Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Octavarium - Dream Theater (Atlantic)

Ultime recensioni

Mantar - Grungetown Hooligans IIMantar
Grungetown Hooligans II
Fiona Apple - Fetch The Bolt CuttersFiona Apple
Fetch The Bolt Cutters
Thou - Blessings Of The Highest OrderThou
Blessings Of The Highest Order
Wrekmeister Harmonies - We Love To Look At The CarnageWrekmeister Harmonies
We Love To Look At The Carnage
Tricot - ???Tricot
???
Bada - BadaBada
Bada
Kidbug - KidbugKidbug
Kidbug
Louise Lemon - DevilLouise Lemon
Devil
Mrs Piss - Self-SurgeryMrs Piss
Self-Surgery
Vega Lee & John Nova - iSpace DramasVega Lee & John Nova
iSpace Dramas
Myrkur - FolkesangeMyrkur
Folkesange
BlackLab - AbyssBlackLab
Abyss
Witchcraft - Black MetalWitchcraft
Black Metal
Brant Bjork - Brant BjorkBrant Bjork
Brant Bjork
1000mods - Youth Of Dissent1000mods
Youth Of Dissent
Jazz Sabbath - Jazz SabbathJazz Sabbath
Jazz Sabbath
Oranssi Pazuzu - Mestarin KynsiOranssi Pazuzu
Mestarin Kynsi
Elder - OmensElder
Omens
Shaam Larein - SculptureShaam Larein
Sculpture
Shabaka And The Ancestors - We Are Sent Here By HistoryShabaka And The Ancestors
We Are Sent Here By History

Dream Theater - Octavarium
Voto:
Anno: 2005
Produzione:
Genere: metal / progressive /
Scheda autore: Dream Theater



Certamente i Dream Theater non hanno bisogno di recensioni. I fan (italiani) comprano ogni nota suonata dalla band il giorno stesso in cui viene pubblicata e, soprattutto, non tollerano critiche. Se pensate che non sia vero fatevi un giro su Usenet o nei miliardi di forum che popolano la rete.

Allo stesso modo i detrattori della band sono altrettanto ridicoli, dimostrando, spesso, di non aver ascoltato niente oltre al nome del gruppo.

La verità è, quasi certamente, nel mezzo. I Dream Theater sono uno dei pochi gruppi che mantengono in vita e aggiornano la stagione del progressive/pomp rock degli anni 70. E lo fanno dichiaratamente, senza voler essere sperimentali e strani a tutti i costi. Ci buttano in faccia la loro abilità tecnica, il loro citazionismo palese (altrimenti la citazione non viene colta) e i loro tre tipi di canzone: melodico-ruffiano, potente-ma-non-troppo e strumentale-sborrone.

Octavarium non rivoluziona il sound della band, semplicemente mette in maggior risalto la figura di LaBrie, forse la persona di maggiore gusto nei Dream Theater. A livello strumentale Petrucci, rispetto al precedente Train Of Thoughts, compie un passo indietro tornando a "soli" più umani e orecchiabili mentre Rudess è maggiormente presente in orchestrazioni e atmosfere più che a cercare di superare in velocità la chitarra.

Portnoy è sempre uguale a sè stesso e prevedibilissimo ma sempre piacevole da ascoltare mentre Myung è inutile e poco incisivo come al solito.

Il disco, in sostanza, si fa ascoltare più che volentieri anche grazie alla maggiore cura verso la "forma canzone" tenendo per l'ultimo brano di 23 minuti tutti gli esercizi di teoria e solfeggio sparati a mille e i pruriti prog/pomp più kitch.

[Dale P.]

Canzoni significative: The Root Of All Evil, Panic Attack.

Questa recensione é stata letta 5856 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



Live Reports

14/02/2002MilanoPalavobis
05/02/2004MilanoFilaforum

NEWS


09/09/2010 Portnoy Lascia La Band
09/02/2007 Firmano per Roadrunner
16/01/2006 Coverizzano Made In Japan
19/04/2005 Octavarium - Copertina e Tracklist
06/03/2005 3 Date Italiane Con gli Angra
16/01/2005 John Petrucci Solista
31/10/2004 Entrano in Studio

tAXI dRIVER consiglia

Yakuza - Of Seismic ConsequenceYakuza
Of Seismic Consequence
1980 - 19801980
1980
Apiary - Lost In FocusApiary
Lost In Focus
Meshuggah - ChaosphereMeshuggah
Chaosphere
Sadist - Above The LightSadist
Above The Light
Cynic - FocusCynic
Focus
Death - Individual Thought PatternsDeath
Individual Thought Patterns
Into The Moat - The DesignInto The Moat
The Design
Mass, The - Perfect Picture Of Wisdom And BoldnessMass, The
Perfect Picture Of Wisdom And Boldness
Meshuggah - ObzenMeshuggah
Obzen