Home Recensioni News [ Speciali ] Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  stoner post-metal post-hardcore metal grunge rock alternative

Il Report dei Tre Giorni - Roadburn Festival 2011




Roadburn Festival 2011 - Il Report dei Tre Giorni


Erano anni che sognavo di andare al Roadburn. Da quando ha iniziato a ingrandirsi e diventare un fenomeno meno legato all'heavy psych ma maggiormente orientato a riassumere il meglio della musica heavy attualmente in circolazione. Diciamo che e' stata l'edizione 2007 (con Melvins, Clutch, Neurosis, Om...) a farmi capire che prima o poi sarei stato a Tilburg. Tra il dire e il fare sono passati un po' di anni. Le problematiche non sono banali: soldi, tempo libero, lavoro ma sopratutto provare a prendere il biglietto parecchi mesi prima del festival. Quest'anno, pur avendo rischiato di saltare all'ultimo, ce l'ho fatta. Merito di una programmazione a cui e' difficile dire di no, anche se, ne sono ben conscio, leggermente sotto tono dal punto di vista puramente "Roadburn". Piu' band ma meno heavy psych. Piu' metal, black metal, drone, hardcore meno quell'armonia psichedelica a cui si associa il nome del festival.

Ma non si puo' fare troppa critica ad un cartellone che vede assieme: Godflesh, Pentagram, Wovenhand, Soilent Green, Sunn O))), Corrosion Of Conformity, Earth, Scorn, Voivod, Swans, Ufomammut, Rwake e decine di altri..

Vi lasciamo al report diviso in tre giorni:
Primo Giorno :Godflesh - Atomic Bitchwax - Pentagram - Today Is The Day - Blood Ceremony - Ghost -> REPORT

Secondo Giorno: Sunn O))) - Earth - Scorn - Sabbath Assembly - Year Of No Light -> REPORT

Terzo Giorno: Swans - Shrinebuilder - Voivod - Weedeater - White Hills - Master Musicians Of Bukkake -> REPORT



[Dale P.]