˛ riprodurre. Annichilisce qualunque chitarrista della terra. Comprese le 8 famigerate corde di Thordendal. Ogni pennata Ŕ in grado di evocare fantasmi e fate, mostri e divinitÓ. Zeus si chiama Adam Jones. Il motore della band, l'evocatore di emozioni che nessun umano Ŕ in grado di farti provare, il Dalý della chitarra.

Adam suona con naturalezza come se il corpo fosse solo un'estensione della sua chitarra. Si gira verso i compagni quando sbagliano (e Justin un po' di strigliate deve essersele prese), conta il tempo per l'inizio del pezzo e certamente nel frattempo penserÓ a qualche idea delirante per il nuovo disco. O per qualche video.

Il concerto prosegue e uno dietro all'altro i nostri costruiranno una scaletta che fa paura scriverla. Stinkfist, The Pot, Forty Six & 2, Jambi, Schism. Alcuni brani sono introdotti da flussi drone e soundscapes, noise e psichedelici (vengono in mente Melvins, SunnO))), King Crimson). La band si diverte a suonare, e a migliorarsi, come dimostrano le micro variazioni qua e lÓ. Quello che colpisce sono i brani di "10000Days". Suonano molto pi¨ potenti e completi di quelli tratti dai precedenti album. Ecco perchŔ l'apice lo si raggiunge con i brani pi¨ recenti. The Pot, Jambi, Right In Two e Vicariuos suonano perfetti e potenti, adatti alla dimensione live pi¨ dei brani vecchi. Lo si nota tanto i "Sober" che al di lÓ del valore nostalgico non ha infiammato come avrebbe potuto (per˛ una breve modifica nel riff ha fatto cadere le mascelle ai pi¨ attenti), o anche "Schism" ritoccata in velocitÓ (molto pi¨ pesante e lenta) ed estesa nella parte centrale noise, forse per renderla pi¨ vicina alle sonoritÓ attuali della band.

I Tool non deludono, i micro errori qua e lÓ sembrano stati piazzati apposta per far vedere che anche loro sono umani (cosa assolutamente non vera). La presenza scenica innarrivabile. Maynard di spalle per tutto il concerto per evitare i flash degli aspiranti fotografi (al chŔ vi segnalo un trucco: fotografare con il flash non serve a niente se non a immortalare meglio le prime file) e per mostrare il suo splendido tatuaggio sulla schiena. Justin che si dimenava e muoveva le dita come un tarantolato destreggiandosi fra note astruse, tempi dispari ed effetti alieni. Danny Carey a causa del suono un po' impastato non ha svettato come gli altri ma ha comunque effettuato una prestazione maiuscola.

Il concerto si conclude dopo 100 minuti e l'esecuzione di Aenima.

La messa Ŕ finita andate in pace.

[Dale P.]


Recensioni dei protagonisti del concerto:
Tool - 10000 DaysTool
10000 Days
Tool - AenimaTool
Aenima
Tool - LateralusTool
Lateralus
Tool - Opiate EPTool
Opiate EP
Tool - Parabola [DVD]Tool
Parabola [DVD]
Tool - Schism [DVD]Tool
Schism [DVD]
Tool - UndertowTool
Undertow

LIVE REPORTS
19/06/2006MilanoDatch Forum
12/11/2006TorinoMazda Palace
02/09/2007BolognaIndipendent Days Festival