Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Matra - Missione Delta (Last Scream)

Ultime recensioni

Body Void - Burn The Homes Of Those Who Seek To ControlBody Void
Burn The Homes Of Those Who Seek To Control
Ashenspire - Hostile ArchitectureAshenspire
Hostile Architecture
Mantar - Pain Is Forever and This Is the EndMantar
Pain Is Forever and This Is the End
Chat Pile - GodChat Pile
God's Country
Imperial Triumphant - Spirit Of EcstasyImperial Triumphant
Spirit Of Ecstasy
Nebula - Transmission From Mothership EarthNebula
Transmission From Mothership Earth
Viagra Boys - Cave WorldViagra Boys
Cave World
Wormrot - HissWormrot
Hiss
London Odense Ensemble - Jaiyede Sessions Vol. 1London Odense Ensemble
Jaiyede Sessions Vol. 1
Greg Puciato - MirrorcellGreg Puciato
Mirrorcell
Devil Master - Ecstasies of Never Ending NightDevil Master
Ecstasies of Never Ending Night
Sasquatch - Fever FantasySasquatch
Fever Fantasy
Candy - Heaven Is HereCandy
Heaven Is Here
Nova Twins - SupernovaNova Twins
Supernova
Sinead OSinead O'Brien
Time Bend and Break The Bower
White Ward - False LightWhite Ward
False Light
Terzij de Horde - In One Of These, I Am Your EnemyTerzij de Horde
In One Of These, I Am Your Enemy
Besvärjelsen - AtlasBesvärjelsen
Atlas
The Smile - A Light For Attracting AttentionThe Smile
A Light For Attracting Attention
Stöner - Totally...Stöner
Totally...

Matra - Missione Delta
Autore: Matra
Titolo: Missione Delta
Anno: 2005
Produzione:
Genere: rock / revival /

Voto:



Il banale "it's only rock'n'roll" è la filosofia di vita dei Matra. Copertina con fiamme e motori e musica sparata a mille.

Possiamo anche non formalizzarci quindi sulla mancanza di originalità che affligge la band. In fondo prendono 50 anni di rock'n'roll e cercano di comprimerlo nei 50 minuti circa del CD.

Ne viene fuori, quindi, un album veloce, gradevole e orecchiabile. Forse un pelo ingenuo (soprattutto nelle linee vocali) ma anche per questo apprezzabile. Spesso un po' indecisi e confusi nel cercare la strada Ramones o quella Black Sabbath (leggi: ma siamo punk o stoner?) ma splendido quando trovano una mediazione tra le due.

Certamente un gruppo che ha enormi potenzialità per crescere e farsi apprezzare (complice anche il cantato in italiano) ma non ancora completamente a fuoco. Ma è anche vero che il rock si nutre della confusione...

[Dale P.]

Canzoni significative: Il Baro, Morto Che Parla.

Questa recensione é stata letta 2442 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia