Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Alpha To Omega - Karl Marx Was A Broker (Escape From Today)

Ultime recensioni

Deftones - OhmsDeftones
Ohms
Tallah - MatriphagyTallah
Matriphagy
Exhalants - AtonementsExhalants
Atonements
Lump Hammer - BeastLump Hammer
Beast
Obsidian Kingdom - Meat MachineObsidian Kingdom
Meat Machine
Gargoyl - GargoylGargoyl
Gargoyl
Anna Von Hausswolff - All Thoughts FlyAnna Von Hausswolff
All Thoughts Fly
Blues Pills - Holy Moly!Blues Pills
Holy Moly!
Sprain - As Lost Through CollisionSprain
As Lost Through Collision
Thurston Moore - By The FireThurston Moore
By The Fire
Idles - Ultra MonoIdles
Ultra Mono
Sarah Davachi - Cantus, DescantSarah Davachi
Cantus, Descant
AA.VV. - What Is This That Stands Before Me?AA.VV.
What Is This That Stands Before Me?
Deafbrick - DeafbrickDeafbrick
Deafbrick
Irreversible Entanglements - Who Sent You?Irreversible Entanglements
Who Sent You?
Jeff Parker - Suite For Max BrownJeff Parker
Suite For Max Brown
En Minor - When The Cold Truth Has Worn Its Miserable WelcomeEn Minor
When The Cold Truth Has Worn Its Miserable Welcome
L.A.Witch - Play With FireL.A.Witch
Play With Fire
Couch Slut - Take A Chance On Rock Couch Slut
Take A Chance On Rock 'n' Roll
Kall - BrandKall
Brand

Karl Marx Was A Broker - Alpha To Omega
Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:

Anno: 2011
Produzione: Lorenzo Stecconi
Genere: rock / math / strumentale



Presentazione sontuosa per il duo Karl Marx Was A Broker: digipack a tre ante e libretto con i testi. Peccato (o per fortuna?) che di cantato non ce ne sia. Marco Filippi (basso) e Gianluca Ingrassia (batteria) affidano delle liriche immaginarie a Marco Carlesi. Da cantare sopra le basi o da leggere mentre si ascolta il disco.

Karl Marx Was A Broker provano ad entrare nel difficile mondo dei duo basso&batteria, dei quali sono grande appassionato. Arrivano, purtroppo per loro, dopo gli Zeus! che nel campo stanno spazzando via tutto e tutti. Ma il loro approccio non e' quello iper tecnico e iper rumoristico, ma si muovono in un ambiente piu' vicino a quello dei Morkobot, anche se decisamente meno schizzati e meno oscuri. Quindi con un approccio quasi prog/psych/funk anche se decisamente piu' rock. Proprio per questo i KMWAB potrebbero piacere coloro che non amano quelle sonorita' asfissianti, ipercinetiche e muscolari di tante band del genere che provano a far perdere il senno all'ascoltatore.

Ma, pur confezionato con tutti i crismi e registrato degnamente la proposta ha bisogno di crescere ancora un po' in personalita', decidendo da che parte stare e mostrando delle caratteristiche proprie.

Un bell'esordio, di una band che sapra' certamente stupire di piu' in futuro ma che risulta ovviamente imperdibile nel caso venisse a suonare a pochi chilometri da voi.

[Dale P.]

Canzoni significative: Aral See, Marx 7.


Questa recensione Ú stata letta 1204 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Zeus! - OperaZeus!
Opera
Zeus! - Zeus!Zeus!
Zeus!