´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock metal punk indie experimental pop elettronica

Ezra Collective - You Can't Steal My Joy (Enter The Jungle)

Ultime recensioni

Kim Gordon - The CollectiveKim Gordon
The Collective
High On Fire - Cometh The StormHigh On Fire
Cometh The Storm
Cell Press - CagesCell Press
Cages
Pissed Jeans - Half DivorcedPissed Jeans
Half Divorced
Moor Mother - The Great BailoutMoor Mother
The Great Bailout
The Messthetics - And James Brandon LewisThe Messthetics
And James Brandon Lewis
Brat - Social GraceBrat
Social Grace
Gouge Away - Deep SageGouge Away
Deep Sage
The Body - & Dis Fig - Orchards of a Futile HeavenThe Body
& Dis Fig - Orchards of a Futile Heaven
Chelsea Wolfe - She Reaches Out To She Reaches Out To SheChelsea Wolfe
She Reaches Out To She Reaches Out To She
Matt Cameron - Gory Scorch CretinsMatt Cameron
Gory Scorch Cretins
Sprints - Letter To SelfSprints
Letter To Self
meth. - Shamemeth.
Shame
Hauntologist - HollowHauntologist
Hollow
Eye Flys - Eye FlyesEye Flys
Eye Flyes
Slift - IlionSlift
Ilion
Flooding - Silhoutte MachineFlooding
Silhoutte Machine
Remote Viewing - Modern AddictionsRemote Viewing
Modern Addictions
High Priest - InvocationHigh Priest
Invocation
Briqueville - IIIIBriqueville
IIII

Ezra Collective - You Can't Steal My Joy
Autore: Ezra Collective
Titolo: You Can't Steal My Joy
Anno: 2019
Produzione: Eric Lau
Genere: jazz / funk / pop

Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:




Tra i nomi nuovi della scena neo jazz londinese assieme a The Comet Is Coming e Sons Of Kemet troviamo gli Ezra Collective. Debuttano un paio di anni fa con l'EP Chapter 7, diventano backing band di Jorja Smith e finalmente raggiungono oggi l'atteso traguardo del disco di debutto. "You Can't Steal My Joy" consegna una band che si gioca la carta del divertimento, richiamando quel modo di fare jazz un po' anni 80: pulito, sorridente e tendenzialmente innocuo. In poche parole Acid Jazz e smooth jazz. Ma in realtÓ, tra un ballo e l'altro, la band prende direzioni pi¨ moderne, interessanti e a tratti esaltanti. Quando pigiano sull'acceleratore, soprattutto, ma anche quando accompagnano. Svetta su tutto proprio il brano con Jorja Smith ("Reason In Disguise"), uno splendido soul che avrebbe meritato di non essere un caso a parte rispetto al disco.

Ezra Collective sono dei perfetti session man, un po' insicuri nella strada da intraprendere e che sicuramente danno il meglio di sŔ dal vivo. Non a caso la copertina Ŕ uno scatto post concerto. Rimandati al prossimo disco. Non necessariamente a loro nome.

[Dale P.]

Canzoni significative: King Of The Jungle, You Can't Steal My Joy, Reason In Disguise.


Questa recensione Ú stata letta 317 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia