Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

A Sense Of Purpose - In Flames (Nuclear Blast)

Ultime recensioni

Dry Cleaning - New Long LegDry Cleaning
New Long Leg
A.A. Williams - Songs From IsolationA.A. Williams
Songs From Isolation
Concrete Ships - In ObservanceConcrete Ships
In Observance
Tomahawk - Tonic ImmobilityTomahawk
Tonic Immobility
Lucidvox - We AreLucidvox
We Are
Eyehategod - A History of Nomadic BehaviorEyehategod
A History of Nomadic Behavior
Really From - Really FromReally From
Really From
Shame - Drunk Tank PinkShame
Drunk Tank Pink
Worn - Human WorkWorn
Human Work
My Morning Jacket - Waterfall IIMy Morning Jacket
Waterfall II
Uada - DjinnUada
Djinn
John Carpenter - Lost Themes IIIJohn Carpenter
Lost Themes III
Constance Tomb - MCMLXXXVIIIConstance Tomb
MCMLXXXVIII
Black Country, New Road - For the First TimeBlack Country, New Road
For the First Time
Originalii - PendulumOriginalii
Pendulum
Divide And Dissolve - Gas LitDivide And Dissolve
Gas Lit
Portrayal Of Guilt - We Are Always AlonePortrayal Of Guilt
We Are Always Alone
Zola Mennanöh - Longing for BelongingZola Mennanöh
Longing for Belonging
Molassess - Through The HollowMolassess
Through The Hollow
Steve Von Till - No Wilderness Deep EnoughSteve Von Till
No Wilderness Deep Enough

In Flames - A Sense Of Purpose
Voto:
Etichetta: Nuclear Blast
Anno: 2008
Produzione: Daniel Bergstrand
Genere: metal / death melodico / metalcore



"A Sense Of Prepackage" sarebbe stato un titolo decisamente più calzante per questo nuovo capitolo della discografia degli In Flames. Il nono album della banda guidata da Anders Friden e Jesper Strömblad è l'ovvio passo successivo al precedente e già parecchio discutibile "Come Clarity" di poco meno di due anni fa. Agli In Flames non vanno affatto rimproverate le scelte stilistiche, bensì una caduta libera in termini di qualità del songwriting che si è palesata a partire da "Soundtrack To Your Escape". Nessuno dei dodici brani presenti riesce a farsi ricordare per qualcosa, vuoi un riff incisivo, vuoi una linea vocale che faccia veramente presa (a parte il refrain dell'opener "The Mirror's Truth"). "A Sense Of Purpose" vaga tra una rabbia oramai plastificata e di maniera ed una vena melodica decisamente discutibile. Si salvano le prime tre songs in scaletta e la lunga power-ballad "The Chosen Pessimist" (che è il pezzo migliore e più emotivamente sentito). Il resto sono semplicemente canzoni ben impostate dalle strutture tutte uguali e servono a ben poco gli up-tempos death metal sparsi qua e la ("I Am The Highway", "Sober And Irrelevant"). Un pò come i loro conterranei Soilwork, i nostri pare abbiano perso definitivamente la bussola e si aggirano ora tra la voglia di fare un pò di proseliti tra i più giovani e le ingombranti catene di un passato che trova le uniche eco nel tradizionale riffing melodic death, adesso alquanto consunto. Non si possono rimettere i peccati ad un album talmente insipido e che ad ogni solco dimostra una capacità di auto-plagio quasi stomachevole. Quando una band non ha più niente da dire può dignitosamente fare fare i resoconti e piantarla. Chissà se lo capiranno.

[Marco Giarratana]

Canzoni significative: The Mirror's Truth; Disconnected; Sleepless Again; The Chosen Pessimist.

Questa recensione é stata letta 2364 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Ascolta Il Disco





tAXI dRIVER consiglia