Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Green & Cold - Aidan Baker (Gears Of Sand)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Aidan Baker - Green & Cold
Voto:
Anno: 2007
Produzione:
Genere: metal / drone / ambient



Mastermind dei Nadja, Aidan Baker è anche un prolifico compositore solista, giungendo con “Green & Cold” alla dodicesima (cifra non stimabile con certezza, ergo ci avvaliamo del beneficio del dubbio) pubblicazione in sette anni. Dalla band-madre mutua certe diluizioni e sfibrature cromatiche, rielaborandole secondo una sensibilità di impronta ambient (“Beautiful Beast” ne è una valente testimonianza, così come le due “Untitled” in coda). L'approccio vocale è sussurrante ed in “Merge” è forte un'indole schiva ed introspettiva. Nessuna sontuosa architettura si intravede, così come i momenti “di piena” sono lontane eco di un flemmatico fluire tra chitarre acustiche completamente immerse in un liquido composto, dove la voce sommersa solo in sparuti frangenti emerge per donar vita a monologhi melodici. “Chainsaw” è l'istantanea che più sfiora le comuni fattezze della canzone, con un motivo timido che si distende su minime modulazioni.

A regger il tutto sono atmosfere impalpabili che sanno anche rapire l'ascoltatore in un mix di arie astrali e crepuscoli silvestri. Vi si invita all'ascolto.

[Marco Giarratana]

Canzoni significative: Chainsaw, Merge, Beautiful Beast.


Questa recensione é stata letta 2902 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Mamiffer - Mare DecendriiMamiffer
Mare Decendrii
The Dead C - Rare RaversThe Dead C
Rare Ravers
Imbogodom - The Metallic YearImbogodom
The Metallic Year
Sunn O))) - Life MetalSunn O)))
Life Metal
Lustmord - OtherLustmord
Other
Earth - The Bees Made Honey in the LionEarth
The Bees Made Honey in the Lion's Skull
Khlyst - Chaos Is My NameKhlyst
Chaos Is My Name
Boris - FloodBoris
Flood
Harvestman - TrinityHarvestman
Trinity
ASVA - What You DonASVA
What You Don't Know Is Frontier