Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Depeche Mode - Playing The Angel (Mute)

Ultime recensioni

Elder - Innate PassageElder
Innate Passage
Gateways to Resplendence - Abhorrent ExpanseGateways to Resplendence
Abhorrent Expanse
Scarcity - AveilutScarcity
Aveilut
Dry Cleaning - StumpworkDry Cleaning
Stumpwork
Mamaleek - Diner CoffeeMamaleek
Diner Coffee
The Lord - & Petra Haden - DevotionalThe Lord
& Petra Haden - Devotional
The Pretty Reckless - Other WorldsThe Pretty Reckless
Other Worlds
Brutus - Unison LifeBrutus
Unison Life
Darkthrone - Astral FortressDarkthrone
Astral Fortress
Oxbow - Peter Brotzmann - An Eternal Reminder of Not TodayOxbow
Peter Brotzmann - An Eternal Reminder of Not Today
Gilla Band - Most NormalGilla Band
Most Normal
Red Rot - Mal De VivreRed Rot
Mal De Vivre
Colour Haze - SacredColour Haze
Sacred
Sonic Flower - Me And My Bellbottom BluesSonic Flower
Me And My Bellbottom Blues
The Bobby Lees - BellevueThe Bobby Lees
Bellevue
Off! - Free LSDOff!
Free LSD
Melvins - Bad Moon RisingMelvins
Bad Moon Rising
Ken Mode - NullKen Mode
Null
Gloria de Oliveira -  & Dean Hurley - Oceans Of TimeGloria de Oliveira
& Dean Hurley - Oceans Of Time
Vorlust - Lick The FleshVorlust
Lick The Flesh

Depeche Mode - Playing The Angel
Autore: Depeche Mode
Titolo: Playing The Angel
Anno: 2005
Produzione:
Genere: rock / electro /

Voto:



L’elettropop d’autore rivive in questo nuovo dei Depeche Mode, un azzardo definirlo il loro terzo capolavoro? Non credo di andarci troppo lontano sentendolo vibrare nel lettore.

A mio giudizio sembra la naturale evoluzione dopo “Black Celebration” e “Violator”, decisamente un passo indietro dal più contaminato “Ultra” e l’elettronico “Exciter”.

Insomma, qui i Depeche ritornano a fare quello che sanno fare meglio e i risultati mi fanno gridare al terzo capolavoro.

Riecheggiano gli ingredienti fondamentali: - la cupezza e decadenza dei suoni, - loop e voce di Gaham stracariche d’emozioni, - testi maturi, con Gore che riesce magistralmente a dosare le tastiere.

Ciò che più si percepisce soprattutto se accostato al precedente EXCITER è il ritorno delle depressioni di Martin, probabilmente unite a quelle di Gore.

Ritornano i complessi, i fantasmi, le insicurezze e queste non possono che avere un contatto diretto con la realtà esistenziale d’oggi.

La tensione è palpabile, in tutte le note ritmicamente essenziali e minimali.

Questo che per loro non è niente di nuovo, risulta estremamente fresco nelle produzioni d’oggi.

Mai scelta del titolo può essere più azzeccata“Il Volo Dell’Angelo”, un angelo che aleggia tra inferno e paradiso, tra psicosi e estasi, contrasto di suoni e riff taglienti e aggressivi e riff onirici e gioiosi, sognatori.

Il carisma di hit come” Personal Jesus", "Enjoy The Silence" non sembrano molto lontane da “A Pain That I'm Used To” e “John The Revelator”.

E’ difficile tuttavia trovar canzoni significative, essendolo tutte e insomma mi ripeto …un capolavoro, ultimo capito di una trilogia (“Black Celebration” e “Violator” “Playing The Angel”) che fino ad oggi era incompiuta!

[Steliam]

Canzoni Significative: tutte.

Questa recensione é stata letta 7174 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Depeche Mode - ExciterDepeche Mode
Exciter

NEWS


22/02/2006 I Concerti di Milano in DVD
13/04/2005 Preparano Il Successore di Exciter

tAXI dRIVER consiglia

Depeche Mode - Playing The AngelDepeche Mode
Playing The Angel