´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Somewhere Along The Highway - Cult Of Luna (Earache)

Ultime recensioni

Mantar - Grungetown Hooligans IIMantar
Grungetown Hooligans II
Fiona Apple - Fetch The Bolt CuttersFiona Apple
Fetch The Bolt Cutters
Thou - Blessings Of The Highest OrderThou
Blessings Of The Highest Order
Wrekmeister Harmonies - We Love To Look At The CarnageWrekmeister Harmonies
We Love To Look At The Carnage
Tricot - ???Tricot
???
Bada - BadaBada
Bada
Kidbug - KidbugKidbug
Kidbug
Louise Lemon - DevilLouise Lemon
Devil
Mrs Piss - Self-SurgeryMrs Piss
Self-Surgery
Vega Lee & John Nova - iSpace DramasVega Lee & John Nova
iSpace Dramas
Myrkur - FolkesangeMyrkur
Folkesange
BlackLab - AbyssBlackLab
Abyss
Witchcraft - Black MetalWitchcraft
Black Metal
Brant Bjork - Brant BjorkBrant Bjork
Brant Bjork
1000mods - Youth Of Dissent1000mods
Youth Of Dissent
Jazz Sabbath - Jazz SabbathJazz Sabbath
Jazz Sabbath
Oranssi Pazuzu - Mestarin KynsiOranssi Pazuzu
Mestarin Kynsi
Elder - OmensElder
Omens
Shaam Larein - SculptureShaam Larein
Sculpture
Shabaka And The Ancestors - We Are Sent Here By HistoryShabaka And The Ancestors
We Are Sent Here By History

Cult Of Luna - Somewhere Along The Highway
Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:

Etichetta: Earache
Anno: 2006
Produzione:
Genere: metal / post-metal / sludge
Scheda autore: Cult Of Luna



Qualche giorno fa stavo andando in sala prove con Shizu. La nostra saletta Ŕ in un magazzino vicino al cimitero di Staglieno. E' curioso come si scappi dalla realtÓ in cui tutti sono chiusi in un ufficio 3x3 chiudendosi in un magazzino 2x4.

Dopo aver parcheggiato il motorino, in lontananza, inizi a sentire le band. Quel giorno svettava una su tutte. Shizu comment˛ con "fighi questi, sembrano gli Isis". La mia risposta fu: "in veritÓ ricordano i Mogwai". Solita risposta stracciapalle, un po' antipatica. Ma vera.

Da lý uscý una discussione sul fatto che il genere che tanto adoriamo stia andando ad infognarsi in un suono che non ho mai apprezzato in quanto palesemente "cul de sac". Guardate i Mogwai. Sono anni che continuano a suonare la stessa canzone. Creano saliscendi "emotivi" che non portano da nessuna parte.

I Cult Of Luna sono tra le band che, crescendo, stanno eliminando la furia hardcore in favore di progressioni post-rock. La prima parte del disco Ŕ quella palesemente pi¨ riuscita. Il primo brano (o intro) sembra scappato di forza da Agaetis Byrjun dei Sigur R˛s. Una presentazione un po' estrema, non del tutto rappresentativa del sound che si troverÓ all'interno del disco. "Finland" rimane il capolavoro dell'album. 10 minuti e 50 che da soli valgono il prezzo del biglietto. Un saliscendi emotivo con incipit disperato cangiante in un atmosfera in cui le note si inseguono liberando suoni di grande gusto e fascino.

Poi il disco perde pian pianino interesse, colpa di una struttura monotona e di picchi ispirativi molto modesti. I Cult Of Luna sono una band di secondo piano rispetto a Neurosis, Isis e Mogwai e qui lo dimostrano chiaramente. Quando usciranno dalla loro scia?

[Dale P.]

Canzoni significative: Finland, Back To Chapel Town.


Questa recensione Ú stata letta 3902 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



NEWS


03/12/2012 Nuovo Brano In Streaming
25/08/2006 Brano Inedito
03/02/2006 Pronto il Successore di "Salvation"

tAXI dRIVER consiglia

Jesu - JesuJesu
Jesu
Spotlights - Love & DecaySpotlights
Love & Decay
Isis - PanopticonIsis
Panopticon
Neurosis - The Eye Of Every StormNeurosis
The Eye Of Every Storm
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Isis - OceanicIsis
Oceanic
Zu - CarboniferousZu
Carboniferous
Keelhaul - Subject to Change Without NoticeKeelhaul
Subject to Change Without Notice
Rosetta - A Determinism Of MoralityRosetta
A Determinism Of Morality
Neurosis - A Sun That Never SetsNeurosis
A Sun That Never Sets