Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock metal punk indie experimental pop elettronica

Irreversible Entanglements - Who Sent You? (International Anthem)

Ultime recensioni

Geese - ProjectorGeese
Projector
Sunn O))) - Metta, BenevolenceSunn O)))
Metta, Benevolence
Dead Heat - World At WarDead Heat
World At War
Irreversible Entanglements - Open The GatesIrreversible Entanglements
Open The Gates
Full Of Hell - Garden Of Burning ApparitionsFull Of Hell
Garden Of Burning Apparitions
Khemmis - DeceiverKhemmis
Deceiver
Body Void - Bury Me Beneath This Rotting EarthBody Void
Bury Me Beneath This Rotting Earth
Idles - CrawlerIdles
Crawler
Converge - Bloodmoon IConverge
Bloodmoon I
Melvins - Five Legged DogMelvins
Five Legged Dog
Bummer - Dead HorseBummer
Dead Horse
Marissa Nadler - The Path Of The CloudsMarissa Nadler
The Path Of The Clouds
Vanishing Twin - Ookii GekkouVanishing Twin
Ookii Gekkou
Year Of No Light - ConsolamentumYear Of No Light
Consolamentum
Chevelle - NiratiasChevelle
Niratias
Emma Ruth Rundle - Engine Of HellEmma Ruth Rundle
Engine Of Hell
The Bug - FireThe Bug
Fire
Nala Sinephro - Space 1.8Nala Sinephro
Space 1.8
Monolord - Your Time To ShineMonolord
Your Time To Shine
Mastodon - Hushed And GrimMastodon
Hushed And Grim

Irreversible Entanglements - Who Sent You?
Autore: Irreversible Entanglements
Titolo: Who Sent You?
Etichetta: International Anthem
Anno: 2020
Produzione: Scott McNiece
Genere: jazz / free jazz / experimental

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:




Camae Ayewa aka Moor Mother è una delle artiste più interessanti degli ultimi anni. Particolarissimi e incisivi nei suoi dischi solista ha partecipato al primo disco degli Zonal di Broadrick e Martin. E poi è la figura centrale degli Irreversible Entanglements quintetto avant-jazz che nel 2017 debuttò con l'ottimo disco omonimo. "Who Sent You?" conferma l'incredibile capacità di Camae di rendere oro ogni cosa che tocca collaborando con musicisti nel pieno dell'ispirazione.

La poetica cyberpunk si sposa con il free-jazz schizofrenico di Keir Neuringer al sax e alle percussioni, Aquiles Navarro alla tromba e percussioni, Luke Stewart al contrabbasso e percussioni, Tcheser Holmes alla batteria. L'ingombrante presenza delle percussioni è il secondo elemento principale, che riporta l'ascoltatore ad una tribalità schizzata, quasi grindcore nell'approccio iconoclasta, ma con i piedi ben piantati nella tradizione afrobeat. Fiati che dialogano impazziti e un contrabbasso che cerca di stabilire un vago senso di ordine completano il quadro di una band unica e difficilmente adatta all'ascoltatore jazz "tipo".

"Who Sent You?" non è un disco facile ma è la cosa più vicina al suono di questo 2020: nervoso, tenebroso, arrabbiato, preoccupato e, perdonate la faciloneria, nero.

[Dale P.]

Canzoni significative: Who Sent You - Ritual, No Màs.


Questa recensione é stata letta 246 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Irreversible Entanglements - Open The GatesIrreversible Entanglements
Open The Gates

tAXI dRIVER consiglia

Matana Roberts - Coin Coin Chapter Four MemphisMatana Roberts
Coin Coin Chapter Four Memphis
Irreversible Entanglements - Open The GatesIrreversible Entanglements
Open The Gates
Irreversible Entanglements - Who Sent You?Irreversible Entanglements
Who Sent You?