Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

One Cold Winter's Night - Kamelot (SPV)

Ultime recensioni

Sons - Family DinnerSons
Family Dinner
Shock Narcotic - I Have Seen The Future And It DoesnShock Narcotic
I Have Seen The Future And It Doesn't Work
Eye Flys - ContextEye Flys
Context
Show Me The Body - Dog WhistleShow Me The Body
Dog Whistle
Algiers - There Is No YearAlgiers
There Is No Year
The Night Watch - An Embarrassment of RichesThe Night Watch
An Embarrassment of Riches
Low Dose - Low DoseLow Dose
Low Dose
Salvation - Year Of The FlySalvation
Year Of The Fly
Lungbutter - HoneyLungbutter
Honey
Matana Roberts - Coin Coin Chapter Four MemphisMatana Roberts
Coin Coin Chapter Four Memphis
Cloud Rat - PollinatorCloud Rat
Pollinator
Cryptae - VestigialCryptae
Vestigial
Hissing Tiles - BoychoirHissing Tiles
Boychoir
Vanishing Twin - The Age Of ImmunologyVanishing Twin
The Age Of Immunology
Buildings - Negative SoundBuildings
Negative Sound
Alpha Hopper - Aloha HopperAlpha Hopper
Aloha Hopper
Rustin Man - Drift CodeRustin Man
Drift Code
Poppy - I DisagreePoppy
I Disagree
Body Hound - No MoonBody Hound
No Moon
Girl Band - The TalkiesGirl Band
The Talkies

Kamelot - One Cold Winter's Night
Voto:
Etichetta: SPV
Anno: 2006
Produzione:
Genere: metal / power / gothic



Cazzo! Per una volta che mi arriva da recensire un cd doppio, quest'ultimo è live, ed è di un gruppo power metal! Questo live è stato registrato al Rockefeller Musichall di Oslo.

A questo punto non sarebbe giusto lasciarvi a bocca asciutta e vi narrerò le mirabolanti invenzioni inanellate dai "Kamelot" in 18 brani interminabili.

La peculiarità della band è sicuramente la bravura sul palco e la qualità sonora che supera di molto quella di altri gruppi metal appartenenti allo stesso genere: è questo che li differenzia e che trascina il pubblico.

L'utilizzo delle voci maschili e femminili in modo non eccessivamente scontato supportate da una ritmica gradevole a tutti e non pretenziosa rende i Kamelot una band power-metal ma con radici profonde nel folk.

Il live in questione non è assolutamente una casualità vista la bravura dei musicisti su palco : perchè non farlo vedere!

Sarebbe stato molto meglio sentire da loro una buona dose di progressive ma non ne è pervenuto neanche un pochino, quindi aspettatevi chitarre a tratti dure senza alcuna vena creativa piena zeppa di colorature fine a stesse.

Vorrei sottolineare più che altro gli aspetti positivi di questa performance rispetto che quelli negativi intrinsechi nell'essere di questo genere musicale nato per stupire chi è altamente stupibile ed enfatizzare le cose meno importanti, è per questo che non a caso è stato girato anche un bel DVD, apprezzato non solo dai fans ma anche dagli ionsospettabili : sembra infatti che i "Kamelot" nei loro live siano dei veri e propri mattatori e questo grazie soprattutto alla loro bravura, ma non solo. La band si porta dietro un armamentario di strumentazione che non esiste e sembra che le coriste siano ancora meglio.

Compriamoci il DVD !!!

Porto all'attenzione la traccia numero sei del primo cd "Nights of Arabia" che si può definire una canzone potente e la traccia tre del secondo cd " March of Mephisto" uno dei cavalli di battaglia della band e quando parlo di "cavallo" e "battaglia" non scherzo affatto.

[ADam]

Canzoni significative: Nights of Arabia.


Questa recensione é stata letta 2208 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia