Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Snakes For The Divine - High On Fire (eOne)

Ultime recensioni

Mantar - Grungetown Hooligans IIMantar
Grungetown Hooligans II
Fiona Apple - Fetch The Bolt CuttersFiona Apple
Fetch The Bolt Cutters
Thou - Blessings Of The Highest OrderThou
Blessings Of The Highest Order
Wrekmeister Harmonies - We Love To Look At The CarnageWrekmeister Harmonies
We Love To Look At The Carnage
Tricot - ???Tricot
???
Bada - BadaBada
Bada
Kidbug - KidbugKidbug
Kidbug
Louise Lemon - DevilLouise Lemon
Devil
Mrs Piss - Self-SurgeryMrs Piss
Self-Surgery
Vega Lee & John Nova - iSpace DramasVega Lee & John Nova
iSpace Dramas
Myrkur - FolkesangeMyrkur
Folkesange
BlackLab - AbyssBlackLab
Abyss
Witchcraft - Black MetalWitchcraft
Black Metal
Brant Bjork - Brant BjorkBrant Bjork
Brant Bjork
1000mods - Youth Of Dissent1000mods
Youth Of Dissent
Jazz Sabbath - Jazz SabbathJazz Sabbath
Jazz Sabbath
Oranssi Pazuzu - Mestarin KynsiOranssi Pazuzu
Mestarin Kynsi
Elder - OmensElder
Omens
Shaam Larein - SculptureShaam Larein
Sculpture
Shabaka And The Ancestors - We Are Sent Here By HistoryShabaka And The Ancestors
We Are Sent Here By History

High On Fire - Snakes For The Divine
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Etichetta: eOne
Anno: 2010
Produzione: Greg Fieldman
Genere: metal / sludge / thrash
Scheda autore: High On Fire


Compra High On Fire su Taxi Driver Store


Ho un rapporto conflittuale con gli High On Fire. Nell'immediato post Sleep ho avuto difficoltà  a mandare giù loro e gli Om: Matt Pike, Al Cisneros, Chris Hakius DOVEVANO suonare assieme! Passano gli anni e te ne fai una ragione. Capisci anche che la musica cambia e nel 2010 un gruppo come gli Sleep suonerebbe anacronistico. Gli Om poi si sono raffinati così tanto da arrivare su Drag City, patria di creature "violentissime" come Bill Callahan, Bonnie Prince Billy, Joanna Newsom, e piacevolmente in compagnia di Sir Richard Bishop e Six Organs Of Admittance.

Gli High On Fire invece hanno prima goduto delle attenzioni degli stoners più metallari. Successivamente con i dischi su Relapse hanno fatto comunella con la scena "post metal" di band come Mastodon, Isis, Neurosis, Baroness, Converge, diventando nel giro di poco tempo veri e propri punti di riferimento per la scena.

Arrivano oggi al quinto album e il primo sulla multinazionale Koch Records e c'è da dire che la band non ha smesso di pestare duro. Anzi. Non abbandonando l'immaginario fantasy perfettamente ricreato dall'artwork di Arik Roper anche nei precedenti album, e neppure le classiche ispirazioni Motorhead/Venom/Celtic Frost, una spruzzata di sludge, qualche basimento psichedelico e la consueta attitudine al sapore di whiskey.

I brani sono solo otto, lunghi e articolati ma senza nessuna spocchia progressiva, chessò alla Mastodon: riff su riff, sempre più forti e veloci. In una parola: metal.

[Dale P.]

Canzoni significative: Frost Hammer, Fire Flood & Plague.


Questa recensione é stata letta 2716 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

High On Fire - Blessed Black WingsHigh On Fire
Blessed Black Wings

NEWS


17/08/2012 Video di Fertile Green
26/03/2012 Streaming Del Nuovo Album
29/02/2012 Nuovo Brano Online
23/02/2012 Copertina e Tracklist del Nuovo Album
06/12/2010 In Tour Con I Melvins
22/09/2010 In Italia con i Fear Factory
01/08/2009 Entrano In Studio

tAXI dRIVER consiglia

AA.VV. - Neurot Recordings IAA.VV.
Neurot Recordings I
Mastodon - Call Of The MastodonMastodon
Call Of The Mastodon
Black Cobra - ChronomegaBlack Cobra
Chronomega
Baroness - Red AlbumBaroness
Red Album
Mistress - The Glory Bitches Of DogheadMistress
The Glory Bitches Of Doghead
Down - IIDown
II
Floor - DoveFloor
Dove
Kylesa - Spiral ShadowKylesa
Spiral Shadow
Iron Monkey - Iron Monkey Our Problem BoxIron Monkey
Iron Monkey Our Problem Box
Time To Burn - Starting PointTime To Burn
Starting Point