Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Mirrors - Misery Signals (Ferret)

Ultime recensioni

Steve Von Till - No Wilderness Deep EnoughSteve Von Till
No Wilderness Deep Enough
Boris - & Merzbow - 2R0I2P0Boris
& Merzbow - 2R0I2P0
Dale Crover - Rat-A-Tat-Tat!Dale Crover
Rat-A-Tat-Tat!
Moon Destroys - Maiden VoyageMoon Destroys
Maiden Voyage
Celebrity Sex Scandal - The FundamentalCelebrity Sex Scandal
The Fundamental
Thou - Emma Ruth Rundle - The Helm Of SorrowThou
Emma Ruth Rundle - The Helm Of Sorrow
Maggot Heart - Mercy MachineMaggot Heart
Mercy Machine
Gatecreeper - An Unexpected RealityGatecreeper
An Unexpected Reality
Viagra Boys - Welfare JazzViagra Boys
Welfare Jazz
Onségen Ensemble - FearOnségen Ensemble
Fear
Witchfucker - Afterhour In WalhallaWitchfucker
Afterhour In Walhalla
Dystopian Future Movies - InviolateDystopian Future Movies
Inviolate
The Necks - ThreeThe Necks
Three
Lingua Ignota - The Caligula DemosLingua Ignota
The Caligula Demos
Imperial Triumphant - AlphavilleImperial Triumphant
Alphaville
Crack Cloud - Pain OlympicsCrack Cloud
Pain Olympics
Illuminati Hotties - Free I.HIlluminati Hotties
Free I.H
Rosy Finch - ScarletRosy Finch
Scarlet
Kind - Mental NudgeKind
Mental Nudge
Atomic Bitchwax - ScorpioAtomic Bitchwax
Scorpio

Misery Signals - Mirrors
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Etichetta: Ferret
Anno: 2006
Produzione:
Genere: metal / metalcore / hardcore



Vengono dal Wisconsin e due anni fa debuttarono con "Of Malice And The Magnum Hear", prodotto da Devin Townsend (Strapping Young Lad). Il disco, che uscì su Ferret, diede la spinta alla band per andare in tour con Dillinger Escape Plan, Every Time I Die, Bleeding Through, Strapping Young Lad, Six Feet Under.

Misery Signals con questo "Mirrors" non si discostano dall'idea che abbiamo di band di nicchia, adatta soprattutto a coloro che si nutrono solamente di questo genere. La classica band di cui difficilmente comprereste il disco se non dopo averne tastato il valore dal vivo.

Nella loro natura di "gruppo spalla" però mantengono una dignità che non ce li rende totalmente inutili.

Gli ingredienti di base sono gli stessi di tanti: sezione ritmica tra Meshuggah e Strapping Young Lad, chitarre Dillingeriane e urla belluine. Sono però le aperture melodiche, i midtempos atmosferici a fare la differenza. Niente di rivoluzionario, ma una maggiore consapevolezza delle proprie forze aiuterebbe senz'altro la band a consegnare un prodotto in grado di competere con i mostri sacri.

Cresceranno, se non si faranno corrompere da un idea di musica più semplice e commerciale.

[Dale P.]

Canzoni significative: Something Was Always Missing But It Was Never You, Post Collapse.


Questa recensione é stata letta 2723 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

 Brutal Rash
The Gyre
Abel Is Dying - Promo 2k5Abel Is Dying
Promo 2k5
A Life Once Lost - HunterA Life Once Lost
Hunter
Un-kind - Hurts To The CoreUn-kind
Hurts To The Core
Znort - 200 BpmZnort
200 Bpm
Throwdown - VendettaThrowdown
Vendetta
Sepultura - RoorbackSepultura
Roorback
Nora - Save YourselfNora
Save Yourself
Zao - The Fear Is What Keeps Us HereZao
The Fear Is What Keeps Us Here
Since By Man - A Hate Love RelationshipSince By Man
A Hate Love Relationship