´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Karl Marx Was A Broker - Alpha To Omega (Escape From Today)

Ultime recensioni

Briqueville - IIIIBriqueville
IIII
Rid Of Me - Access To The LonelyRid Of Me
Access To The Lonely
Green Lung - This Heathen LandGreen Lung
This Heathen Land
Ragana - DesolationRagana
Desolation's Flower
Reverend Kristin Michael Hayter - Saved!Reverend Kristin Michael Hayter
Saved!
Svalbard - The Weight Of The MaskSvalbard
The Weight Of The Mask
Wolves In The Throne Room - Crypt of Ancestral KnowledgeWolves In The Throne Room
Crypt of Ancestral Knowledge
Boris - & Uniform - Bright New DiseaseBoris
& Uniform - Bright New Disease
Paroxysm Unit - Fragmentation StratagemParoxysm Unit
Fragmentation Stratagem
Agriculture - AgricultureAgriculture
Agriculture
Blodet - Death MotherBlodet
Death Mother
Maggot Heart - HungerMaggot Heart
Hunger
Blood Incantation - Luminescent BridgeBlood Incantation
Luminescent Bridge
Grails - Anches En MaatGrails
Anches En Maat
Kvelertak - EndlingKvelertak
Endling
Graveyard - 6Graveyard
6
Great Falls - Objects Without PainGreat Falls
Objects Without Pain
Brad - In The Moment That YouBrad
In The Moment That You're Born
Persekutor - Snow BusinessPersekutor
Snow Business
Domkraft - Sonic MoonsDomkraft
Sonic Moons

Karl Marx Was A Broker - Alpha To Omega
Titolo: Alpha To Omega
Anno: 2011
Produzione: Lorenzo Stecconi
Genere: rock / mathrock / strumentale

Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:




Presentazione sontuosa per il duo Karl Marx Was A Broker: digipack a tre ante e libretto con i testi. Peccato (o per fortuna?) che di cantato non ce ne sia. Marco Filippi (basso) e Gianluca Ingrassia (batteria) affidano delle liriche immaginarie a Marco Carlesi. Da cantare sopra le basi o da leggere mentre si ascolta il disco.

Karl Marx Was A Broker provano ad entrare nel difficile mondo dei duo basso&batteria, dei quali sono grande appassionato. Arrivano, purtroppo per loro, dopo gli Zeus! che nel campo stanno spazzando via tutto e tutti. Ma il loro approccio non e' quello iper tecnico e iper rumoristico, ma si muovono in un ambiente piu' vicino a quello dei Morkobot, anche se decisamente meno schizzati e meno oscuri. Quindi con un approccio quasi prog/psych/funk anche se decisamente piu' rock. Proprio per questo i KMWAB potrebbero piacere coloro che non amano quelle sonorita' asfissianti, ipercinetiche e muscolari di tante band del genere che provano a far perdere il senno all'ascoltatore.

Ma, pur confezionato con tutti i crismi e registrato degnamente la proposta ha bisogno di crescere ancora un po' in personalita', decidendo da che parte stare e mostrando delle caratteristiche proprie.

Un bell'esordio, di una band che sapra' certamente stupire di piu' in futuro ma che risulta ovviamente imperdibile nel caso venisse a suonare a pochi chilometri da voi.

[Dale P.]

Canzoni significative: Aral See, Marx 7.


Questa recensione Ú stata letta 1404 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Horse Lords - The Common TaskHorse Lords
The Common Task
Zeus! - Zeus!Zeus!
Zeus!
Zeus! - OperaZeus!
Opera
Battles - MirroredBattles
Mirrored