Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock metal punk indie experimental [ pop ] elettronica

Supergrass - Road To Rouen (Parlophone)

Ultime recensioni

Body Void - Burn The Homes Of Those Who Seek To ControlBody Void
Burn The Homes Of Those Who Seek To Control
Ashenspire - Hostile ArchitectureAshenspire
Hostile Architecture
Mantar - Pain Is Forever and This Is the EndMantar
Pain Is Forever and This Is the End
Chat Pile - GodChat Pile
God's Country
Imperial Triumphant - Spirit Of EcstasyImperial Triumphant
Spirit Of Ecstasy
Nebula - Transmission From Mothership EarthNebula
Transmission From Mothership Earth
Viagra Boys - Cave WorldViagra Boys
Cave World
Wormrot - HissWormrot
Hiss
London Odense Ensemble - Jaiyede Sessions Vol. 1London Odense Ensemble
Jaiyede Sessions Vol. 1
Greg Puciato - MirrorcellGreg Puciato
Mirrorcell
Devil Master - Ecstasies of Never Ending NightDevil Master
Ecstasies of Never Ending Night
Sasquatch - Fever FantasySasquatch
Fever Fantasy
Candy - Heaven Is HereCandy
Heaven Is Here
Nova Twins - SupernovaNova Twins
Supernova
Sinead OSinead O'Brien
Time Bend and Break The Bower
White Ward - False LightWhite Ward
False Light
Terzij de Horde - In One Of These, I Am Your EnemyTerzij de Horde
In One Of These, I Am Your Enemy
Besvärjelsen - AtlasBesvärjelsen
Atlas
The Smile - A Light For Attracting AttentionThe Smile
A Light For Attracting Attention
Stöner - Totally...Stöner
Totally...

Supergrass - Road To Rouen
Autore: Supergrass
Titolo: Road To Rouen
Anno: 2005
Produzione:
Genere: pop / rock /

Voto:



Dopo il greatest hits del 2004 che sembrava aver posto la fine del terzetto i Supergrass ritornano con il nuovo "Road To Rouen".

Che dire … potevano anche non tornare!

Si tratta infatti di un album totalmente impalpabile, pesante già dalla prima “Tales Of Endurance (Parts 4, 5 & 6)”!

Pensare che le fortune della band erano dovute alla freschezza e leggerezza delle loro songs (vedi il capolavoro pop “ALRIGHT” su tutte) fa davvero rabbia ascoltare questo nuova produzione.

Guz, Danny, Mickey sembrano aver perso la rotta, un cambio di stile che strizza l’occhio al folk e al blues o piuttosto un revival del passato (Stones su tutti)…boh chi lo riesce a capire mi spieghi. Io so solo che sto tentando di trovare qualcosa di interessante in quest’album e dopo una serie di repeat a catena mi ritrovo sempre al punto di partenza.

Pensare che sono solo 9 tracce…forse come colonna sonora della “Corazzata Potemkin” calzerebbe bene insieme alle famose 18 bobine fantozziane!

Spiegatemi l’interlude assurdo di “Coffee In The Pod” con un “ricercato” “Ehh” che segue costantemente la traccia.

Ecco, la cosa più interessante è probabilmente rappresentata dal brano che da titolo all’album cioè “Road To Rouen” che ha il riff strappato al telefilm “Starsky & Hutch”.

All’ennesimo ascolto risulta piacevole anche il primo singolo pop-swing “St.Petersburg” con un cantato a metà tra Kelly Jones (Stereophonics) e Liam Gallagher (Oasis). Due canzoni apprezzabili su nove sono davvero troppo poche!

Dirottate le vostre finanze su qualcos’altro! O se avete crisi nostalgiche rispolverate “I Should Coco”.

[Steliam]

Canzoni significative: St Petersburg, Road To Rouen.

Questa recensione é stata letta 3673 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Ben Harper - Live From MarsBen Harper
Live From Mars
Crash Test Dummies - PussCrash Test Dummies
Puss'n'Boots
Neil Finn - & Friends - 7 Worlds CollideNeil Finn
& Friends - 7 Worlds Collide
Jadsa - Olho de VidroJadsa
Olho de Vidro
Ben Harper - Diamonds On The InsideBen Harper
Diamonds On The Inside
Rustin Man - Drift CodeRustin Man
Drift Code
Peeping Tom - Peeping TomPeeping Tom
Peeping Tom
Nick Cave - GhosteenNick Cave
Ghosteen
King Krule - Man Alive!King Krule
Man Alive!
Halsey - If I Can’t Have Love, I Want PowerHalsey
If I Can’t Have Love, I Want Power