Home Recensioni News Speciali [ Live Reports ] Etichetta Negozio Radio Festival
  rock metal punk indie experimental pop elettronica

Concerto Keelhaul - Bruce Lamont del 12/05/2011



Om - BBC Radio 1Om
BBC Radio 1
Domkraft - Slow FidelityDomkraft
Slow Fidelity
Hexgrafv - RitualHexgrafv
Ritual
Stew - PeopleStew
People
The Lunar Effect -  Calm Before The CalmThe Lunar Effect
Calm Before The Calm
Yung Druid - Yung DruidYung Druid
Yung Druid
Ruff Majik - TarnRuff Majik
Tarn
Green Lung - Woodland RitesGreen Lung
Woodland Rites
The Black Heart Death Cult - The Black Heart Death CultThe Black Heart Death Cult
The Black Heart Death Cult
Tropical Trash - Southern Indiana Drone FootageTropical Trash
Southern Indiana Drone Footage

Seleziona l'anno

2019 2018 2017 2016 2015 2014 2013 2012 2011 2010 2009 2008 2007 2006 2005 2004 2003 2002 2001 2000

Concerto Magnolia

Milano

12/05/2011

E' raro trovare un gruppo sfigato quanto i Keelhaul. Quattro dischi all'attivo, un'etichetta relativamente hype come la Hydra Head e ben poche copie vendute. Cosi' poche che pur ristampando i primi tre dischi in vinile picture con donne nude non hanno ancora finito la tiratura (300 copie) dopo due anni dalla pubblicazione.

Sono bruttissimi (un nigga butterato, un ciccione con gli occhiali, un nanetto pelato e un bear senza il physique du role) ma suonano divinamente. Non voglio entrare nel merito di chi ascolta musica ("che brutti, no questi non li ascoltero' mai") o nelle logiche promozionali di certe etichette (c'e' da dire che i Keelhaul nessuno li recensisce e nessuno li intervista) ma chi non li ascolta non sa cosa si perde.

Math metal con influenze noise, sludge, hardcore si fondono in un tripudio di riff sbilenchi, taglienti come lame ma capaci del classico headbanging nei momenti piu' "aperti". Uno spettacolo su disco come dal vivo. Impossibile non incantarsi nel vedere quattro musicisti cosi' preparati che suonano un genere come non e' mai stato suonato. Come prendere i Mastodon e farli jammare con Shellac, Jesus Lizard e Don Caballero. Non un attimo di pausa, se non per far rimontare la corda al bassista, non un cedimento. Spettacolare la collaborazione con Bruce Lamont e il suo ipnotico sax.

Bruce Lamont dei Yakuza (per la serie band sfigate che nessuno ascolta) si presenta in apertura. Da solo. Sgabello, microfoni, sax, chitarra e loop station. Suona i brani del disco solista e armeggia con sovraincisioni e atmosfere alienanti. Inizio un po' freddo ma col passare dei minuti riesce a conquistare lo sparuto pubblico.

Pubblico formato da una quarantina di persone. Tutte consapevoli di sentirsi un po' speciali nell'assistere ad un concerto da ricordare negli anni.

di seguito alcuni video della serata (grazie a SteGer):

Bruce Lamont

Keelhaul

Keelhaul & Bruce Lamont

[Dale P.]


Recensioni dei protagonisti del concerto:
Bruce Lamont - Feral Songs For The Epic DeclineBruce Lamont
Feral Songs For The Epic Decline
Keelhaul - Subject to Change Without NoticeKeelhaul
Subject to Change Without Notice
Keelhaul - Triumphant Return To ObscurityKeelhaul
Triumphant Return To Obscurity

LIVE REPORTS
12/05/2011Keelhaul
Bruce Lamont
MilanoMagnolia