´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

The Octopus - Amplifier (Autoproduzione)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Amplifier - The Octopus
Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:

Anno: 2010
Produzione: Sel Balamir
Genere: rock / alternative / progressive



Il trio di Manchester rientra nella cerchia di band totalmente ignorabili. Partendo con ordine, chiunque potrebbe ignorare gli Oceansize a favore dei Porcupine Tree, i Manes a favore dei Nine Inch Nails, i Miocene a favore dei Tool. E altro.

C'e' chi catalizza attenzione, c'e' chi per ovvi motivi rimane l'ombra.

Il problema degli Amplifier e' che sono opzionali o fondamentali, senza sfumature o piedi in piu' scarpe. Il loro "concetto canzone" e' lo stesso discorso. Non esiste LA canzone degli Amplifier, non esiste una "Black Hole Sun" o una "Prison Sex".

Se quindi vogliamo parlare dal concept di questo disco, un polpo rende bene l'idea: scivola, non ha forma.

O ce l'hai tutto in mano o non ne tieni neppure un pezzetto .

Gli Amplifier non si acchiappano per la coda e ti trascinano in perepezie "mastodontiche". Non "fanno tutto loro".

E' quindi difficile, ed impossibile, parlare del lavoro che e' l'apice e la rappresentazione massima della loro natura sfuggente, irrilevante, fondamentale e perfetta.

Arrivare ad amarli e' gia' complicato... e perche' mai ascoltarli? Sembrano un rigurgito di Soundgarden, Tool, Porcupine Tree, Oceansize.

Se c'e' una cosa che nella mia storia personale mi affascina e' che gli Amplifier mi hanno fatto lo stesso effetto che alcune band di Seattle mi fecero quando avevo 14 anni: continuavo ad ascoltarli senza capire il perche', senza capire per quale ragione mi piacessero, senza capire SE mi piacessero e senza inquadrare il genere e il leit motif delle canzoni.

E per la seconda volta The Octopus assorbe e dimostra questo valore.

Con questo disco avrete in mano quasi due ore di rock "alternativo", psichedelico, viscerale, sognante, tecnico, privo di trovate volutamente catchy, con una Rose Kemp nascosta nelle pieghe di questo gargantuano Polpo bidisco [The Sick Rose].

Infine, la terza volta che The Octopus definisce la band e' il tempo necessario a metabolizzare questo lavoro. Di "roba" io ne ho sentita tanta e gli Amplifier mi hanno sempre lasciato l'idea di avere capito tutto tranne un pezzetto. Allora li riascolti. Cosi' passano i mesi, persino anni. Si ha un continuo senso di incompletezza.

E' come se ogni loro disco, ep e canzone fossero dei puzzle volutamente imperfetti e l'intento della band e' incastrarti in un loop infinito.

E di fronte a queste tre caratteristiche degli Amplifier, che definirei "opzionalita'-meraviglia-inesauribilita'", a me viene da gridare al miracolo. Mi sento libero di sceglierli nella loro "non fondamentalita'", mi sento libero di essere meravigliato come un ragazzino e mi sento affascinato dal non comprendere mai a fondo la loro musica.

Perche' non e' tanto la musica "bella", la band "mostruosa", l'innovazione "rivoluzionaria" che manca nel panorama di oggi. Perche' gli obiettivi facili da individuare che qualsiasi gruppo si prefissa, e i tentativi per raggiungerli, annoiano.

Perche' le band che inseguono il capolavoro e la rivoluzione hanno scassato le balle.

Perche' la musica migliore e' uscita fuori lontano dagli schemi e dagli obiettivi.

[ThrasherXXX]

Canzoni significative: Planet of insects, The Imperor, Fall of the Empire


Questa recensione Ú stata letta 7815 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

 Afterhours
Siam Tre Piccoli Porcellin
 Deadburger
S.t.0.r.1.e.
Queens Of The Stone Age - Songs For The DeafQueens Of The Stone Age
Songs For The Deaf
AA.VV. - Mescal.itAA.VV.
Mescal.it
Love In Elevator - Venoma EPLove In Elevator
Venoma EP
Amplifier - The OctopusAmplifier
The Octopus
Primus - Animals Should Not Try To Act Like PeoplePrimus
Animals Should Not Try To Act Like People
Kim Gordon - No Home RecordKim Gordon
No Home Record
White Stripes - ElephantWhite Stripes
Elephant
Roxy Saint - The Underground Personality Tapes [DVD]Roxy Saint
The Underground Personality Tapes [DVD]