Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  stoner post-metal post-hardcore [ metal ] grunge rock alternative

Octavarium - Dream Theater (Atlantic)


Dream Theater - Octavarium
metal / progressive /

Voto:
Voto utenti (230):

Produzione:
Anno: 2005

Scheda autore: Dream Theater



Certamente i Dream Theater non hanno bisogno di recensioni. I fan (italiani) comprano ogni nota suonata dalla band il giorno stesso in cui viene pubblicata e, soprattutto, non tollerano critiche. Se pensate che non sia vero fatevi un giro su Usenet o nei miliardi di forum che popolano la rete.

Allo stesso modo i detrattori della band sono altrettanto ridicoli, dimostrando, spesso, di non aver ascoltato niente oltre al nome del gruppo.

La verità è, quasi certamente, nel mezzo. I Dream Theater sono uno dei pochi gruppi che mantengono in vita e aggiornano la stagione del progressive/pomp rock degli anni 70. E lo fanno dichiaratamente, senza voler essere sperimentali e strani a tutti i costi. Ci buttano in faccia la loro abilità tecnica, il loro citazionismo palese (altrimenti la citazione non viene colta) e i loro tre tipi di canzone: melodico-ruffiano, potente-ma-non-troppo e strumentale-sborrone.

Octavarium non rivoluziona il sound della band, semplicemente mette in maggior risalto la figura di LaBrie, forse la persona di maggiore gusto nei Dream Theater. A livello strumentale Petrucci, rispetto al precedente Train Of Thoughts, compie un passo indietro tornando a "soli" più umani e orecchiabili mentre Rudess è maggiormente presente in orchestrazioni e atmosfere più che a cercare di superare in velocità la chitarra.

Portnoy è sempre uguale a sè stesso e prevedibilissimo ma sempre piacevole da ascoltare mentre Myung è inutile e poco incisivo come al solito.

Il disco, in sostanza, si fa ascoltare più che volentieri anche grazie alla maggiore cura verso la "forma canzone" tenendo per l'ultimo brano di 23 minuti tutti gli esercizi di teoria e solfeggio sparati a mille e i pruriti prog/pomp più kitch.

[Maso]

Canzoni significative: The Root Of All Evil, Panic Attack.

Vota Questo Disco:
Condividi


Questa recensione é stata letta 5745 volte!



Live Reports

14/02/2002MilanoPalavobis
05/02/2004MilanoFilaforum

NEWS


09/09/2010 Portnoy Lascia La Band
09/02/2007 Firmano per Roadrunner
16/01/2006 Coverizzano Made In Japan
19/04/2005 Octavarium - Copertina e Tracklist
06/03/2005 3 Date Italiane Con gli Angra
16/01/2005 John Petrucci Solista
31/10/2004 Entrano in Studio

tAXI dRIVER consiglia

Opeth - HeritageOpeth
Heritage
Yakuza - Of Seismic ConsequenceYakuza
Of Seismic Consequence