Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Green & Cold - Aidan Baker (Gears Of Sand)

Ultime recensioni

Mantar - Grungetown Hooligans IIMantar
Grungetown Hooligans II
Fiona Apple - Fetch The Bolt CuttersFiona Apple
Fetch The Bolt Cutters
Thou - Blessings Of The Highest OrderThou
Blessings Of The Highest Order
Wrekmeister Harmonies - We Love To Look At The CarnageWrekmeister Harmonies
We Love To Look At The Carnage
Tricot - ???Tricot
???
Bada - BadaBada
Bada
Kidbug - KidbugKidbug
Kidbug
Louise Lemon - DevilLouise Lemon
Devil
Mrs Piss - Self-SurgeryMrs Piss
Self-Surgery
Vega Lee & John Nova - iSpace DramasVega Lee & John Nova
iSpace Dramas
Myrkur - FolkesangeMyrkur
Folkesange
BlackLab - AbyssBlackLab
Abyss
Witchcraft - Black MetalWitchcraft
Black Metal
Brant Bjork - Brant BjorkBrant Bjork
Brant Bjork
1000mods - Youth Of Dissent1000mods
Youth Of Dissent
Jazz Sabbath - Jazz SabbathJazz Sabbath
Jazz Sabbath
Oranssi Pazuzu - Mestarin KynsiOranssi Pazuzu
Mestarin Kynsi
Elder - OmensElder
Omens
Shaam Larein - SculptureShaam Larein
Sculpture
Shabaka And The Ancestors - We Are Sent Here By HistoryShabaka And The Ancestors
We Are Sent Here By History

Aidan Baker - Green & Cold
Voto:
Anno: 2007
Produzione:
Genere: metal / drone / ambient



Mastermind dei Nadja, Aidan Baker è anche un prolifico compositore solista, giungendo con “Green & Cold” alla dodicesima (cifra non stimabile con certezza, ergo ci avvaliamo del beneficio del dubbio) pubblicazione in sette anni. Dalla band-madre mutua certe diluizioni e sfibrature cromatiche, rielaborandole secondo una sensibilità di impronta ambient (“Beautiful Beast” ne è una valente testimonianza, così come le due “Untitled” in coda). L'approccio vocale è sussurrante ed in “Merge” è forte un'indole schiva ed introspettiva. Nessuna sontuosa architettura si intravede, così come i momenti “di piena” sono lontane eco di un flemmatico fluire tra chitarre acustiche completamente immerse in un liquido composto, dove la voce sommersa solo in sparuti frangenti emerge per donar vita a monologhi melodici. “Chainsaw” è l'istantanea che più sfiora le comuni fattezze della canzone, con un motivo timido che si distende su minime modulazioni.

A regger il tutto sono atmosfere impalpabili che sanno anche rapire l'ascoltatore in un mix di arie astrali e crepuscoli silvestri. Vi si invita all'ascolto.

[Marco Giarratana]

Canzoni significative: Chainsaw, Merge, Beautiful Beast.


Questa recensione é stata letta 2924 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Boris - AbsolutegoBoris
Absolutego
Harvestman - TrinityHarvestman
Trinity
Sunn O))) - & Boris - AltarSunn O)))
& Boris - Altar
Sunn O))) - Black OneSunn O)))
Black One
Earth - Hex Or Printing In The Infernal MethodEarth
Hex Or Printing In The Infernal Method
Lustmord - Songs Of Gods And DemonsLustmord
Songs Of Gods And Demons
Boris - FloodBoris
Flood
Sunn O))) - Flight Of The BehemotSunn O)))
Flight Of The Behemot
Master Musicians Of Bukkake - Totem TwoMaster Musicians Of Bukkake
Totem Two
Lustmord - OtherLustmord
Other