Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Aurora Consurgens - Angra (SPV)

Ultime recensioni

Mantar - Grungetown Hooligans IIMantar
Grungetown Hooligans II
Fiona Apple - Fetch The Bolt CuttersFiona Apple
Fetch The Bolt Cutters
Thou - Blessings Of The Highest OrderThou
Blessings Of The Highest Order
Wrekmeister Harmonies - We Love To Look At The CarnageWrekmeister Harmonies
We Love To Look At The Carnage
Tricot - ???Tricot
???
Bada - BadaBada
Bada
Kidbug - KidbugKidbug
Kidbug
Louise Lemon - DevilLouise Lemon
Devil
Mrs Piss - Self-SurgeryMrs Piss
Self-Surgery
Vega Lee & John Nova - iSpace DramasVega Lee & John Nova
iSpace Dramas
Myrkur - FolkesangeMyrkur
Folkesange
BlackLab - AbyssBlackLab
Abyss
Witchcraft - Black MetalWitchcraft
Black Metal
Brant Bjork - Brant BjorkBrant Bjork
Brant Bjork
1000mods - Youth Of Dissent1000mods
Youth Of Dissent
Jazz Sabbath - Jazz SabbathJazz Sabbath
Jazz Sabbath
Oranssi Pazuzu - Mestarin KynsiOranssi Pazuzu
Mestarin Kynsi
Elder - OmensElder
Omens
Shaam Larein - SculptureShaam Larein
Sculpture
Shabaka And The Ancestors - We Are Sent Here By HistoryShabaka And The Ancestors
We Are Sent Here By History

Angra - Aurora Consurgens
Voto:
Etichetta: SPV
Anno: 2006
Produzione:
Genere: metal / power / heavy



E' troppo tempo che non ascoltavo gli Angra ed ora so il perchŔ.

Iniziamo col dire che il filone epic-metal-romantic-power non mi ha mai entusiasmato, nÚ per le sonoritÓ utilizzate nÚ per l'assenza estrema di gusto che, in questo caso in particolare, impera per una "buona" oretta.

Le 10 songs di " Aurora Consurgens" non sono da meno: speravo che dopo anni di carriera fossero cresciuti e si fossero accorti che incontrare draghi per la strada Ŕ sempre pi¨ difficile... ma niente. Speravo inoltre che avessero compreso di cosa avesse voglia il loro pubblico, ma i nostri amici brasiliani non sono riusciti neanche in questo.

Cosa posso aggiungere: non capisco se la batteria sia uno scherzo o meno, mentre per il basso, indico una caccia al tesoro (se lo sentite contattatemi).

Rimangono le chitarre e la voce. Tecnicamente mostrano le cose migliori ma producono anche le famose note dolenti: il ritmo e la ripetizione eccessiva dei riff Ŕ a dir poco fastidiosa soprattutto quando viene inframezzata da stacchi progressive fuori contesto e disorientanti. Per fortuna il suono Ŕ abbastanza noderno e a tratti compensa la precarietÓ complessiva.

Spiccano tra le dieci traccie dell'album "The voice commanding you", canzone dal titolo significativo caratterizzata da voci corali di dubbio gusto, "Salvation: Suicide" in cui i Guns'n'Roses si impossessano dei corpi degli Angra e la terribile ballad power-metallara "So near So far".

Speriamo che cambino sempre meno spesso formazione e riescano ad evolvere la loro scarsa vena creativa.

[ADam]

Canzoni significative: The Voice Commanding You.


Questa recensione Ú stata letta 2957 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia