Home Recensioni News Speciali [ Live Reports ] Etichetta Negozio Radio
  rock metal punk indie experimental pop elettronica

Concerto Big Brave - Aicher del 04/05/2023



Kim Gordon - The CollectiveKim Gordon
The Collective
High On Fire - Cometh The StormHigh On Fire
Cometh The Storm
Cell Press - CagesCell Press
Cages
Pissed Jeans - Half DivorcedPissed Jeans
Half Divorced
Moor Mother - The Great BailoutMoor Mother
The Great Bailout
The Messthetics - And James Brandon LewisThe Messthetics
And James Brandon Lewis
Brat - Social GraceBrat
Social Grace
Gouge Away - Deep SageGouge Away
Deep Sage
The Body - & Dis Fig - Orchards of a Futile HeavenThe Body
& Dis Fig - Orchards of a Futile Heaven
Chelsea Wolfe - She Reaches Out To She Reaches Out To SheChelsea Wolfe
She Reaches Out To She Reaches Out To She

Circolo Gagarin

Busto Arsizio

04/05/2023

Cosa può portarmi un giovedì sera nella remota Busto Arsizio se non la volontà di rivedere i Big Brave? Al Roadburn Festival è stata la band che più mi ha impressionato e il cui concerto è entrato nella mia top personale dei più belli che abbia mai visto. Audio perfetto, intensità assoluta, luci meravigliose, visual impressionanti: tutte particolarità che sapevo non potevano avere paragoni con il Circolo Gagarin. Eppure. La risposta è la consapevolezza di godermeli in un ambiente più intimo, con un palco ad altezza umana, magari in prima fila a farmi spettinare dalla potenza degli amplificatori. E così è stato.

Apre la serata il nuovo bassista Liam Andrews con un set di drone industrial particolarmente pesante. Liam suonava nei My Disco e fra non molto pubblicherà il suo debutto solista. Il personaggio è particolarmente inquietante nella sua freddezza e lancia frequenze ribassate con naturalezza addosso al curioso pubblico smanettando con qualsiasi oggetto presente sul palco, compreso se stesso.

Finito il set il pubblico si accalca a ridosso del palco in attesa della band principale. La curiosità è palpabile e la temperatura della stanza si alza considerevolmente. Dopo un breve line check si spengono le luci e il quartetto inizia a lanciare feedback e droni a volume sconsiderato. La scaletta è la riproposizione dell'ultimo, ottimo, "Nature Morte" disco che ha segnato il passaggio per l'etichetta Thrill Jockey dopo anni con Southern Lord.

Il chitarrista Mat Ball si contorce generando un suono elettrico che rimanda a Stephen O'Malley, Dylan Carlson, Thurston Moore, King Buzzo ovvero un mix fra noise rock e drone metal. La cantante e chitarrista Robin Wattie sembra assorta in pensieri tristi e solo alla fine si lascerà andare a commossi ringraziamenti. Ho guardato attentamente i suoi occhi per capire se c'era finzione nella sua commozione (anche al Roadburn e immagino anche nelle altre date ha finito il concerto in lacrime) ma è una evidente reazione all'intensità e alla concentrazione durante il concerto. E' curioso come quattro persone siano riuscite a trovare uno sfogo suonando questo tipo di musica che fondamentalmente non ha precedenti. E' un flusso magmatico continuo in cui convergono Sunn O))) e Godspeed You Black Emperor, Earth e Melvins, Sonic Youth e Neurosis e il cui risultato è maggiore della somma degli elementi.

E' raro vedere tanta intensità in un palco. Chi era nello splendido Circolo Gagarin ha assistito ad uno spettacolo unico, sincero e catartico.

[Dale P.]


Recensioni dei protagonisti del concerto:
Big Brave - & The Body - Leaving None But Small BirdsBig Brave
& The Body - Leaving None But Small Birds
Big Brave - A Gaze Among ThemBig Brave
A Gaze Among Them
Big Brave - Nature MorteBig Brave
Nature Morte
Big Brave - VitalBig Brave
Vital

LIVE REPORTS
20/04/2023Big Brave
Cave In
Imperial Triumphant
Chat Pile
Ken Mode
Wolves In The Throne Room
Brutus
TilburgRoadburn Festival 2023
04/05/2023Big Brave
Aicher
Busto ArsizioCircolo Gagarin
23/09/2023Sunn O)))
Big Brave
Mutoid Man
Ken Mode
Aeviterne
Ashenspire
PortoAmplifest