Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Boogamen - Ritorno Alla Barbarie (Autoproduzione)

Ultime recensioni

Briqueville - IIIIBriqueville
IIII
Rid Of Me - Access To The LonelyRid Of Me
Access To The Lonely
Green Lung - This Heathen LandGreen Lung
This Heathen Land
Ragana - DesolationRagana
Desolation's Flower
Reverend Kristin Michael Hayter - Saved!Reverend Kristin Michael Hayter
Saved!
Svalbard - The Weight Of The MaskSvalbard
The Weight Of The Mask
Wolves In The Throne Room - Crypt of Ancestral KnowledgeWolves In The Throne Room
Crypt of Ancestral Knowledge
Boris - & Uniform - Bright New DiseaseBoris
& Uniform - Bright New Disease
Paroxysm Unit - Fragmentation StratagemParoxysm Unit
Fragmentation Stratagem
Agriculture - AgricultureAgriculture
Agriculture
Blodet - Death MotherBlodet
Death Mother
Maggot Heart - HungerMaggot Heart
Hunger
Blood Incantation - Luminescent BridgeBlood Incantation
Luminescent Bridge
Grails - Anches En MaatGrails
Anches En Maat
Kvelertak - EndlingKvelertak
Endling
Graveyard - 6Graveyard
6
Great Falls - Objects Without PainGreat Falls
Objects Without Pain
Brad - In The Moment That YouBrad
In The Moment That You're Born
Persekutor - Snow BusinessPersekutor
Snow Business
Domkraft - Sonic MoonsDomkraft
Sonic Moons

Boogamen - Ritorno Alla Barbarie
Autore: Boogamen
Titolo: Ritorno Alla Barbarie
Anno: 2006
Produzione:
Genere: rock / ska /

Voto:

MP3: Brent


Boogamen non certo una band di nuovi arrivati. Attivi sulla scena gi dai primi anni novanta, ai tempi del primo skacore di influenza Mighty Mighty Bosstones e Operation Ivy, arrivano al debut solo nel 2002 con "44 Grammi per l'ispettore Cannaghan".

Dopo varie vicissitudini a livello di formazione (ovvero la dipartita dei fiati) la band decide di dare una notevole sterzata al proprio sound, ereditando dai favolosi anni 90 il concetto di crossover. Attualmente i Boogamen rimangono una delle poche band che possono realmente vantarsi di rimescolare generi di diversa estrazione.

Niente che qualche gruppo non abbia gi fatto, sia chiaro, ma la miscela di ska, raggae e metal era un bel po' che non veniva suonata con tale energia.

Personalmente avrei osato molto di pi e avrei cercato di evitare certe citazioni/plagio, soprattutto a livello vocale, e avrei fatto convivere maggiormente i vari lati della band (come facevano i Puya, per esempio, ma con un approccio di partenza ovviamente diverso). In sintesi, avrei cercato di rendere maggiormente particolare il prodotto. Un prodotto comunque notevole, senza cadute di tono (e di questi tempi non poco), parecchio orecchiabile e potente.

Su tutto spicca "Tensione" vero calderone sonoro imprevedibile ed eccitante, che da solo vale il prezzo del biglietto, lo skametal di "Breat" e il veloce thrash-punk di scuola Suicidal Tendencies di ".U..."

Consigliamo "Ritorno Alla Barbarie" a tutti i nostalgici crossoveristi dei primi anni 90 (Fishbone, Faith No More, Mighty Mighty Bosstones e compagnia) e, ovviamente, ai fan dei concittadini Meganoidi con cui condividono il carattere esplorativo dello spettro sonoro in levare.

[Dale P.]

Canzoni significative: Tensione, .U... .

Questa recensione stata letta 2601 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia