Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Miocene - A Pefect Life With A View Of The Swamp (Corporate Risk)

Ultime recensioni

Body Void - Burn The Homes Of Those Who Seek To ControlBody Void
Burn The Homes Of Those Who Seek To Control
Ashenspire - Hostile ArchitectureAshenspire
Hostile Architecture
Mantar - Pain Is Forever and This Is the EndMantar
Pain Is Forever and This Is the End
Chat Pile - GodChat Pile
God's Country
Imperial Triumphant - Spirit Of EcstasyImperial Triumphant
Spirit Of Ecstasy
Nebula - Transmission From Mothership EarthNebula
Transmission From Mothership Earth
Viagra Boys - Cave WorldViagra Boys
Cave World
Wormrot - HissWormrot
Hiss
London Odense Ensemble - Jaiyede Sessions Vol. 1London Odense Ensemble
Jaiyede Sessions Vol. 1
Greg Puciato - MirrorcellGreg Puciato
Mirrorcell
Devil Master - Ecstasies of Never Ending NightDevil Master
Ecstasies of Never Ending Night
Sasquatch - Fever FantasySasquatch
Fever Fantasy
Candy - Heaven Is HereCandy
Heaven Is Here
Nova Twins - SupernovaNova Twins
Supernova
Sinead OSinead O'Brien
Time Bend and Break The Bower
White Ward - False LightWhite Ward
False Light
Terzij de Horde - In One Of These, I Am Your EnemyTerzij de Horde
In One Of These, I Am Your Enemy
Besvärjelsen - AtlasBesvärjelsen
Atlas
The Smile - A Light For Attracting AttentionThe Smile
A Light For Attracting Attention
Stöner - Totally...Stöner
Totally...

Miocene - A Pefect Life With A View Of The Swamp
Autore: Miocene
Titolo: A Pefect Life With A View Of The Swamp
Anno: 2005
Produzione:
Genere: metal / nu-metal /

Voto:



Al terzo disco i Miocene lasciano tutti con la bocca spalancata. Il mio compito, se non l'avete ancora ascoltato, invece è di farvi venire l'acquolina in bocca.

"A Perfect Life With A View Of The Swamp" si apre con "A Message From Our Sponsor": breve cantilena iniziale, riff Tooliano e parte rappata. Segue uno stacco e il beat diventa sempre più violento. La voce si distorce e sembra di ascoltare gli Atari Teenage Riot. La potenza cresce sempre di più, fino all'urlo finale che vi porta a "Colloquial Drug Terminology" uno splendido strumentale di quasi quattro minuti. Interferenze elettroniche, ritmi jungle e base minimale. Siamo dalle parti della Warp. Poi il silenzio e una sequenza post-rock molto gelida. La band gioca a confonderci, non vuol far capire dove ha intenzione di portarci. Ed ecco che in "Autopia" ci troviamo di fronte i Tool. Stessa ritmica, stesso incedere poderoso, stessi break. Il batterista da qua in avanti diventerà il vostro idolo. La band ha una carica devastante, suona muscolosa e molto meno misteriosa rispetto ai padri ispiratori e, di conseguenza, risulta anche maggiormente eccitante (ascoltate cosa combinano nell'incedere finale!).

Dopo il primo orgasmo avete 40 secondi di interferenze per riprendervi e poi si riparte. Ancora lo stesso incedere lento ed implacabile con la batteria epilettica a dettare le danze. "The Fall" dura 8 minuti e neanche un secondo vi sarà concesso come tregua. Il brano svilupperà almeno 3 tematiche diverse sulla stessa idea di partenza.

Con "Apologetic Submissives" siamo di nuovo dalle parti della Warp con uno strumentale denso di atmosfera. "Misogyny Vs The Common Rules Of Misconception" inserisce il rap nella consueta base elettronica. Seguirà poi un tristissimo strumentale solo pianoforte di circa due minuti. Con "Dyonisus" finalmente ritorna la potenza delle chitarre. Ma la loro forza verrà sfruttata per un tentativo di mixare le due anime della band. Sequenze di stop & go da infarto e il consueto contorcersi su sè stessi tanto caro anche ai Maestri. Se siete dei musicisti ascoltate l'album con il taccuino, potrebbe esservi utile!

"Sympathy For Gordon Comstock" è un po' la summa del disco. Prendete tutto quello detto finora e comprimetelo in 5 minuti.

Il disco, però, non è ancora finito. E neanche le sorprese: "Calliope" mixa Godspeed You Black Emperor e jazz. Il penultimo brano dura 11 minuti ed è diviso in quattro parti ed è indescrivibile. La finale "I Ain't Got No Roots" è una breve filastrocca acustica perfetta per chiudere un album immenso e sterminato.

I Miocene dimostrano come la musica si presti ad infinite variazioni, sia minime che clamorose. Il disco non è certamente perfetto, sicuramente prolisso e capita che perda tensione e filo conduttore. Ma allo stesso tempo è la cosa più stimolante che mi sia capitato di ascoltare di recente. Se solo la band osasse di più nel crossover tra elettronica e metal tooliano sarebbero perfetti. Ma forse anche più prevedibili.

Riflessione finale: in tutto il tempo di lettura della recensione vi state chiedendo cosa c'entri l'elettronica con i Tool?? Vi svelerò (ma non è un gran segreto) che Squarepusher è uno degli artisti preferiti di Maynard e co. E probabilmente i Miocene sono partiti proprio da questo presupposto per sviluppare le loro, straripanti, idee.

[Dale P.]

Canzoni significative: tutte.

Questa recensione é stata letta 5642 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

System Of A Down - ToxicitySystem Of A Down
Toxicity
Flaw - Through The EyesFlaw
Through The Eyes
Disturbed - BelieveDisturbed
Believe
Deftones - White PonyDeftones
White Pony
Deftones - DeftonesDeftones
Deftones
Guilty Method - TouchGuilty Method
Touch
Thisgust - ThisgustThisgust
Thisgust
Papa Roach - InfestPapa Roach
Infest
Deftones - AdrenalineDeftones
Adrenaline
Amen - WeAmen
We've Come For Your Parents