´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Baroness - Stone (Abraxan Hymns)

Ultime recensioni

Henrik Palm - Nerd IconHenrik Palm
Nerd Icon
Pallbearer - Mind Burns AlivePallbearer
Mind Burns Alive
Castle Rat - Into The RealmCastle Rat
Into The Realm
Uncle Acid And The Deadbeats - NellUncle Acid And The Deadbeats
Nell'Ora Blu
Harvestman - Triptych Part OneHarvestman
Triptych Part One
Big Brave - A Chaos Of FlowersBig Brave
A Chaos Of Flowers
English Teacher - This Could Be TexasEnglish Teacher
This Could Be Texas
Iron Monkey - Spleen & GoadIron Monkey
Spleen & Goad
Maruja - ConnlaMaruja
Connla's Well
Bongripper - EmptyBongripper
Empty
Melvins - Tarantula HeartMelvins
Tarantula Heart
Inter Arma - New HeavenInter Arma
New Heaven
Whores - WarWhores
War
Couch Slut - You Could Do It TonightCouch Slut
You Could Do It Tonight
Kim Gordon - The CollectiveKim Gordon
The Collective
High On Fire - Cometh The StormHigh On Fire
Cometh The Storm
Cell Press - CagesCell Press
Cages
Pissed Jeans - Half DivorcedPissed Jeans
Half Divorced
Moor Mother - The Great BailoutMoor Mother
The Great Bailout
The Messthetics - And James Brandon LewisThe Messthetics
And James Brandon Lewis

Baroness - Stone
Autore: Baroness
Titolo: Stone
Anno: 2023
Produzione: Joe Barresi
Genere: metal / alternative / sludge

Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:



Ascolta Stone





Il destino dei Baroness sarÓ sempre di pubblicare un disco e sentire la maggior parte della gente esclamare "bello ma non Ŕ il Red Album". Forse nessuno glielo dice, magari gli danno una pacca sulla spalla esclamando "questo Ŕ il vostro migliore album" ma Ŕ il pensiero di tutti. E' un destino infame non poter pi¨ replicare un lavoro che Ŕ stato un punto di riferimento per tanti musicisti e appassionati. Ma come continuiamo a voler bene ai Mastodon pur avendo abbassato parecchio gli standard (per fortuna risollevati con Hushed And Grim) personalmente continuo a voler bene anche ai Baroness. Sapete perchŔ? PerchŔ pian pianino si sono levati quella patina di giocattolino di John Baizley (cantante, chitarrista e principale compositore) [ri]diventando un gruppo a tutti gli effetti.

L'inserimento della chitarrista Gina Gleason (non troppo sfruttata nel precedente "Gold & Grey")e la giusta valorizzazione di una sezione ritmica spettacolare (il batterista Sebastian Thomson Ŕ pur sempre un ex Trans Am, mica uno a caso) hanno riportato l'assetto in posizione di battaglia. A beneficiarne Ŕ senza dubbio l'aspetto acustico. Personalmente non ho mai capito pienamente la produzione sonora degli album precedenti: "Stone" finalmente suona divinamente. Non a caso troviamo Joe Barresi al mix e Bob Ludwig al mastering, mica due scappati di casa. Il suono Ŕ limpido, definito e profondo: un vero piacere da godere a qualsiasi volume.

"Stone" Ŕ il primo disco a non essere associato ad un colore. Presumo sia una scelta di "rinascita", o almeno cosý mi piace pensare. Sfighe permettendo spero saranno sempre loro quattro i Baroness. Il songwriting Ŕ decisamente ricco. Non fatevi traviare dai primi secondi di "Last Word": quello Ŕ un richiamo alle armi. Il resto prende strade inedite, soprattutto nel tentativo di Baizley di cercare nuove strade vocali. Magari non perfettamente riuscite ma apprezzabili nel coraggio. Ovviamente viene sfruttata anche la voce femminile (sebbene vorrei fosse pi¨ presente) nei cori. In pi¨ un paio di momenti semi acustici gettano il seme su come potrebbero suonare i Baroness fra una decina di anni.

"Stone", pur suonando pienamente e personalmente Baroness mi ha ricordato una strana via di mezzo fra i Soundgarden di Down On The Upside e gli A Perfect Circle di Thirteen Step. Un tentativo di mediare heavy rock, psichedelia, arrangiamenti quasi progressivi, melodie alternative, classic rock e oscuritÓ. Solo il tempo saprÓ dirci se "Stone" diventerÓ il nuovo paragone per la band. Sicuramente Ŕ un'ottima ripartenza.

[Dale P.]

Canzoni significative: Under The Wheel, Beneath The Rose.

Questa recensione Ú stata letta 522 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Baroness - Blue RecordBaroness
Blue Record
Baroness - Gold & GreyBaroness
Gold & Grey
Baroness - Red AlbumBaroness
Red Album
Baroness - Yellow & GreenBaroness
Yellow & Green

NEWS


21/06/2023 "Stone" A Settembre
24/09/2014 Al Lavoro Sul Nuovo Disco
18/12/2012 Performace Acustica di Stretchmaker
16/08/2012 Grave Incindente Col Tourbus
25/07/2012 Video Di Take My Bones Away
09/07/2012 Streaming Del Nuovo Album
12/06/2012 March To The Sea In Streaming
14/05/2012 Nuovo Brano Online
03/05/2012 Teaser Del Nuovo Album
26/04/2012 In Arrivo Doppio Album
14/06/2011 John Baizley Lancia L'Art Blog
27/05/2011 In Studio
31/10/2010 Ristampa dei Primi EP
31/08/2010 Coverizzano i Descendents
28/08/2009 Secondo Brano Online
07/08/2009 Nuovo Brano Online
30/07/2009 Titolo Dell'Album e Artwork
24/07/2009 Dettagli sul Nuovo Album

tAXI dRIVER consiglia

Hum - InletHum
Inlet
Fudge Tunnel - Hate Songs In E MinorFudge Tunnel
Hate Songs In E Minor
Henrik Palm - Nerd IconHenrik Palm
Nerd Icon
Kvelertak - KvelertakKvelertak
Kvelertak
Sleigh Bells - TexisSleigh Bells
Texis
Mastodon - LeviathanMastodon
Leviathan
Melvins - Stoner WitchMelvins
Stoner Witch
Tool - LateralusTool
Lateralus
Poundhound - Massive GroovesPoundhound
Massive Grooves
King Gizzard & The Lizard Wizard - PetroDragonic ApocalypseKing Gizzard & The Lizard Wizard
PetroDragonic Apocalypse