ļ»æ

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Onwards and Downwards - Alastor (Riding Easy)

Ultime recensioni

Poppy - FluxPoppy
Flux
Kowloon Walled City - PieceworkKowloon Walled City
Piecework
Slowshine - Living LightSlowshine
Living Light
Unto Others - StrenghtUnto Others
Strenght
Space Afrika - Honest LabourSpace Afrika
Honest Labour
Dead Sara - It AinDead Sara
It Ain't Tragic
Big Brave - & The Body - Leaving None But Small BirdsBig Brave
& The Body - Leaving None But Small Birds
XX'ed Out
We All Do Wrong
Damon Locks Black Monument Ensemble - NowDamon Locks Black Monument Ensemble
Now
Angel Bat Dawid - Hush Harbor Mixtape Vol. 1 DoxologyAngel Bat Dawid
Hush Harbor Mixtape Vol. 1 Doxology
Andrew W.K. - God Is PartyingAndrew W.K.
God Is Partying
Hildur Gušnadóttir - Battlefield 2042 SoundtrackHildur Gušnadóttir
Battlefield 2042 Soundtrack
Chubby And The Gang - The MuttChubby And The Gang
The Mutt's Nuts
Amyl And The Sniffers - Comfort To MeAmyl And The Sniffers
Comfort To Me
Low - Hey WhatLow
Hey What
Hooded Menace - The Tritonus BellHooded Menace
The Tritonus Bell
Tropical Fuck Storm - Deep StatesTropical Fuck Storm
Deep States
Halsey - If I Can’t Have Love, I Want PowerHalsey
If I Can’t Have Love, I Want Power
Comet Control - Inside The SunComet Control
Inside The Sun
Dana Dentata - PantychristDana Dentata
Pantychrist

Alastor - Onwards and Downwards
Voto:
Produzione:
Originalitą:
Tecnica:

Etichetta: Riding Easy
Anno: 2021
Produzione: Joona Hassinen
Genere: metal / doom / psych
Scheda autore: Alastor


Ascolta Onwards and Downwards





Alastor č un nome di culto tra gli appassionati del retro-doom, soprattutto tra quelli che puntano le proprie scelte di ascolto verso i paesi nordici. Il primo disco "Black Magic", edito dalla Twin Earth nel 2017, portņ il gruppo direttamente nel campionato dei grandi, il secondo "Slave To The Grave", mantenne lo status, sebbene fosse pubblicato dalla relativamente pił grande Riding Easy.

Il terzo "Onwards and Downwards" prova ad alzare l'asticella, cercando di smarcarsi tra le tante proposte che quotidianamente inondano il genere. Come? Intanto spostando il concept generale dalla morte alla pazzia. Poi con una maggiore varietą della proposta, sebbene l'intero sviluppo del disco non si smuova dal doom psichedelico caro ad Electric Wizard, Monolord, Windhand. In alcuni episodi c'č un vago richiamo alla forma canzone ma dove gli svedesi riescono meglio č nel riversare dosi di lenti riff catramosi sull'ascoltatore e lasciarsi andare in fumose divagazioni acide. L'obiettivo č raggiunto in parte: non basta il break acustico di "Pipsvängen", nč la rockettara "Death Cult" a fare il salto di qualitą. Ci riescono perņ "Dead Things In Jars" che ricorda le cose migliori degli Acid Bath e la lunga title track, in cui la band cala l'asso con un bella divagazione psichedelica. Rimandati al prossimo disco e promossi per la simpatia.

[Dale P.]

Canzoni significative: Dead Things In Jar, Onwards And Downwards.


Questa recensione é stata letta 130 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Mammoth Weed Wizard Bastard - Yn Ol I AnnwnMammoth Weed Wizard Bastard
Yn Ol I Annwn
Ramesses - Take The CurseRamesses
Take The Curse
Bloody Panda - SummonBloody Panda
Summon
Salome - TerminalSalome
Terminal
Unearthly Trance - ElectrocutionUnearthly Trance
Electrocution
Esoteric - Paragon Of DissonanceEsoteric
Paragon Of Dissonance
Devil - Time To RepentDevil
Time To Repent
MSW - ObliviosusMSW
Obliviosus
Hooded Menace - The Tritonus BellHooded Menace
The Tritonus Bell
Thronehammer - Incantation RitesThronehammer
Incantation Rites