Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock metal punk indie experimental [ pop ] elettronica

Road To Rouen - Supergrass (Parlophone)

Ultime recensioni

Boris - & Merzbow - 2R0I2P0Boris
& Merzbow - 2R0I2P0
Dale Crover - Rat-A-Tat-Tat!Dale Crover
Rat-A-Tat-Tat!
Moon Destroys - Maiden VoyageMoon Destroys
Maiden Voyage
Celebrity Sex Scandal - The FundamentalCelebrity Sex Scandal
The Fundamental
Thou - Emma Ruth Rundle - The Helm Of SorrowThou
Emma Ruth Rundle - The Helm Of Sorrow
Maggot Heart - Mercy MachineMaggot Heart
Mercy Machine
Gatecreeper - An Unexpected RealityGatecreeper
An Unexpected Reality
Viagra Boys - Welfare JazzViagra Boys
Welfare Jazz
Onségen Ensemble - FearOnségen Ensemble
Fear
Witchfucker - Afterhour In WalhallaWitchfucker
Afterhour In Walhalla
Dystopian Future Movies - InviolateDystopian Future Movies
Inviolate
The Necks - ThreeThe Necks
Three
Lingua Ignota - The Caligula DemosLingua Ignota
The Caligula Demos
Imperial Triumphant - AlphavilleImperial Triumphant
Alphaville
Crack Cloud - Pain OlympicsCrack Cloud
Pain Olympics
Illuminati Hotties - Free I.HIlluminati Hotties
Free I.H
Rosy Finch - ScarletRosy Finch
Scarlet
Kind - Mental NudgeKind
Mental Nudge
Atomic Bitchwax - ScorpioAtomic Bitchwax
Scorpio
Primitive Man - ImmersionPrimitive Man
Immersion

Supergrass - Road To Rouen
Voto:
Anno: 2005
Produzione:
Genere: pop / rock /
Scheda autore: Supergrass



Dopo il greatest hits del 2004 che sembrava aver posto la fine del terzetto i Supergrass ritornano con il nuovo "Road To Rouen".

Che dire … potevano anche non tornare!

Si tratta infatti di un album totalmente impalpabile, pesante già dalla prima “Tales Of Endurance (Parts 4, 5 & 6)”!

Pensare che le fortune della band erano dovute alla freschezza e leggerezza delle loro songs (vedi il capolavoro pop “ALRIGHT” su tutte) fa davvero rabbia ascoltare questo nuova produzione.

Guz, Danny, Mickey sembrano aver perso la rotta, un cambio di stile che strizza l’occhio al folk e al blues o piuttosto un revival del passato (Stones su tutti)…boh chi lo riesce a capire mi spieghi. Io so solo che sto tentando di trovare qualcosa di interessante in quest’album e dopo una serie di repeat a catena mi ritrovo sempre al punto di partenza.

Pensare che sono solo 9 tracce…forse come colonna sonora della “Corazzata Potemkin” calzerebbe bene insieme alle famose 18 bobine fantozziane!

Spiegatemi l’interlude assurdo di “Coffee In The Pod” con un “ricercato” “Ehh” che segue costantemente la traccia.

Ecco, la cosa più interessante è probabilmente rappresentata dal brano che da titolo all’album cioè “Road To Rouen” che ha il riff strappato al telefilm “Starsky & Hutch”.

All’ennesimo ascolto risulta piacevole anche il primo singolo pop-swing “St.Petersburg” con un cantato a metà tra Kelly Jones (Stereophonics) e Liam Gallagher (Oasis). Due canzoni apprezzabili su nove sono davvero troppo poche!

Dirottate le vostre finanze su qualcos’altro! O se avete crisi nostalgiche rispolverate “I Should Coco”.

[Steliam]

Canzoni significative: St Petersburg, Road To Rouen.

Questa recensione é stata letta 3581 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Lara Martelli - Orchidea PorporaLara Martelli
Orchidea Porpora
Ben Harper - Live From MarsBen Harper
Live From Mars
Grand Transmitter - Under The Wheel EPGrand Transmitter
Under The Wheel EP
Neil Finn - One NilNeil Finn
One Nil
Rustin Man - Drift CodeRustin Man
Drift Code
Crash Test Dummies - PussCrash Test Dummies
Puss'n'Boots
Twilight Singers - Black Is the Color of My True LoveTwilight Singers
Black Is the Color of My True Love's Hair
R.E.M. - RevealR.E.M.
Reveal
King Krule - Man Alive!King Krule
Man Alive!
Beatles, The - LoveBeatles, The
Love