´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock metal punk indie experimental pop elettronica

Ezra Collective - You Can't Steal My Joy (Enter The Jungle)

Ultime recensioni

Brad - In The Moment That YouBrad
In The Moment That You're Born
Persekutor - Snow BusinessPersekutor
Snow Business
Domkraft - Sonic MoonsDomkraft
Sonic Moons
Baroness - StoneBaroness
Stone
Benefits - NailsBenefits
Nails
Sprain - The Lamb As EffigySprain
The Lamb As Effigy
Blut Aus Nord - Disharmonium - NahabBlut Aus Nord
Disharmonium - Nahab
Be Your Own Pet - MommyBe Your Own Pet
Mommy
Crawl - DamnedCrawl
Damned
The Armed - Perfect SaviorsThe Armed
Perfect Saviors
Home Front - Games of PowerHome Front
Games of Power
Mizmor - ProsaicMizmor
Prosaic
Spotlights - Alchemy For The DeadsSpotlights
Alchemy For The Deads
Mutoid Man - MutantsMutoid Man
Mutants
 AA.VV. - Superunknown Redux AA.VV.
Superunknown Redux
Somnuri - DesideriumSomnuri
Desiderium
Godflesh - PurgeGodflesh
Purge
Hasard - MalivoreHasard
Malivore
Khanate - To Be CruelKhanate
To Be Cruel
Divide And Dissolve - SystemicDivide And Dissolve
Systemic

Ezra Collective - You Can't Steal My Joy
Autore: Ezra Collective
Titolo: You Can't Steal My Joy
Anno: 2019
Produzione: Eric Lau
Genere: jazz / funk / pop

Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:




Tra i nomi nuovi della scena neo jazz londinese assieme a The Comet Is Coming e Sons Of Kemet troviamo gli Ezra Collective. Debuttano un paio di anni fa con l'EP Chapter 7, diventano backing band di Jorja Smith e finalmente raggiungono oggi l'atteso traguardo del disco di debutto. "You Can't Steal My Joy" consegna una band che si gioca la carta del divertimento, richiamando quel modo di fare jazz un po' anni 80: pulito, sorridente e tendenzialmente innocuo. In poche parole Acid Jazz e smooth jazz. Ma in realtÓ, tra un ballo e l'altro, la band prende direzioni pi¨ moderne, interessanti e a tratti esaltanti. Quando pigiano sull'acceleratore, soprattutto, ma anche quando accompagnano. Svetta su tutto proprio il brano con Jorja Smith ("Reason In Disguise"), uno splendido soul che avrebbe meritato di non essere un caso a parte rispetto al disco.

Ezra Collective sono dei perfetti session man, un po' insicuri nella strada da intraprendere e che sicuramente danno il meglio di sŔ dal vivo. Non a caso la copertina Ŕ uno scatto post concerto. Rimandati al prossimo disco. Non necessariamente a loro nome.

[Dale P.]

Canzoni significative: King Of The Jungle, You Can't Steal My Joy, Reason In Disguise.


Questa recensione Ú stata letta 284 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia