Home Recensioni News Speciali [ Live Reports ] Etichetta Negozio Radio Festival
  stoner post-metal post-hardcore metal grunge rock alternative

Concerto Nick Cave del 22/02/2004



King Buzzo - This Machine Kills ArtistsKing Buzzo
This Machine Kills Artists
Emma Ruth Rundle - Some Heavy OceansEmma Ruth Rundle
Some Heavy Oceans
Dwarves - Invented Rock & RollDwarves
Invented Rock & Roll
Mastodon - Once More Around The SunMastodon
Once More Around The Sun
Wolves In The Throne Room - CelestiteWolves In The Throne Room
Celestite
Earth - Primitive And DeadlyEarth
Primitive And Deadly
Zola Jesus - VersionsZola Jesus
Versions
Vista Chino - PeaceVista Chino
Peace
Jex Thoth - Blood Moon RiseJex Thoth
Blood Moon Rise
Uncle Acid And The Deadbeats - Mind ControlUncle Acid And The Deadbeats
Mind Control

Seleziona l'anno

2019 2018 2017 2016 2015 2014 2013 2012 2011 2010 2009 2008 2007 2006 2005 2004 2003 2002 2001 2000

Concerto Auditorium

Milano

22/02/2004

Magia. Non trovo una parola migliore per descrivere quello che il Re Inchiostro e i tre Bad Seeds al suo seguito sono riusciti a creare nell’Auditorium. Raramente ho visto concerti a teatro e, entrando nell’Auditorium, mi sono trovato in un mondo nuovo: guardaroba gratis, mostre fotografiche stupende nel piano interrato e maschere in smoking che accompagnavano ai propri posti giovinastri, come me, senza neanche uno straccio di camicia.

Il costo del biglietto è esorbitante, 50euro per la galleria e 60 per la platea, ma il concerto, in questa cornice, è senza prezzo.

La scaletta è perfetta, stra-apprezzata da tutti, con pochi pezzi dell’ultimo disco, che non è ancora entrato nel cuore dei fans, e rivisitazioni incantevoli di tutti i prezzi più attesi da chi ama Nick Cave, al punto da comprarsi un biglietto così caro.

Cave dialoga col pubblico e si muove elegantemente dietro un meraviglioso Stanway a coda, mentre presenta le varie Mercy seat, Do you love me pt2, Henry Lee, Darker with the day, ecc. e ci delizia coverizzando Jonny Cash e Tim Buckley, l’audience lo adora e lo costringe a suonare per oltre due ore. Addirittura una spettatrice viene coinvolta nell’esecuzione di Into my arms.

Purtroppo, il difetto dell’ascoltatore medio di Nick Cave, è che non si cura dei Bad Seeds come meritano: Martin Casey è un bassista di una precisione infinita, Jim Sclavunos accarezza e malmena una batteria essenziale, dimostrando di poter dare lezioni di dinamiche e gusto a chiunque, ma è Warren Ellis a incantarmi. Prima del concerto ero un po’ perplesso dall’assenza completa di chitarre, ma il violinista riesce a violentare la mia idea della musica; con plettro e mani trasforma il violino in una chitarra ritmica adeguata, e quando arriva il suo assolo, alza l'archetto al cielo, si gira verso l’ampli per sfruttare il feedback, pesta il distorsore e si dimostra maestro di armonia, di suoni, di noise e di musica, nella sua interezza. Incredibile il solo di Stagger Lee.

Tutti i suoni sono perfetti, come mai avevo sentito dal vivo, ma meritano una menzione particolare anche i tecnici delle luci, che riescono a diventare parte integrante di una ventina di canzoni immortali.

[Ernest]


Recensioni dei protagonisti del concerto:
Nick Cave - HenryNick Cave
Henry's Dream
Nick Cave - Let Love InNick Cave
Let Love In
Nick Cave - Murder BalladsNick Cave
Murder Ballads
Nick Cave - No More Shall We PartNick Cave
No More Shall We Part

LIVE REPORTS
22/02/2004MilanoAuditorium