Home Recensioni News [ Speciali ] Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  stoner post-metal post-hardcore metal grunge rock alternative

La Morte di Un Genere - Crossover




Crossover - La Morte di Un Genere


La scena crossover è morta. Questo è ormai un dato di fatto. Il concetto stesso di crossover è morto sostituito da un più antipatico termine (nu-metal) che scontenta i puristi del metal che considerano questi gruppi solo delle merdine commerciali (non a torto). Infatti, cosa hanno in comune i Korn con i Judas Priest?? Niente. E allora perchè mettere in comune questi due gruppi?



Iniziamo dal principio: i Korn. Con loro il crossover venne inteso come mix del metal con l'hip hop, il grunge, il punk, l'industrial ecc ecc.. Ma il termine esisteva già da anni ad intendere gruppi come Faith No More, Red Hot Chili Peppers, Primus e Living Colour. Per non parlare della nascente scena grunge che mescolava metal con punk. Quindi il termine rimaneva comunque troppo vago. Sarebbe stato più opportuno parlare di Crossover-Metal o Crossover-Punk. Ma le etichette, si sà, le inventa solo chi ne ha bisogno.



E bisogna ammettere che nella seconda metà degli anni 90 il crossover diventa una materia mutevole e strana. Inafferabile. Come fa intentendere il nome stesso del genere. In quel periodo si intendevano crossover i gruppi che ora sono i re del nu-metal: Korn, Deftones, Limp Bizkit, Tool, RATM e Faith No More (che si stavano sciogliendo). Tutto questo cosa significa? Niente. Ma pensate allora cosa hanno in comune questi gruppi? Ancora niente.





Ecco la seconda parte della vicenda. La nascita di un nutrito gruppo che si ispira alle suddette band: System Of A Down, Puya, HEDPE, Dope, Static-X, Orgy. Fin qui la qualità è ancora ad un livello sensazionale. L'aria di cambiamento si respirava ancora e ascoltare ognuno di questi gruppi era come immergersi in un nuovo mondo musicale dove veniva mescolata ogni cosa. La cosa si è fatta tragica quando le major hanno fiutato odore di soldi e hanno iniziato a promuovere band che si ispirano a questi gruppi "originali". L'odore di muffa si inizia a sentire: MTV lancia un gruppo come i Papa Roach o, più recentemente, i Linkin Park. Ma fossero solo loro. Basta dare un occhiata alle recensioni dello scorso anno per rendersene conto. Ogni mese spuntavano almeno 10 gruppi nuovi: Mudvayne, Spineshank, Endo, Union Underground, Amen, Disturbed. Tutti di discreta qualità ma senza nessun asso nella manica. Ovvero suonano tutti uguali. Ovvero comprati e rivenduti al mercatino dell'usato. Ovvero registrati e messi su una compilation con non più di una canzone per gruppo.



Dopo l'euforia iniziale ora è arrivata la noia. E trovo inutile cercare di scoprire nuovi gruppi. Tanto so già come suoneranno. Tutti carini, incazzati, rumorosi, melodici, con doppia voce (è il nuovo trend), chitarre ribassate e un po' di rappato. Ma dove sono finiti i due re del crossover moderno ovvero Puya e System Of A Down??? Entro l'estate dovrebbero uscire i loro nuovi lavori e se il fiuto non mi inganna saranno due capolavori. Perchè la classe non è acqua. Ma il concetto di crossover è morto. E la nuova etichetta è nu-metal. Quindi da ora in poi ripudierò il nu-metal e se mi chiedeno che musica ascolto risponderò CROSSOVER. Perchè il nu-metal fa sempre più schifo.





Comunque tutto questo discorso è semplicemente per dirvi una cosa: ascoltatevi pure i Linkin Park e i Papa Roach ma sappiate che fra loro e i Backstreet Boys non passa tanta differenza. Cosa aspettate a rimettere nel lettore quei CD di quei gruppi che il crossover lo sapevano realmente fare. E non suonavano quell'accozzaglia di suoni tutti uguali che ultimamente ci tocca sorbire. Ridatevi a questi ascolti (casualmente sono 10!):



System Of A Dowm - Omonimo

Puya - Fundamental

Tool - Undertow o AEnima

Rage Against The Machine - Omonimo

Deftones - Around The Fur o White Pony

Limp Bizkit - 3 Dollar$ Y'all Bill

Korn - Omonimo

Slipknot - Omonimo







[Dale P.]