Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  stoner post-metal [ post-hardcore ] metal grunge rock alternative

No Heroes - Converge (Epitaph)


Converge - No Heroes
post-hardcore / noise / screamo

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Voto utenti (229):

Etichetta: Epitaph
Produzione:
Anno: 2006

Scheda autore: Converge

MP3: Album Overview
No Heroes

Compra Converge su Taxi Driver Store


Non ci sono eroi. Anzi, gli unici eroi rimasti sono loro: capaci di sfornare sempre e solo ottimi dischi e di segnare la strada al mondo hardcore con almeno un album irripetibile (Jane Doe). Credevamo di non doverci più aspettare il capolavoro e, invece, al settimo album rimangono ancora la più sconvolgente macchina da guerra sulla scena musicale estrema.

Se i comuni mortali postcorers si scervellano per capire a quanti bpm andrebbe messo il delay, totalmente annebbiati dai Mogwai da dimenticare la loro rozza provenienza, il quartetto di Boston continua su una propria strada fatta di rumore metallico, violenza, distruzione.

La band di Kurt Ballou rimane quindi una creatura a se stante, incapace di seguire i trend e di conseguenza anni luce avanti alla miriade di pseudo gruppetti che annebbiano le nostre orecchie quotidianamente.

Il precedente "You Fail Me" volava più basso rispetto a "Jane Doe". Scelta tattica dettata dal fatto che umanamente nessuno poteva replicare con tanto successo una formula/nonformula come quella contenuta in quel disco. Abbassato il fianco l'ascoltatore si ritrova quindi ad inserire nello stereo un disco che è incredibile dalla prima all'ultima nota.

Non siamo a livello di "Jane Doe", perchè nessun disco raggiungerà mai quello standard, ma "No Heroes" si insinua poco sotto.

L'inizio è un vero e proprio infarto. "Heartache" parte con un riff mammuth per poi sconvolgere con un attacco grind di spietata ferocia. Qui viene fuori l'importanza di avere un Ben Koller alle pelli: proprio mentre Kurt estrae suoni alieni dalla propria chitarra la struttura ritmica non cede di un colpo.

Dopo quasi due minuti attacca il furioso grind/hardcore di "Hellbound", sulla scia di produzioni violente anni 80. Ma è solo lo sclero di un minuto. "Sacrifice" annuncia l'attacco. Urla sconnesse e opprimenti usciranno dal vostro impianto mentre un instancabile Ben Koller non mollerà la presa per neanche un secondo.

Le orecchie sanguinano, forse è la fine. "Vengeance" è un altro assalto all'arma bianca dalla durata di 58 secondi. Un crescendo sonoro che porterà la vostra anima all'inferno. Sono passati 5 minuti dall'inizio dell'album e siamo già sommersi da una quantità di dolore oltre la soglia del sopportabile

"Weight Of The World" vuole forse farci rilassare? Uno stacco di chitarra libera non vuole farci respirare ma, in realtà, infastidisce i nervi per l'ennesimo attacco nucleare: "No Heroes". La title track è forse il primo brano dell'album con un senso compiuto e sullo standard Converge.

E' il turno della "stoner" "Plagues". Una chitarra metallica che suona come una fabbrica al lavoro. Ancora l'idea di stimolare i nervi per preparare l'attacco. "Plagues" è un autentico brano di hardcore psichedelico. Migliore di tanti brani hardcore con il delay e i suonini introspettivi. Questa è follia in musica.

"Grim Heart/Black Rose" è evidentemente e dichiaratamente l'apice dell'album. Un vortice di poesia accompagnata dalla voce di Jonah Jenkins dei Milligram. L'arpeggio distorto crea un brano dal sapore quasi grunge come se Melvins e Alice In Chains avessero jammato sotto acidi. Nella seconda parte del brano (dal sesto minuto in avanti) ascolterete la colonna sonora di un omicidio disperato, in cui ogni colpo di batteria ha la potenza di una coltellata.

Dopo questi nove minuti e mezzo il disco riprende la sua corsa contro il tempo, trascurando per ovvie ragioni l'effetto sorpresa per il definitivo attacco frontale. Attacco che prende il nome di "Trophy Scars" hardcore urbano rara intensità.

14 brani per 40 minuti di musica e nessun calo di tono. Anzi, la band non è mai suonata così immediata pur non rinunciando alla consueta dose di violenza.

Se non è il disco dell'anno poco ci manca.

[Maso]

Canzoni significative: Grim Heart/Black Rose, Plagues, Trophy Scars.

Vota Questo Disco:
Condividi


Questa recensione é stata letta 6055 volte!


Altre Recensioni

Converge - Jane DoeConverge
Jane Doe
Converge - You Fail MeConverge
You Fail Me

NEWS


26/09/2012 Streaming di Shame in the Way
28/08/2012 Videoclip di Aimless Arrow
21/08/2012 Titolo Del Disco e Date Italiane
01/05/2012 Split Con Napalm Death
03/06/2011 Annullano Il Tour Americano
10/07/2010 Esclusivo 7" Per Il Tour Europeo
23/08/2009 Tracklist e Ospiti di Axe To Fall
19/03/2009 Video Dallo Studio
13/08/2006 Copertina e Tracklist di "No Heroes"
30/06/2006 Prime News Sull'Album
08/06/2006 Preparano il Seguito di "You Fail Me"
14/02/2005 Continuano le Ristampe

tAXI dRIVER consiglia

Fantomas - The DirectorFantomas
The Director's Cut
Locust - Plague SoundscapesLocust
Plague Soundscapes
Laghetto - PocapocalisseLaghetto
Pocapocalisse
Fluxus - FluxusFluxus
Fluxus
Fantomas - Amenaza Al MundoFantomas
Amenaza Al Mundo