Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Tenderness - Duff McKagan (Universal)

Ultime recensioni

Mantar - Grungetown Hooligans IIMantar
Grungetown Hooligans II
Fiona Apple - Fetch The Bolt CuttersFiona Apple
Fetch The Bolt Cutters
Thou - Blessings Of The Highest OrderThou
Blessings Of The Highest Order
Wrekmeister Harmonies - We Love To Look At The CarnageWrekmeister Harmonies
We Love To Look At The Carnage
Tricot - ???Tricot
???
Bada - BadaBada
Bada
Kidbug - KidbugKidbug
Kidbug
Louise Lemon - DevilLouise Lemon
Devil
Mrs Piss - Self-SurgeryMrs Piss
Self-Surgery
Vega Lee & John Nova - iSpace DramasVega Lee & John Nova
iSpace Dramas
Myrkur - FolkesangeMyrkur
Folkesange
BlackLab - AbyssBlackLab
Abyss
Witchcraft - Black MetalWitchcraft
Black Metal
Brant Bjork - Brant BjorkBrant Bjork
Brant Bjork
1000mods - Youth Of Dissent1000mods
Youth Of Dissent
Jazz Sabbath - Jazz SabbathJazz Sabbath
Jazz Sabbath
Oranssi Pazuzu - Mestarin KynsiOranssi Pazuzu
Mestarin Kynsi
Elder - OmensElder
Omens
Shaam Larein - SculptureShaam Larein
Sculpture
Shabaka And The Ancestors - We Are Sent Here By HistoryShabaka And The Ancestors
We Are Sent Here By History

Duff McKagan - Tenderness
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Etichetta: Universal
Anno: 2019
Produzione: Shooter Jennings
Genere: rock / folk / pop



A venti anni di distanza da "Beautiful Disease", Duff McKagan si regala il terzo disco solista di una carriera varia e indubbiamente fortunata. Era lecito non aspettarsi molto da un disco uscito piuttosto in sordina eppure in "Tenderness" ci sono tante belle canzoni, ispirate dalla tradizione del rock intimista americano, quello che si può riprodurre anche solo con chitarra acustica e voce. Le atmosfere country folk rimandano ai dischi più raccolti di Neil Young ("It's Not Too Late") e il tutto è suonato con semplicità e convinzione, grazie anche alla partecipazione all'intera opera dell'artista country Shooter Jennings. Altro ospite d'eccezione è il cantautore Jonathan Wilson (presente su tre brani) che regala un bel solo a "Feel". Se le canzoni sono semplici e tradizionali, gli arrangiamenti sono comunque sapientemente curati e arrichiti da inserti di archi, fiati e cori ("Wasted Heart") e quello che sorprende è la prestazione vocale di McKagan non tanto per virtuosismi che ovviamente non ci sono, ma per il fatto di riuscire ad interpretare con efficacia il ruolo di cantastorie.

Tra una pedal steel e una ballata al piano (merita una citazione la title track) le undici canzoni scorrono via e ci si lascia cullare volentieri dall'animo nostalgico e tenero di questo disco, semplice ma sentito e, a suo modo, di classe.

[Francesco Traverso]

Canzoni significative: "Tenderness", "Last September","Feel".


Questa recensione é stata letta 145 volte!
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Ed Harcourt - Maplewood EPEd Harcourt
Maplewood EP
Mark Lanegan - Here Comes That Weird ChillMark Lanegan
Here Comes That Weird Chill
Shearwater - Animal JoyShearwater
Animal Joy
William Elliott Whitmore - Field SongsWilliam Elliott Whitmore
Field Songs
Emma Ruth Rundle - Some Heavy OceansEmma Ruth Rundle
Some Heavy Oceans
Johnny Cash - The Man Comes AroundJohnny Cash
The Man Comes Around
Marissa Nadler - & Stephen Brodsky - DroneflowerMarissa Nadler
& Stephen Brodsky - Droneflower
Steve Earle - Transcendental BluesSteve Earle
Transcendental Blues
Alexander Tucker - PortalAlexander Tucker
Portal
Ed Harcourt - Here Be MonstersEd Harcourt
Here Be Monsters