Fabio Cuomo presenterà la sua nuova creatura al Taxi Driver Summer Fest

Fabio Cuomo. C'è bisogno di presentazione?

In una città ricca di attività musicali (studi di registrazione, band, club, negozi di dischi, etichette) c’è solo una persona che riesce ad interagire attivamente con tutte queste: Fabio Cuomo. Se molti si chiudono nel proprio recinto per motivi caratteriali, di genere o perchè ignora il resto del mondo, Fabio Cuomo ha virtualmente le chiavi di ogni luogo della città.

La prima volta che ho visto Fabio suonare era con i mitici White Ash, la band che ha folgorato tutti noi giovani musicisti facendoci esclamare “I Kyuss!!”. Quel power trio era una bomba dal vivo e purtroppo non ha fatto in tempo a pubblicare qualcosa. Ma ricordo i capelli sulla faccia del bassista Stefano Parodi che facevano tanto Scott Reeder, il misto fra John Garcia e Josh Homme che era Fabio Speranza. Ma soprattutto il Dale Crover (o se preferite Dave Grohl) cittadino: Fabio Cuomo. Batteria enorme e un incedere da mandria impazzita mandò in corto circuito il mio cervello.

Dopo lo scioglimento dei White Ash Stefano iniziò a suonare con i Vanessa Van Basten e Fabio nei Temple Of Deimos. Fabio Cuomo invece si dedicò a mille progetti nell’area metal: Sin Of Lot, Nerve, Elder Fate e alcuni con nomi talmente allucinanti che è meglio rimangano un segreto per pochi.

Nel mentre inizia a lavorare ad un progetto solitario. Quello che ne viene fuori dai provini è una sorta di metal strumentale apocalittico e contorto. Registrando questi primi esperimenti presso i Blackwave Studio di Fabio Palombi (Nerve, Ritual Of Rebirth) quest’ultimo prova ad inserire la voce su quel tappeto sonoro. Nascono i Kolossus:

 

 

La band ha vita breve e Fabio porta i suoi spartiti e i suoi strumenti al Green Fog Studio per registrare il suo esordio come Eremite. Fabio suona tutto: basso, chitarra, batteria, pianoforte e l’unico contributo esterno sarà quello di Sara Twinn al sassofono. Due brani da 20 minuti l’uno sono gli ingredienti di Dragonarius. Oltre alla copertina dell’illustratrice Jessica Rassi, compagna di vita del gigante buono.

Nel mentre si ricongiunge con l’ex compagno Stefano Parodi registrando alcuni demo con i Vanessa Van Basten. Il risultato lo si può ascoltare nel brano Arbeit nella raccolta uscita per Solar Ipse intitolata “Ruins: Sketches and Demos”. E non dimentica neanche l’altro ex WhiteAsh registrando le batterie nel secondo disco dei Temple Of Deimos di Fabio Speranza.

Dopo alcune prove con Jessica Rassi alla chitarra nasce il primo nucleo dei Mope a cui si aggiungono Stefano Parodi (basso) e Sara Twinn (sassofono). La band registra un demo e successivamente ripulito e rimasterizzato viene pubblicato come album.

Tra una visita e l’altra al Green Fog Fabio si trova a jammare con Mattia Cominotto che, pur essendo stato chitarrista dei Meganoidi e ora negli Od Fulmine, ha un animo hardcore / post che non riesce a sopprimere (per fortuna). L’Inverno della Civetta nasce così. Portandosi dietro il fidato Stefano Parodi e aggiungendo ospiti ad ogni brano. Successivamente Mattia decide di allargare il progetto anche ad altre collaborazioni fra diverse band e nasce il disco pubblicato da Taxi Driver e Dreamingorilla.

Non dimentichiamo il progetto principale di Fabio, gli Eremite. Per portare la musica dal vivo Fabio allestisce una band vera e propria. Dopo aver risolto alcuni dubbi su che strumento suonare (chitarra o batteria?) e aver reclutato in pianta stabile Giulia Piras al basso, Fabio inizia a scrivere nuovo materiale. Nasce “All Things Merge Into One” un disco meno monolitico del precedente, più vario nel songwriting ma altrettanto sbalorditivo nel suo mescolare doom, sludge, post metal, musica classica, death metal.

Siamo ai giorni nostri. Fabio torna ai Blackwave Studio ma questa volta con synth, tastiere ed effetti assortiti. Il risultato sarà pubblicato nei prossimi mesi da Taxi Driver Records ma potete avere un’anticipazione qua sotto:

Fabio suonerà al Taxi Driver Summer Fest!! seguite il programma del festival per non perderlo!!!

contatti: Facebook

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*