Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Hunter - A Life Once Lost (Ferret)

Ultime recensioni

Besvärjelsen - FrostBesvärjelsen
Frost
Drool - Drool IIDrool
Drool II
Deafkids - MetaprogramaçãoDeafkids
Metaprogramação
Kim Gordon - No Home RecordKim Gordon
No Home Record
Beth Gibbons - Henryk Gorecki Symphony No. 3Beth Gibbons
Henryk Gorecki Symphony No. 3
The Silence - Metaphysical FeedbackThe Silence
Metaphysical Feedback
Lo Pan - SubtleLo Pan
Subtle
William Duvall - One AloneWilliam Duvall
One Alone
Werian - AnimistWerian
Animist
Deathspell Omega - The Furnaces Of PalingenesiaDeathspell Omega
The Furnaces Of Palingenesia
Blut Aus Nord - HallucinogenBlut Aus Nord
Hallucinogen
30000 Monkies - Are Forever30000 Monkies
Are Forever
Idles - A Beautiful Thing Idles Live At Le BataclanIdles
A Beautiful Thing Idles Live At Le Bataclan
Om - BBC Radio 1Om
BBC Radio 1
Domkraft - Slow FidelityDomkraft
Slow Fidelity
Hexgrafv - RitualHexgrafv
Ritual
Stew - PeopleStew
People
The Lunar Effect -  Calm Before The CalmThe Lunar Effect
Calm Before The Calm
Yung Druid - Yung DruidYung Druid
Yung Druid
Ruff Majik - TarnRuff Majik
Tarn

A Life Once Lost - Hunter
Voto:
Etichetta: Ferret
Anno: 2005
Produzione:
Genere: metal / metalcore /
Scheda autore: A Life Once Lost

MP3: Needleman
Rehashed
Vulture


Ascoltando per la prima volta "Hunter" sono rimasto deluso dal fatto che la band avesse cercato di allontanarsi dal sound Meshuggah dell'esordio incorporando nuove influenze (southern, stoner, death, hardcore, metal). Deluso perchè band che suonano come i Meshuggah ce ne sono troppo poche e, soprattutto, perchè le canzoni mi sembravano avessero perso qualcosa.

Continuando con gli ascolti (tra l'altro stavo preparando una recensione parecchio delusa, lo ammetto) sono rimasto rapito da questa band che ruba ai Mastodon il titolo di migliore band "heavy" attualmente in circolazione. Sto esagerando? No.

Il songwriting ispirato e personale della band mostra sì tutte le influenze in modo palese ma mescolate in modo originale e spesso inaspettato, alcune volte volutamente forzato, tanto da creare un magma sonoro potente e convincente che in colpo solo distrugge tutto il metalcore proiettando il genere verso un nuovo livello da superare.

Tornando al paragone con i Mastodon, la band si nutre della stessa idea di triturare tutto il triturabile con violenza senza trascurare il groove, vero valore aggiunto di entrambe le formazioni. Ma se le radici della band di Brann Dailor sono da ricercare nell'hard-rock e nel prog quelle dei A Life Once Lost affondano nell'heavy metal, nel death tecnico (Meshuggah, Death) e nel thrash (Pantera) guadagnando in marzialità e usando gli stop'n'go per sbatterci in faccia tutta la loro potenza.

Se quest'anno dovete comprare un solo disco questo è l'acquisto da fare.

[Dale P.]

Canzoni significative: tutte.

Questa recensione é stata letta 5722 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

A Life Once Lost - A Great ArtistA Life Once Lost
A Great Artist

tAXI dRIVER consiglia

Zao - The Fear Is What Keeps Us HereZao
The Fear Is What Keeps Us Here
Sepultura - RoorbackSepultura
Roorback
Abel Is Dying - Promo 2k5Abel Is Dying
Promo 2k5
A Life Once Lost - A Great ArtistA Life Once Lost
A Great Artist
Znort - 200 BpmZnort
200 Bpm
 Brutal Rash
The Gyre
Since By Man - A Hate Love RelationshipSince By Man
A Hate Love Relationship
A Life Once Lost - HunterA Life Once Lost
Hunter
Throwdown - VendettaThrowdown
Vendetta
Nora - Save YourselfNora
Save Yourself