Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock metal punk [ indie ] experimental pop elettronica

Onomatopea - Onomatopea (DEMO)

Ultime recensioni

Algiers - There Is No YearAlgiers
There Is No Year
The Night Watch - An Embarrassment of RichesThe Night Watch
An Embarrassment of Riches
Low Dose - Low DoseLow Dose
Low Dose
Salvation - Year Of The FlySalvation
Year Of The Fly
Lungbutter - HoneyLungbutter
Honey
Matana Roberts - Coin Coin Chapter Four MemphisMatana Roberts
Coin Coin Chapter Four Memphis
Cloud Rat - PollinatorCloud Rat
Pollinator
Cryptae - VestigialCryptae
Vestigial
Hissing Tiles - BoychoirHissing Tiles
Boychoir
Vanishing Twin - The Age Of ImmunologyVanishing Twin
The Age Of Immunology
Buildings - Negative SoundBuildings
Negative Sound
Alpha Hopper - Aloha HopperAlpha Hopper
Aloha Hopper
Rustin Man - Drift CodeRustin Man
Drift Code
Poppy - I DisagreePoppy
I Disagree
Body Hound - No MoonBody Hound
No Moon
Girl Band - The TalkiesGirl Band
The Talkies
Baby Shakes - Cause A SceneBaby Shakes
Cause A Scene
Coilguns - WatchwindersCoilguns
Watchwinders
King Gizzard & The Lizard Wizard - Infest The RatsKing Gizzard & The Lizard Wizard
Infest The Rats' Nest
The Austerity Program - Bible Songs 1The Austerity Program
Bible Songs 1

Onomatopea - Onomatopea
Voto:
Anno: 2002
Produzione:
Genere: indie / elettronica / pop
Scheda autore: Onomatopea



Innanzi tutto devo chiedere scusa a Andy (ma in generale a tutti i gruppi che mi hanno spedito le loro produzioni) per aver recensito il disco solo adesso. Purtroppo problemi di natura "organizzativa" mi hanno consentito di mettere online lo spazio demo solo adesso. Ma veniamo al disco e al gruppo: gli Onomatopea sono un duo formato da Delia Lyn (voce, chitarra, flauto traverso, flauto hawaiiano) e Andrea Pietropaolo (basso, tastiere, campionamenti e programming). Gi dalla strumentazione potete capire facilmente di trovarci di fronte ad un gruppo atipico. Inserendo il disco le nostre intuizioni si rivelano fondate. Per capirci bene pensate agli ultimi lavori di Bjork e non andrete tanto lontani. La voce di Delia si insinua dolce nelle trame (elettroniche o suonate che siano) architettate da Andrea. Dietro a tutto ci vedo un grande lavoro di ricerca dei suoni e degli arrangiamenti che per, forse, avrebbero dovuto lasciare meno spazio alla voce di Delia, per quanto bella essa sia. In conclusione a me il disco piaciuto parecchio, da grande amante di Bjork ma anche dei Portishead, altra innegabile influenza del duo.

[Dale P.]

Questa recensione stata letta 3188 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Bjork - VespertineBjork
Vespertine