Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Aidan Baker - Green & Cold (Gears Of Sand)

Ultime recensioni

Dead Heat - World At WarDead Heat
World At War
Irreversible Entanglements - Open The GatesIrreversible Entanglements
Open The Gates
Full Of Hell - Garden Of Burning ApparitionsFull Of Hell
Garden Of Burning Apparitions
Khemmis - DeceiverKhemmis
Deceiver
Body Void - Bury Me Beneath This Rotting EarthBody Void
Bury Me Beneath This Rotting Earth
Idles - CrawlerIdles
Crawler
Converge - Bloodmoon IConverge
Bloodmoon I
Melvins - Five Legged DogMelvins
Five Legged Dog
Bummer - Dead HorseBummer
Dead Horse
Marissa Nadler - The Path Of The CloudsMarissa Nadler
The Path Of The Clouds
Vanishing Twin - Ookii GekkouVanishing Twin
Ookii Gekkou
Year Of No Light - ConsolamentumYear Of No Light
Consolamentum
Chevelle - NiratiasChevelle
Niratias
Emma Ruth Rundle - Engine Of HellEmma Ruth Rundle
Engine Of Hell
The Bug - FireThe Bug
Fire
Nala Sinephro - Space 1.8Nala Sinephro
Space 1.8
Monolord - Your Time To ShineMonolord
Your Time To Shine
Mastodon - Hushed And GrimMastodon
Hushed And Grim
Jerusalem In My Heart - QalaqJerusalem In My Heart
Qalaq
Limp Bizkit - Still SucksLimp Bizkit
Still Sucks

Aidan Baker - Green & Cold
Titolo: Green & Cold
Anno: 2007
Produzione:
Genere: metal / drone / ambient

Voto:



Mastermind dei Nadja, Aidan Baker è anche un prolifico compositore solista, giungendo con “Green & Cold” alla dodicesima (cifra non stimabile con certezza, ergo ci avvaliamo del beneficio del dubbio) pubblicazione in sette anni. Dalla band-madre mutua certe diluizioni e sfibrature cromatiche, rielaborandole secondo una sensibilità di impronta ambient (“Beautiful Beast” ne è una valente testimonianza, così come le due “Untitled” in coda). L'approccio vocale è sussurrante ed in “Merge” è forte un'indole schiva ed introspettiva. Nessuna sontuosa architettura si intravede, così come i momenti “di piena” sono lontane eco di un flemmatico fluire tra chitarre acustiche completamente immerse in un liquido composto, dove la voce sommersa solo in sparuti frangenti emerge per donar vita a monologhi melodici. “Chainsaw” è l'istantanea che più sfiora le comuni fattezze della canzone, con un motivo timido che si distende su minime modulazioni.

A regger il tutto sono atmosfere impalpabili che sanno anche rapire l'ascoltatore in un mix di arie astrali e crepuscoli silvestri. Vi si invita all'ascolto.

[Marco Giarratana]

Canzoni significative: Chainsaw, Merge, Beautiful Beast.


Questa recensione é stata letta 2982 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Mizmor - & Andrew Black - DialethiaMizmor
& Andrew Black - Dialethia
Earth - Earth 2Earth
Earth 2
Khlyst - Chaos Is My NameKhlyst
Chaos Is My Name
Lustmord - Songs Of Gods And DemonsLustmord
Songs Of Gods And Demons
Harvestman - TrinityHarvestman
Trinity
Sunn O))) - Life MetalSunn O)))
Life Metal
Khanate - Capture & ReleaseKhanate
Capture & Release
Harvestman - Lashing The RyeHarvestman
Lashing The Rye
Sunn O))) - Black OneSunn O)))
Black One
Boris - NOBoris
NO