Home Recensioni News Speciali [ Live Reports ] Etichetta Negozio Radio Festival
  stoner post-metal post-hardcore metal grunge rock alternative

Concerto Sleep - Obsessed - Pelican - Mike Scheidt - Jesu - Church Of MiseryOranssi Pazuzu del 14/04/2012



King Buzzo - This Machine Kills ArtistsKing Buzzo
This Machine Kills Artists
Emma Ruth Rundle - Some Heavy OceansEmma Ruth Rundle
Some Heavy Oceans
Dwarves - Invented Rock & RollDwarves
Invented Rock & Roll
Mastodon - Once More Around The SunMastodon
Once More Around The Sun
Wolves In The Throne Room - CelestiteWolves In The Throne Room
Celestite
Earth - Primitive And DeadlyEarth
Primitive And Deadly
Zola Jesus - VersionsZola Jesus
Versions
Vista Chino - PeaceVista Chino
Peace
Jex Thoth - Blood Moon RiseJex Thoth
Blood Moon Rise
Uncle Acid And The Deadbeats - Mind ControlUncle Acid And The Deadbeats
Mind Control

Seleziona l'anno

2018 2017 2016 2015 2014 2013 2012 2011 2010 2009 2008 2007 2006 2005 2004 2003 2002 2001 2000

Concerto Roadburn 2012 Day 3

Tilburg

14/04/2012

Il terzo giorno e' ovviamente il piu' difficile. In primis perche' si presentano i pesi massimi (Jesu, Sleep, Pelican, Obsessed), ma soprattutto perche' segna la fine del festival in quanto tale. Quindi ogni esibizione viene vissuta con quel retrogusto amaro che ci fa gia' sognare di essere a Tilburg nel 2013.

Alle 15 ci presentiamo puntuali allo Stage01 con Mike Scheidt (cantante e chitarrista degli Yob) che presenta il suo primo disco solista. Acustico, intimista e vagamente simile alle prove in solitaria di Scott Kelly (Neurosis). Lo preferiamo decisamente nella veste elettrica. Dopo aver spulciato ogni banchetto possibile andiamo nel Paatronat mentre i riformati Celestial Season suonano per la prima volta il seminale album "Solar Lovers". Successivamente voliamo nel Main Stage ad ascoltare i Church Of Misery. Nuova formazione ma nessun cambiamento di stile. Purtroppo al bassista si fulminano ben due testate e assisteremo quindi ad un concerto un po' zoppo, con la band intenta a lanciarsi in mini jam psichedeliche mentre i tecnici risolvono la situazione. Andiamo a farci "consolare" dagli Jesu. Pur avendo perso un po' lo smalto nei dischi la band di Justin Broadrick dal vivo e' sempre una garanzia: il mix di suoni potenti e atmosfera sognante conquista i presenti. Sempre di corsa torniamo al Main Stage per assistere al concerto dei Pelican. Ammetto che la band non e' la mia preferita del genere e dal vivo risulta noiosa quanto i loro dischi. Rimane un mistero il loro "successo", almeno rispetto ad altri gruppi del campionato post-metal/sludge strumentale. In preparazione del concerto degli Sleep ci concediamo una pausa ristoratrice godendoci gli Obsessed e gli Oranssi Pazuzu. I primi scaldano il cuore dei fan del doom e di Wino, i secondi stupiscono i curiosi con un particolare mix fra psichedelia, rock e black metal. La piu' bella sorpresa del festival. Purtroppo dobbiamo abbandonarli a meta' per andare a prendere un posto comodo nel main stage. E' ovvio che saranno tutti li': stanno per suonare gli Sleep.

Riassumere l'esperienza catartica generata dai suoni di chitarra di Pike e dal basso di Cisneros risulta da una parte ridicola e dall'altra riduttiva. La band e' in stato di grazia. Pike (a petto nudo) e' il piu' pasticcione ma con una grassa pennata e' capace di levarsi da ogni problema. I suoi assoli sembrano slegati e casuali ma generano un corto circuito mentale unico. La band e' nel suo habitat naturale: 6 casse a testa e joint come se piovesse che spuntano dai lati del palco. Non esiste al mondo posto migliore dove vedere gli Sleep. Volumi clamorosi e visual perfetti fanno da chiusura di uno dei concerti piu' belli a cui abbia mai assistito.

La giornata per noi e' finita. Orecchie sature, stanchezza e svuotamento. Nella scelta tra Devil, Jucifer e Bongripper optiamo per la Heavy Jam. Ovvero J Mascis (Witch e Dinosaur Jr) con gente a caso (Earthride) che si lanciano in una, ehm, heavy jam. Nella sua inutilita' risulta pure godibile. E J Mascis e' sempre un gran bel vedere.

Con un po' di commozione la festa e' finita. Il Roadburn come lo conosciamo e' giunto al termine. Ma il giorno dopo ci aspetta, per la prima volta, l'Afterburner. E la curiosita' e' alle stelle.

[Dale P.]

Recensioni dei protagonisti del concerto:
Jesu - AscensionJesu
Ascension
Jesu - ConquerorJesu
Conqueror
Jesu - InfinityJesu
Infinity
Jesu - JesuJesu
Jesu
Jesu - Silver EPJesu
Silver EP
Pelican - AustralasiaPelican
Australasia
Pelican - City Of EchoesPelican
City Of Echoes
Pelican - Ephemeral EPPelican
Ephemeral EP
Pelican - Pelican EPPelican
Pelican EP
Pelican - The Fire In Our Throats Wil Beckon The ThawPelican
The Fire In Our Throats Wil Beckon The Thaw
Pelican - The March Into The Sea EPPelican
The March Into The Sea EP
Pelican - What We All Come To NeedPelican
What We All Come To Need
Pelican - Young Widows / SplitPelican
Young Widows / Split
Sleep - JerusalemSleep
Jerusalem

LIVE REPORTS
19/05/2005Isis
Jesu
Tim Hecker
TorinoAntidox
15/02/2006Cave In
Pelican
TorinoSpazio 211
26/05/2006Jesu
Final
LegnanoJail
17/05/2012Sleep
A Storm Of Ligth
Morkobot
PiacenzaFillmore
14/04/2012Sleep
Obsessed
Pelican
Mike Scheidt
Jesu
Church Of MiseryOranssi Pazuzu
TilburgRoadburn 2012 Day 3
PROSSIMI CONCERTI
17/11/2005 JesuZoo Bar(RM)
18/04/2011 PelicanMagnolia(MI)