Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Author & Punisher - Kruller (Relapse)

Ultime recensioni

Castle Rat - Into The RealmCastle Rat
Into The Realm
Uncle Acid And The Deadbeats - NellUncle Acid And The Deadbeats
Nell'Ora Blu
Harvestman - Triptych Part OneHarvestman
Triptych Part One
Big Brave - A Chaos Of FlowersBig Brave
A Chaos Of Flowers
English Teacher - This Could Be TexasEnglish Teacher
This Could Be Texas
Iron Monkey - Spleen & GoadIron Monkey
Spleen & Goad
Maruja - ConnlaMaruja
Connla's Well
Bongripper - EmptyBongripper
Empty
Melvins - Tarantula HeartMelvins
Tarantula Heart
Inter Arma - New HeavenInter Arma
New Heaven
Whores - WarWhores
War
Couch Slut - You Could Do It TonightCouch Slut
You Could Do It Tonight
Kim Gordon - The CollectiveKim Gordon
The Collective
High On Fire - Cometh The StormHigh On Fire
Cometh The Storm
Cell Press - CagesCell Press
Cages
Pissed Jeans - Half DivorcedPissed Jeans
Half Divorced
Moor Mother - The Great BailoutMoor Mother
The Great Bailout
The Messthetics - And James Brandon LewisThe Messthetics
And James Brandon Lewis
Brat - Social GraceBrat
Social Grace
Gouge Away - Deep SageGouge Away
Deep Sage

Author & Punisher - Kruller
Autore: Author & Punisher
Titolo: Kruller
Etichetta: Relapse
Anno: 2022
Produzione: Jason Begin
Genere: metal / industrial / sludge

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:



Ascolta Kruller





Tristan Shone pubblica dischi a nome Author & Punisher da quasi 20 anni eppure è ancora un nome conosciuto da pochi. Nella sua abbastanza ricca discografia ha suonato industrial, elettronica, doom in quantità più o meno cangianti in base all'ispirazione del momento. Da un paio di dischi è nel roster della Relapse ma neanche il salto ad una etichetta "grande" ha contribuito a fargli estendere il pubblico. Merito senza dubbio di una proposta piuttosto particolare che ricorda dei Nine Inch Nails più oscuri e meno talentuosi. Già perchè Tristan è molto abile a maneggiare le macchine ma non brilla per inventiva. Per esempio in questo nuovo album intitolato "Kruller" abbandona le urla e i beat grassi a favore di un sound rarefatto non molto lontano dallo shoegaze. Che per coloro che sono un pelo sgamati vuol dire "Jesu", ovvero Justin Broadrick. Quindi rimaniamo su riferimenti piuttosto ingombranti e mi spiace per Tristan ma non siamo per niente a quei livelli. Ad aiutarlo vengono un paio di Tool (Danny Carey e Justin Chancellor) e Perturbator, provando a richiamare il pubblico del prog-metal cibernetico e del synthwave più metallaro ma, secondo me, senza grande successo.

Il risultato non è nè carne nè pesce sebbene sia assemblato decentemente: i brani non rimangono in testa e non c'è una benchè minima sorpresa. Rimandato.

[Dale P.]

Canzoni significative: Incinerator, Maiden Star.

Questa recensione é stata letta 319 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Deflore - Human Indu[B]strialDeflore
Human Indu[B]strial
Godflesh - PurgeGodflesh
Purge