´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Somewhere Along The Highway - Cult Of Luna (Earache)

Ultime recensioni

Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson
Green Day - Father Of AllGreen Day
Father Of All
Coastal County - Coastal CountyCoastal County
Coastal County
Sepultura - QuadraSepultura
Quadra
Khruangbin - & Leon Bridges -  Texas SunKhruangbin
& Leon Bridges - Texas Sun
Battles - Juice B CryptsBattles
Juice B Crypts
Hallas - ConundrumHallas
Conundrum
Chubby And The Gang - Speed KillsChubby And The Gang
Speed Kills
Ryte - RyteRyte
Ryte
Dune Rats - Hurry Up And WaitDune Rats
Hurry Up And Wait
Kytaro - White Noise For KidsKytaro
White Noise For Kids
Black Road - Witch Of The FutureBlack Road
Witch Of The Future
Midnight - Rebirth By BlasphemyMidnight
Rebirth By Blasphemy
Nero Di Marte - ImmotoNero Di Marte
Immoto
Mortiis - Spirit Of RebellionMortiis
Spirit Of Rebellion
Bohren & Der Club Of Gore - Patchouli BlueBohren & Der Club Of Gore
Patchouli Blue
Kirk Windstein - Dream In MotionKirk Windstein
Dream In Motion
Konvent - Puritan MasochismKonvent
Puritan Masochism
Calibro 35 - MomentumCalibro 35
Momentum

Cult Of Luna - Somewhere Along The Highway
Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:

Etichetta: Earache
Anno: 2006
Produzione:
Genere: metal / post-metal / sludge
Scheda autore: Cult Of Luna



Qualche giorno fa stavo andando in sala prove con Shizu. La nostra saletta Ŕ in un magazzino vicino al cimitero di Staglieno. E' curioso come si scappi dalla realtÓ in cui tutti sono chiusi in un ufficio 3x3 chiudendosi in un magazzino 2x4.

Dopo aver parcheggiato il motorino, in lontananza, inizi a sentire le band. Quel giorno svettava una su tutte. Shizu comment˛ con "fighi questi, sembrano gli Isis". La mia risposta fu: "in veritÓ ricordano i Mogwai". Solita risposta stracciapalle, un po' antipatica. Ma vera.

Da lý uscý una discussione sul fatto che il genere che tanto adoriamo stia andando ad infognarsi in un suono che non ho mai apprezzato in quanto palesemente "cul de sac". Guardate i Mogwai. Sono anni che continuano a suonare la stessa canzone. Creano saliscendi "emotivi" che non portano da nessuna parte.

I Cult Of Luna sono tra le band che, crescendo, stanno eliminando la furia hardcore in favore di progressioni post-rock. La prima parte del disco Ŕ quella palesemente pi¨ riuscita. Il primo brano (o intro) sembra scappato di forza da Agaetis Byrjun dei Sigur R˛s. Una presentazione un po' estrema, non del tutto rappresentativa del sound che si troverÓ all'interno del disco. "Finland" rimane il capolavoro dell'album. 10 minuti e 50 che da soli valgono il prezzo del biglietto. Un saliscendi emotivo con incipit disperato cangiante in un atmosfera in cui le note si inseguono liberando suoni di grande gusto e fascino.

Poi il disco perde pian pianino interesse, colpa di una struttura monotona e di picchi ispirativi molto modesti. I Cult Of Luna sono una band di secondo piano rispetto a Neurosis, Isis e Mogwai e qui lo dimostrano chiaramente. Quando usciranno dalla loro scia?

[Dale P.]

Canzoni significative: Finland, Back To Chapel Town.


Questa recensione Ú stata letta 3868 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



NEWS


03/12/2012 Nuovo Brano In Streaming
25/08/2006 Brano Inedito
03/02/2006 Pronto il Successore di "Salvation"

tAXI dRIVER consiglia

Isis - OceanicIsis
Oceanic
Burst - Lazarus BirdBurst
Lazarus Bird
Dyskinesia - Dalla NascitaDyskinesia
Dalla Nascita
Jesu - JesuJesu
Jesu
Burnt By The Sun - Heart Of DarknessBurnt By The Sun
Heart Of Darkness
Spotlights - Love & DecaySpotlights
Love & Decay
Neurosis - The Eye Of Every StormNeurosis
The Eye Of Every Storm
A Storm Of Light - As The Valley Of DeathA Storm Of Light
As The Valley Of Death
Dead To A Dying World - ElegyDead To A Dying World
Elegy
Ocean, The - PrecambrianOcean, The
Precambrian