Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Wars And Rumors Of Wars - Chariot, The (Solid State)

Ultime recensioni

Mantar - Grungetown Hooligans IIMantar
Grungetown Hooligans II
Fiona Apple - Fetch The Bolt CuttersFiona Apple
Fetch The Bolt Cutters
Thou - Blessings Of The Highest OrderThou
Blessings Of The Highest Order
Wrekmeister Harmonies - We Love To Look At The CarnageWrekmeister Harmonies
We Love To Look At The Carnage
Tricot - ???Tricot
???
Bada - BadaBada
Bada
Kidbug - KidbugKidbug
Kidbug
Louise Lemon - DevilLouise Lemon
Devil
Mrs Piss - Self-SurgeryMrs Piss
Self-Surgery
Vega Lee & John Nova - iSpace DramasVega Lee & John Nova
iSpace Dramas
Myrkur - FolkesangeMyrkur
Folkesange
BlackLab - AbyssBlackLab
Abyss
Witchcraft - Black MetalWitchcraft
Black Metal
Brant Bjork - Brant BjorkBrant Bjork
Brant Bjork
1000mods - Youth Of Dissent1000mods
Youth Of Dissent
Jazz Sabbath - Jazz SabbathJazz Sabbath
Jazz Sabbath
Oranssi Pazuzu - Mestarin KynsiOranssi Pazuzu
Mestarin Kynsi
Elder - OmensElder
Omens
Shaam Larein - SculptureShaam Larein
Sculpture
Shabaka And The Ancestors - We Are Sent Here By HistoryShabaka And The Ancestors
We Are Sent Here By History

Chariot, The - Wars And Rumors Of Wars
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Anno: 2009
Produzione: Matt Goldma
Genere: metal / metalcore / mathcore



Senza la minima remora potremmo definire Josh Scogin un vero e proprio "defender of the faith", traslando la dicitura dal mondo dell'heavy metal classico a quello del metal-core, ovviamente. In oltre dieci anni di carriera il cantante di Atlanta non ha mai voltato le spalle ad un sound nevrastenico che mette a durissima prova le sue corde vocali. Mollati i Norma Jean dopo il primo album (quel capolavoro chiamato "Bless The Martyr Kiss The Child"), Josh ha messo su questa nuova formazione, i The Chariot, pericolosissimo combo giunto con "Wars And Rumors Of Wars" al terzo cesello in carriera (l'ep Unsing" è escluso dal conto). Belluini e simili ad un enorme groviglio di nervi che esplode a ripetizione, i Chariot hanno mandato a memoria i paradigmi dei Botch e dei Coalesce e sono esattamente ciò che i Norma Jean sarebbero potuti (o dovuti) essere se avessero proseguito con ostinazione la strada tracciata col folgorante esordio. Continui cambi di tempo in nome di un math-core sfibrante e letteralmente devastante che martella e taglia la carne, grazie al supporto di un riffing che è vero e proprio bisturi sonoro. I brani sono veloci e mediamente abbastanza corti (soltanto la finale "Mrs Montgomery Alabama III." giunge a sei minuti). Non è quindi cambiato nulla da "Everything Is Alive, Everything Is Breathing..." e "The Fiancée", le due precedenti release del gruppo, tutti gli elementi che hanno reso i Chariot duri e puri sono qui riproposti senza variazione alcuna. Nessuna concessione alla melodia, Scogin digirigna in continuazione, non concede nessuna sosta e nessuna tregua alle sue corde vocali. Nel finale di "Teach:" vengono chiamati in causa i Battles dei primi ep, unico passaggio in cui la formula si sposta dal suo consueto baricentro. Chi li ha sempre amati non smetterà certo adesso di farlo. Chi si addentra da verginello nella faccenda stia ben attento, qui ci si può far male sul serio.

[Marco Giarratana]

Canzoni significative: Teach, Mrs.Montgomery Alabama III, Evolve, Need.

Questa recensione é stata letta 2319 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

A Life Once Lost - HunterA Life Once Lost
Hunter
Znort - 200 BpmZnort
200 Bpm
Sepultura - RoorbackSepultura
Roorback
Since By Man - A Hate Love RelationshipSince By Man
A Hate Love Relationship
 Brutal Rash
The Gyre
Nora - Save YourselfNora
Save Yourself
A Life Once Lost - A Great ArtistA Life Once Lost
A Great Artist
Zao - The Fear Is What Keeps Us HereZao
The Fear Is What Keeps Us Here
Throwdown - VendettaThrowdown
Vendetta
Un-kind - Hurts To The CoreUn-kind
Hurts To The Core