Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

One Cold Winter's Night - Kamelot (SPV)

Ultime recensioni

Dry Cleaning - New Long LegDry Cleaning
New Long Leg
A.A. Williams - Songs From IsolationA.A. Williams
Songs From Isolation
Concrete Ships - In ObservanceConcrete Ships
In Observance
Tomahawk - Tonic ImmobilityTomahawk
Tonic Immobility
Lucidvox - We AreLucidvox
We Are
Eyehategod - A History of Nomadic BehaviorEyehategod
A History of Nomadic Behavior
Really From - Really FromReally From
Really From
Shame - Drunk Tank PinkShame
Drunk Tank Pink
Worn - Human WorkWorn
Human Work
My Morning Jacket - Waterfall IIMy Morning Jacket
Waterfall II
Uada - DjinnUada
Djinn
John Carpenter - Lost Themes IIIJohn Carpenter
Lost Themes III
Constance Tomb - MCMLXXXVIIIConstance Tomb
MCMLXXXVIII
Black Country, New Road - For the First TimeBlack Country, New Road
For the First Time
Originalii - PendulumOriginalii
Pendulum
Divide And Dissolve - Gas LitDivide And Dissolve
Gas Lit
Portrayal Of Guilt - We Are Always AlonePortrayal Of Guilt
We Are Always Alone
Zola Mennanöh - Longing for BelongingZola Mennanöh
Longing for Belonging
Molassess - Through The HollowMolassess
Through The Hollow
Steve Von Till - No Wilderness Deep EnoughSteve Von Till
No Wilderness Deep Enough

Kamelot - One Cold Winter's Night
Voto:
Etichetta: SPV
Anno: 2006
Produzione:
Genere: metal / power / gothic



Cazzo! Per una volta che mi arriva da recensire un cd doppio, quest'ultimo è live, ed è di un gruppo power metal! Questo live è stato registrato al Rockefeller Musichall di Oslo.

A questo punto non sarebbe giusto lasciarvi a bocca asciutta e vi narrerò le mirabolanti invenzioni inanellate dai "Kamelot" in 18 brani interminabili.

La peculiarità della band è sicuramente la bravura sul palco e la qualità sonora che supera di molto quella di altri gruppi metal appartenenti allo stesso genere: è questo che li differenzia e che trascina il pubblico.

L'utilizzo delle voci maschili e femminili in modo non eccessivamente scontato supportate da una ritmica gradevole a tutti e non pretenziosa rende i Kamelot una band power-metal ma con radici profonde nel folk.

Il live in questione non è assolutamente una casualità vista la bravura dei musicisti su palco : perchè non farlo vedere!

Sarebbe stato molto meglio sentire da loro una buona dose di progressive ma non ne è pervenuto neanche un pochino, quindi aspettatevi chitarre a tratti dure senza alcuna vena creativa piena zeppa di colorature fine a stesse.

Vorrei sottolineare più che altro gli aspetti positivi di questa performance rispetto che quelli negativi intrinsechi nell'essere di questo genere musicale nato per stupire chi è altamente stupibile ed enfatizzare le cose meno importanti, è per questo che non a caso è stato girato anche un bel DVD, apprezzato non solo dai fans ma anche dagli ionsospettabili : sembra infatti che i "Kamelot" nei loro live siano dei veri e propri mattatori e questo grazie soprattutto alla loro bravura, ma non solo. La band si porta dietro un armamentario di strumentazione che non esiste e sembra che le coriste siano ancora meglio.

Compriamoci il DVD !!!

Porto all'attenzione la traccia numero sei del primo cd "Nights of Arabia" che si può definire una canzone potente e la traccia tre del secondo cd " March of Mephisto" uno dei cavalli di battaglia della band e quando parlo di "cavallo" e "battaglia" non scherzo affatto.

[ADam]

Canzoni significative: Nights of Arabia.


Questa recensione é stata letta 2285 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia