Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

A Sense Of Purpose - In Flames (Nuclear Blast)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

In Flames - A Sense Of Purpose
Voto:
Etichetta: Nuclear Blast
Anno: 2008
Produzione: Daniel Bergstrand
Genere: metal / death melodico / metalcore



"A Sense Of Prepackage" sarebbe stato un titolo decisamente più calzante per questo nuovo capitolo della discografia degli In Flames. Il nono album della banda guidata da Anders Friden e Jesper Strömblad è l'ovvio passo successivo al precedente e già parecchio discutibile "Come Clarity" di poco meno di due anni fa. Agli In Flames non vanno affatto rimproverate le scelte stilistiche, bensì una caduta libera in termini di qualità del songwriting che si è palesata a partire da "Soundtrack To Your Escape". Nessuno dei dodici brani presenti riesce a farsi ricordare per qualcosa, vuoi un riff incisivo, vuoi una linea vocale che faccia veramente presa (a parte il refrain dell'opener "The Mirror's Truth"). "A Sense Of Purpose" vaga tra una rabbia oramai plastificata e di maniera ed una vena melodica decisamente discutibile. Si salvano le prime tre songs in scaletta e la lunga power-ballad "The Chosen Pessimist" (che è il pezzo migliore e più emotivamente sentito). Il resto sono semplicemente canzoni ben impostate dalle strutture tutte uguali e servono a ben poco gli up-tempos death metal sparsi qua e la ("I Am The Highway", "Sober And Irrelevant"). Un pò come i loro conterranei Soilwork, i nostri pare abbiano perso definitivamente la bussola e si aggirano ora tra la voglia di fare un pò di proseliti tra i più giovani e le ingombranti catene di un passato che trova le uniche eco nel tradizionale riffing melodic death, adesso alquanto consunto. Non si possono rimettere i peccati ad un album talmente insipido e che ad ogni solco dimostra una capacità di auto-plagio quasi stomachevole. Quando una band non ha più niente da dire può dignitosamente fare fare i resoconti e piantarla. Chissà se lo capiranno.

[Marco Giarratana]

Canzoni significative: The Mirror's Truth; Disconnected; Sleepless Again; The Chosen Pessimist.

Questa recensione é stata letta 2305 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Ascolta Il Disco





tAXI dRIVER consiglia