Home Recensioni News Speciali [ Live Reports ] Etichetta Negozio Radio Festival
  stoner post-metal post-hardcore metal grunge rock alternative

Concerto Tool - Nine Inch Nails del 02/09/2007



King Buzzo - This Machine Kills ArtistsKing Buzzo
This Machine Kills Artists
Emma Ruth Rundle - Some Heavy OceansEmma Ruth Rundle
Some Heavy Oceans
Dwarves - Invented Rock & RollDwarves
Invented Rock & Roll
Mastodon - Once More Around The SunMastodon
Once More Around The Sun
Wolves In The Throne Room - CelestiteWolves In The Throne Room
Celestite
Earth - Primitive And DeadlyEarth
Primitive And Deadly
Zola Jesus - VersionsZola Jesus
Versions
Vista Chino - PeaceVista Chino
Peace
Jex Thoth - Blood Moon RiseJex Thoth
Blood Moon Rise
Uncle Acid And The Deadbeats - Mind ControlUncle Acid And The Deadbeats
Mind Control

Seleziona l'anno

2019 2018 2017 2016 2015 2014 2013 2012 2011 2010 2009 2008 2007 2006 2005 2004 2003 2002 2001 2000

Concerto Indipendent Days Festival

Bologna

02/09/2007

Finalmente, anche noi poveri pastasciuttari possiamo godere di un festival ad alti livelli. In realtà se gli organizzatori di eventi fossero un minimo competenti e non si facessero abbindolare dai "pacchetti tutto compreso" del tante band al kilo, anche noi potremmo godere di giornate musicali realmente edificanti.

Sarebbe stato bello parlarvi di una giornata in cui sul palco si avvincendavano Melvins, Isis, Mastodon o anche cose più semplici e meno costose come Cult Of Luna, Jesu, Sunn O))) prima di godere delle performance di Tool e Nine Inch Nails.

Invece ci tocca saltare a piè pari lo sterco che fino alle 20 ha ammorbato i nostri testicoli con vocine sconclusionate e tastierini da gaypride. Quindi trattiamo il festival come un "normale" concerto con protagonisti due pesi massimi della musica mondiale degli ultimi quindici anni.

E' la terza volta in pochi mesi che i Tool scendono nel suolo italico. Dopo le due maiuscole ma imperfette performace dell'immediata tournèe post-pubblicazione di 10000Days la band è ora decisamente rodata e meno insicura.

La scaletta prevede brani nuovi ormai entrati di prepotenza tra i classici (Jambi, Rosetta Stoned, Vicarious), riproposizioni aggiornate di canzoni ormai immortali (Schism, 46&2, Stinkfist) e ripescaggi per affezionati della prima ora (Flood). Ma ovviamente la band ci mette di più: l'incredibile scenografia che fa impallidire qualunque band pomp/rock ma soprattutto l'esecuzione pressochè perfetta di tutta la scaletta, arricchita qua e là da variazioni e divagazioni (anche se Flood è stata notevolmente troncata)..

Una nota di merito a Maynard che messo da parte maschere antigas e ridicoli effetti molesti dimostra al pubblico di essere veramente uno dei migliori cantanti della nostra generazione.

Se dovessi riassumerli con una parola direi "perfetti".

Ero quindi titubante per la successiva performance dei Nine Inch Nails, dettato anche dal pensiero che la scaletta sarebbe stata incentrata sui nuovi lavori decisamente più scarsi rispetto ai classici che la band ha confezionato per tutti gli anni 90. E invece..

E' impossibile fare un paragone con i Tool. Se la band di Adam Jones è un delirio mentale, ipnotico e cervellotico la band di Trent Reznor ti prende nelle gambe e nel basso ventre scatenando pulsioni di morbosità sessuale. Grazie soprattutto ai ripescaggi di canzoni immense come "March Of The Pigs", "Closer", "Gave Up" o la cover dei Joy Division di "Dead Souls" che ci ricordano la grandezza della band. Anche i Nine Inch Nails non rinunciano all'aspetto visuale, decisamente meno pomposo rispetto a quello visto sul palco dei Tool ma perfettamente integrato con l'atmosfera evocata nel set.

C'è però una canzone che dona un senso maggiore alla serata, che annulla tutta la musica ascoltata fino a qui: il gran finale con "Hurt" è certamente uno dei punti più alti che è possibile vivere ad un concerto.

Inutile decretare un vincitore, così anche come provare a pensarlo dopo aver visto entrambe le performance, capaci di toccare parti diverse del nostro io facendoci ritornare a casa notevolmente "cambiati".

[Dale P.]


Recensioni dei protagonisti del concerto:
Nine Inch Nails - And All That Could Have BeenNine Inch Nails
And All That Could Have Been
Nine Inch Nails - With TeethNine Inch Nails
With Teeth
Tool - 10000 DaysTool
10000 Days
Tool - AenimaTool
Aenima
Tool - LateralusTool
Lateralus
Tool - Opiate EPTool
Opiate EP
Tool - Parabola [DVD]Tool
Parabola [DVD]
Tool - Schism [DVD]Tool
Schism [DVD]
Tool - UndertowTool
Undertow

LIVE REPORTS
19/06/2006ToolMilanoDatch Forum
12/11/2006Tool
Mastodon
TorinoMazda Palace
02/09/2007Tool
Nine Inch Nails
BolognaIndipendent Days Festival
PROSSIMI CONCERTI
19/06/2006 ToolForum Milano(Milano)
21/06/2006 ToolPalaghiaccio di Marino(RM)
22/06/2006 ToolPalamalaguti(BO)
12/11/2006 ToolPalaisozaki(TO)
13/11/2006 ToolMandela Forum(FI)
15/11/2006 Tool105 Stadium(RN)
16/11/2006 ToolPalasport Jesolo(VE)