Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock metal punk indie experimental pop elettronica

Inaudito - Calomito (Megaplomb)

Ultime recensioni

AA.VV. - Dirt ReduxAA.VV.
Dirt Redux
Fuzz - IIIFuzz
III
Porridge Radio - Every BadPorridge Radio
Every Bad
Deftones - OhmsDeftones
Ohms
Tallah - MatriphagyTallah
Matriphagy
Exhalants - AtonementsExhalants
Atonements
Lump Hammer - BeastLump Hammer
Beast
Obsidian Kingdom - Meat MachineObsidian Kingdom
Meat Machine
Gargoyl - GargoylGargoyl
Gargoyl
Anna Von Hausswolff - All Thoughts FlyAnna Von Hausswolff
All Thoughts Fly
Blues Pills - Holy Moly!Blues Pills
Holy Moly!
Sprain - As Lost Through CollisionSprain
As Lost Through Collision
Thurston Moore - By The FireThurston Moore
By The Fire
Idles - Ultra MonoIdles
Ultra Mono
Sarah Davachi - Cantus, DescantSarah Davachi
Cantus, Descant
AA.VV. - What Is This That Stands Before Me?AA.VV.
What Is This That Stands Before Me?
Deafbrick - DeafbrickDeafbrick
Deafbrick
Irreversible Entanglements - Who Sent You?Irreversible Entanglements
Who Sent You?
Jeff Parker - Suite For Max BrownJeff Parker
Suite For Max Brown
En Minor - When The Cold Truth Has Worn Its Miserable WelcomeEn Minor
When The Cold Truth Has Worn Its Miserable Welcome

Calomito - Inaudito
Voto:
Etichetta: Megaplomb
Anno: 2005
Produzione:
Genere: jazz / rock / indie
Scheda autore: Calomito

MP3: Kaizer
Rutz

Compra Calomito su Taxi Driver Store


Ascolto Inaudito ed è amore a prima vista. Oltre i generi musicali. Oltre il jazz, oltre il rock, oltre l'avanguardia e la sperimentazione, perché se spesso la parola avanguardia si sposa con il concetto di intellettualismo e noia, qui al contrario siamo di fronte ad una musica che coinvolge, diverte e stupisce, da cui sgorga la voglia dei Calomito di suonare (e sul fatto che sappiano suonare non c'è dubbio alcuno) divertendosi e divertendo chi li ascolta.

Una musica che spazia a 360 gradi ma nello stesso tempo mantiene una sua linearità e un suo percorso, i cui riferimenti musicali sono da ricercare innanzitutto nell'avanguardia inglese dei primi anni settanta. Impossibile non pensare ai "post Canterburiani" Henry Cow, a cui credo i Calomito si siano in qualche modo ispirati, non so se volontariamente o involontariamente. Per approdare a sonorità più tipicamente jazz, magari alla Dave Duoglas, vecchio collaboratore del "solito" Zorn, che qui ritroviamo, più che per un'influenza musicale diretta, per il gusto della frammentazione e del divertimento quasi sadico che non ti permette di "rilassarti" su un giro o una svisa, ma rompe continuamente gli schemi e sfocia ogni momento in un'idea nuova. Tutto questo non pregiudica assolutamente il gusto dell'ascolto, anzi lo solletica e tiene sempre alta l'attenzione.

E i riferimenti agli anni settanta non significano che siamo di fronte ad un qualcosa che odora di datato. Certo, c'è un senso di deja vu in alcuni brani che inevitabilmente emerge, soprattutto per chi si è nutrito per anni di quella musica che al di la dei generi trova una sorta di filo conduttore da che parte da Zappa ed arriva al free jazz. Ma il carattere dei Calomito è attuale e moderno, ed abbastanza forte e formato da permettersi di guardare senza pudori al passato, al presente e al futuro.

I Calomito sono un sestetto con viola e violino, chitarra, sax alto e soprano, percussioni, piano Rodhes, synth e organo, basso, batteria, voci e rumori vari. Assolutamente da ascoltare e far ascoltare!

[Hectorito]


Questa recensione é stata letta 3216 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Shabaka And The Ancestors - We Are Sent Here By HistoryShabaka And The Ancestors
We Are Sent Here By History
Jeff Parker - Suite For Max BrownJeff Parker
Suite For Max Brown
The Comet Is Coming - Trust in the Lifeforce of the Deep MysteryThe Comet Is Coming
Trust in the Lifeforce of the Deep Mystery
Calomito - InauditoCalomito
Inaudito
The Royal Krunk Jazz Orkestra - PyramidsThe Royal Krunk Jazz Orkestra
Pyramids