Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Eat Me Drink Me - Marilyn Manson (Interscope)

Ultime recensioni

Kowloon Walled City - PieceworkKowloon Walled City
Piecework
Slowshine - Living LightSlowshine
Living Light
Unto Others - StrenghtUnto Others
Strenght
Space Afrika - Honest LabourSpace Afrika
Honest Labour
Dead Sara - It AinDead Sara
It Ain't Tragic
Big Brave - & The Body - Leaving None But Small BirdsBig Brave
& The Body - Leaving None But Small Birds
XX'ed Out
We All Do Wrong
Damon Locks Black Monument Ensemble - NowDamon Locks Black Monument Ensemble
Now
Angel Bat Dawid - Hush Harbor Mixtape Vol. 1 DoxologyAngel Bat Dawid
Hush Harbor Mixtape Vol. 1 Doxology
Andrew W.K. - God Is PartyingAndrew W.K.
God Is Partying
Hildur Guðnadóttir - Battlefield 2042 SoundtrackHildur Guðnadóttir
Battlefield 2042 Soundtrack
Chubby And The Gang - The MuttChubby And The Gang
The Mutt's Nuts
Amyl And The Sniffers - Comfort To MeAmyl And The Sniffers
Comfort To Me
Low - Hey WhatLow
Hey What
Hooded Menace - The Tritonus BellHooded Menace
The Tritonus Bell
Tropical Fuck Storm - Deep StatesTropical Fuck Storm
Deep States
Halsey - If I Can’t Have Love, I Want PowerHalsey
If I Can’t Have Love, I Want Power
Comet Control - Inside The SunComet Control
Inside The Sun
Dana Dentata - PantychristDana Dentata
Pantychrist
Turnstile - Glow OnTurnstile
Glow On

Marilyn Manson - Eat Me Drink Me
Voto:
Etichetta: Interscope
Anno: 2007
Produzione:
Genere: rock / industrial / alternative
Scheda autore: Marilyn Manson



Per la serie “anche i cattivi hanno un cuore”, Marilyn Manson si toglie di dosso i panni del provocatore e dell'aizzatore delle folle, ruolo che gli è fruttato successo a profusione, per svelare il suo lato più umano e tormentato. Figlio di un periodo segnato da una grave crisi depressiva, corollario alla separazione dalla (oramai ex) moglie Dita Von Teese, “Eat Me Drink Me” si segnala come l'opera più povera di creatività che l'ei fu Anticristo che tanta paura faceva (fa?) ai benpensanti di mezzo globo potesse mai propinarci. Più che depressione, più che tristezza, più che malinconia, in questi undici solchi c'è tanto tedio generato da una scrittura al limite del cedimento e arrangiamenti smilzi orientati verso un goth-rock nemmeno tanto elaborato poi, totalmente depredato dei suoni narcotici ed industriali cari al pittato artista statunitense.

Questa latitanza grava pesantemente sull'economia di un lavoro fiacco, incentrato più su ballad dal passo rallentato e da un lirismo sofferto ma raramente convincete. Non v'è traccia di refrain anthemici, di quei muri di suono che in passato fecero non poche vittime. Per intercettare un episodio che aumenti un tantino l'intensità dell'album si deve attendere “Are You The Rabbit?”, ottavo passaggio in scaletta e che non è poi nemmeno lontano parente delle ulcerazioni che furono. Tolte le colate elettroniche dello stile di Manson rimane un rockettino emaciato e poco ispirato dove lo sbadiglio è in perenne agguato dietro l'angolo e che svela le carenze di ispirazione, spesso in passato camuffate dal sostrato industrial.

Calma piatta e nulla di buono all'orizzonte.

[Marco Giarratana]

Canzoni significative: If I Was Your Vampire, Putting Holes In Happiness, Just A Car Crash Away.

Questa recensione é stata letta 3829 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Marilyn Manson - & The Spooky Kids - White TrashMarilyn Manson
& The Spooky Kids - White Trash
Marilyn Manson - Antichrist SuperstarMarilyn Manson
Antichrist Superstar

NEWS


26/01/2005 Ripartono Tour e Polemiche

tAXI dRIVER consiglia

Stabbing Westward - Stabbing WestwardStabbing Westward
Stabbing Westward
Killing Joke - Absolute DissentKilling Joke
Absolute Dissent
Nine Inch Nails - With TeethNine Inch Nails
With Teeth
Marilyn Manson - Antichrist SuperstarMarilyn Manson
Antichrist Superstar