´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Wars And Rumors Of Wars - Chariot, The (Solid State)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Chariot, The - Wars And Rumors Of Wars
Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:

Anno: 2009
Produzione: Matt Goldma
Genere: metal / metalcore / mathcore



Senza la minima remora potremmo definire Josh Scogin un vero e proprio "defender of the faith", traslando la dicitura dal mondo dell'heavy metal classico a quello del metal-core, ovviamente. In oltre dieci anni di carriera il cantante di Atlanta non ha mai voltato le spalle ad un sound nevrastenico che mette a durissima prova le sue corde vocali. Mollati i Norma Jean dopo il primo album (quel capolavoro chiamato "Bless The Martyr Kiss The Child"), Josh ha messo su questa nuova formazione, i The Chariot, pericolosissimo combo giunto con "Wars And Rumors Of Wars" al terzo cesello in carriera (l'ep Unsing" Ŕ escluso dal conto). Belluini e simili ad un enorme groviglio di nervi che esplode a ripetizione, i Chariot hanno mandato a memoria i paradigmi dei Botch e dei Coalesce e sono esattamente ci˛ che i Norma Jean sarebbero potuti (o dovuti) essere se avessero proseguito con ostinazione la strada tracciata col folgorante esordio. Continui cambi di tempo in nome di un math-core sfibrante e letteralmente devastante che martella e taglia la carne, grazie al supporto di un riffing che Ŕ vero e proprio bisturi sonoro. I brani sono veloci e mediamente abbastanza corti (soltanto la finale "Mrs Montgomery Alabama III." giunge a sei minuti). Non Ŕ quindi cambiato nulla da "Everything Is Alive, Everything Is Breathing..." e "The FiancÚe", le due precedenti release del gruppo, tutti gli elementi che hanno reso i Chariot duri e puri sono qui riproposti senza variazione alcuna. Nessuna concessione alla melodia, Scogin digirigna in continuazione, non concede nessuna sosta e nessuna tregua alle sue corde vocali. Nel finale di "Teach:" vengono chiamati in causa i Battles dei primi ep, unico passaggio in cui la formula si sposta dal suo consueto baricentro. Chi li ha sempre amati non smetterÓ certo adesso di farlo. Chi si addentra da verginello nella faccenda stia ben attento, qui ci si pu˛ far male sul serio.

[Marco Giarratana]

Canzoni significative: Teach, Mrs.Montgomery Alabama III, Evolve, Need.

Questa recensione Ú stata letta 2302 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Un-kind - Hurts To The CoreUn-kind
Hurts To The Core
Sepultura - RoorbackSepultura
Roorback
A Life Once Lost - HunterA Life Once Lost
Hunter
Znort - 200 BpmZnort
200 Bpm
 Brutal Rash
The Gyre
A Life Once Lost - A Great ArtistA Life Once Lost
A Great Artist
Zao - The Fear Is What Keeps Us HereZao
The Fear Is What Keeps Us Here
Nora - Save YourselfNora
Save Yourself
Abel Is Dying - Promo 2k5Abel Is Dying
Promo 2k5
Throwdown - VendettaThrowdown
Vendetta