Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Kamelot - One Cold Winter's Night (SPV)

Ultime recensioni

Kim Gordon - The CollectiveKim Gordon
The Collective
High On Fire - Cometh The StormHigh On Fire
Cometh The Storm
Cell Press - CagesCell Press
Cages
Pissed Jeans - Half DivorcedPissed Jeans
Half Divorced
Moor Mother - The Great BailoutMoor Mother
The Great Bailout
The Messthetics - And James Brandon LewisThe Messthetics
And James Brandon Lewis
Brat - Social GraceBrat
Social Grace
Gouge Away - Deep SageGouge Away
Deep Sage
The Body - & Dis Fig - Orchards of a Futile HeavenThe Body
& Dis Fig - Orchards of a Futile Heaven
Chelsea Wolfe - She Reaches Out To She Reaches Out To SheChelsea Wolfe
She Reaches Out To She Reaches Out To She
Matt Cameron - Gory Scorch CretinsMatt Cameron
Gory Scorch Cretins
Sprints - Letter To SelfSprints
Letter To Self
meth. - Shamemeth.
Shame
Hauntologist - HollowHauntologist
Hollow
Eye Flys - Eye FlyesEye Flys
Eye Flyes
Slift - IlionSlift
Ilion
Flooding - Silhoutte MachineFlooding
Silhoutte Machine
Remote Viewing - Modern AddictionsRemote Viewing
Modern Addictions
High Priest - InvocationHigh Priest
Invocation
Briqueville - IIIIBriqueville
IIII

Kamelot - One Cold Winter's Night
Titolo: One Cold Winter's Night
Etichetta: SPV
Anno: 2006
Produzione:
Genere: metal / power / gothic

Voto:



Cazzo! Per una volta che mi arriva da recensire un cd doppio, quest'ultimo è live, ed è di un gruppo power metal! Questo live è stato registrato al Rockefeller Musichall di Oslo.

A questo punto non sarebbe giusto lasciarvi a bocca asciutta e vi narrerò le mirabolanti invenzioni inanellate dai "Kamelot" in 18 brani interminabili.

La peculiarità della band è sicuramente la bravura sul palco e la qualità sonora che supera di molto quella di altri gruppi metal appartenenti allo stesso genere: è questo che li differenzia e che trascina il pubblico.

L'utilizzo delle voci maschili e femminili in modo non eccessivamente scontato supportate da una ritmica gradevole a tutti e non pretenziosa rende i Kamelot una band power-metal ma con radici profonde nel folk.

Il live in questione non è assolutamente una casualità vista la bravura dei musicisti su palco : perchè non farlo vedere!

Sarebbe stato molto meglio sentire da loro una buona dose di progressive ma non ne è pervenuto neanche un pochino, quindi aspettatevi chitarre a tratti dure senza alcuna vena creativa piena zeppa di colorature fine a stesse.

Vorrei sottolineare più che altro gli aspetti positivi di questa performance rispetto che quelli negativi intrinsechi nell'essere di questo genere musicale nato per stupire chi è altamente stupibile ed enfatizzare le cose meno importanti, è per questo che non a caso è stato girato anche un bel DVD, apprezzato non solo dai fans ma anche dagli ionsospettabili : sembra infatti che i "Kamelot" nei loro live siano dei veri e propri mattatori e questo grazie soprattutto alla loro bravura, ma non solo. La band si porta dietro un armamentario di strumentazione che non esiste e sembra che le coriste siano ancora meglio.

Compriamoci il DVD !!!

Porto all'attenzione la traccia numero sei del primo cd "Nights of Arabia" che si può definire una canzone potente e la traccia tre del secondo cd " March of Mephisto" uno dei cavalli di battaglia della band e quando parlo di "cavallo" e "battaglia" non scherzo affatto.

[ADam]

Canzoni significative: Nights of Arabia.


Questa recensione é stata letta 2470 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia