´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Fight Amp - Hungry For Nothing (Translation Loss)

Ultime recensioni

Chelsea Wolfe - She Reaches Out To She Reaches Out To SheChelsea Wolfe
She Reaches Out To She Reaches Out To She
Matt Cameron - Gory Scorch CretinsMatt Cameron
Gory Scorch Cretins
Sprints - Letter To SelfSprints
Letter To Self
meth. - Shamemeth.
Shame
Hauntologist - HollowHauntologist
Hollow
Eye Flys - Eye FlyesEye Flys
Eye Flyes
Slift - IlionSlift
Ilion
Flooding - Silhoutte MachineFlooding
Silhoutte Machine
Remote Viewing - Modern AddictionsRemote Viewing
Modern Addictions
High Priest - InvocationHigh Priest
Invocation
Briqueville - IIIIBriqueville
IIII
Rid Of Me - Access To The LonelyRid Of Me
Access To The Lonely
Green Lung - This Heathen LandGreen Lung
This Heathen Land
Ragana - DesolationRagana
Desolation's Flower
Reverend Kristin Michael Hayter - Saved!Reverend Kristin Michael Hayter
Saved!
Svalbard - The Weight Of The MaskSvalbard
The Weight Of The Mask
Wolves In The Throne Room - Crypt of Ancestral KnowledgeWolves In The Throne Room
Crypt of Ancestral Knowledge
Boris - & Uniform - Bright New DiseaseBoris
& Uniform - Bright New Disease
Paroxysm Unit - Fragmentation StratagemParoxysm Unit
Fragmentation Stratagem
Agriculture - AgricultureAgriculture
Agriculture

Fight Amp - Hungry For Nothing
Titolo: Hungry For Nothing
Etichetta: Translation Loss
Anno: 2008
Produzione: Philip Cope
Genere: metal / sludge / alternative

Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:




Chi ha a cuore band come Mastodon, Kylesa, Melvins, Unsane e Baroness si faccia pure avanti, i Fight Amp sapranno come soddisfare i loro appetiti.

Giunto finalmente all'esordio su lunga distanza per la sempre vigile Translation Loss, il quartetto del New Jersey (che annovera anche una donna alla sei corde) tira dal cilindro una prestazione di tutto rispetto fatta d'un songwriting robusto, di chitarre furenti, di linee vocali aggressive e adatte al genere, di un basso deragliante e distorto. Certe sfuriate pi¨ hardcorizzate richiamano da vicino i validi Coliseum ("Late Bloomer", "Lungs"), oltre a non lasciare i nostri confinati all'interno di uno spettro ristretto di soluzioni.

Proprio come i menzionati Mastodon ed i Kylesa, i Fight Amp sono molto abili nel comprimere strutture progressive in brani articolati ma pur sempre essenziali, privi di lungaggini inutili. Prodotti da Philip Cope (chitarrista di Kylesa e Baroness...), da un lato si avverte una certa dipendenza dagli ascendenti, in certi momenti fin troppo presenti tra le maglie, e manca ancora loro una netta identitÓ sonora che li affranchi del tutto dalle matrici, ma gli assi per diventare una grande band i Fight Amp ce li hanno tutti. La progenie bastarda dell'hardcore metallizzato ed evoluto continua ad espandersi grazie a nuove leve davvero interessanti.

[Marco Giarratana]

Canzoni significative: Late Bloomer; Get High And Fuck; Lungs; Dead Is Dead.

Questa recensione Ú stata letta 3405 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Rainbow Grave - No YouRainbow Grave
No You
Mantar - Grungetown Hooligans IIMantar
Grungetown Hooligans II
Iron Monkey - Iron Monkey Our Problem BoxIron Monkey
Iron Monkey Our Problem Box
Down - III - Over The UnderDown
III - Over The Under
Superjoint Ritual - Use Once & DestroySuperjoint Ritual
Use Once & Destroy
AA.VV. - Neurot Recordings IAA.VV.
Neurot Recordings I
Gersch, The - The GerschGersch, The
The Gersch
Floor - DoveFloor
Dove
Possessor - Damn The LightPossessor
Damn The Light
Firebreather - Under A Blood MoonFirebreather
Under A Blood Moon