Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Mirrors - Misery Signals (Ferret)

Ultime recensioni

Couch Slut - Take A Chance On Rock Couch Slut
Take A Chance On Rock 'n' Roll
Kall - BrandKall
Brand
Boris - NOBoris
NO
Phoebe Bridgers - PunisherPhoebe Bridgers
Punisher
Ils - CurseIls
Curse
Motorpsycho - The All Is OneMotorpsycho
The All Is One
Bully - SugareggBully
Sugaregg
Lina Rodrigues Refree - Lina_Raül RefreeLina Rodrigues Refree
Lina_Raül Refree
King Krule - Man Alive!King Krule
Man Alive!
Thou - A Primer of Holy WordsThou
A Primer of Holy Words
Household God - Palace IntrigueHousehold God
Palace Intrigue
A.A. Williams - Forever BlueA.A. Williams
Forever Blue
Billy Nomates - Billy NomatesBilly Nomates
Billy Nomates
Fontaines D.C. - A HeroFontaines D.C.
A Hero's Death
Zombi - 2020Zombi
2020
Protomartyr - Ultimate Success TodayProtomartyr
Ultimate Success Today
The Beths - Jump Rope GazersThe Beths
Jump Rope Gazers
Hum - InletHum
Inlet
Jesu - Never EPJesu
Never EP
Bell Witch - & Aerial Ruin - Stygian Bough Volume IBell Witch
& Aerial Ruin - Stygian Bough Volume I

Misery Signals - Mirrors
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Etichetta: Ferret
Anno: 2006
Produzione:
Genere: metal / metalcore / hardcore



Vengono dal Wisconsin e due anni fa debuttarono con "Of Malice And The Magnum Hear", prodotto da Devin Townsend (Strapping Young Lad). Il disco, che uscì su Ferret, diede la spinta alla band per andare in tour con Dillinger Escape Plan, Every Time I Die, Bleeding Through, Strapping Young Lad, Six Feet Under.

Misery Signals con questo "Mirrors" non si discostano dall'idea che abbiamo di band di nicchia, adatta soprattutto a coloro che si nutrono solamente di questo genere. La classica band di cui difficilmente comprereste il disco se non dopo averne tastato il valore dal vivo.

Nella loro natura di "gruppo spalla" però mantengono una dignità che non ce li rende totalmente inutili.

Gli ingredienti di base sono gli stessi di tanti: sezione ritmica tra Meshuggah e Strapping Young Lad, chitarre Dillingeriane e urla belluine. Sono però le aperture melodiche, i midtempos atmosferici a fare la differenza. Niente di rivoluzionario, ma una maggiore consapevolezza delle proprie forze aiuterebbe senz'altro la band a consegnare un prodotto in grado di competere con i mostri sacri.

Cresceranno, se non si faranno corrompere da un idea di musica più semplice e commerciale.

[Dale P.]

Canzoni significative: Something Was Always Missing But It Was Never You, Post Collapse.


Questa recensione é stata letta 2707 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Sepultura - RoorbackSepultura
Roorback
Abel Is Dying - Promo 2k5Abel Is Dying
Promo 2k5
A Life Once Lost - A Great ArtistA Life Once Lost
A Great Artist
Un-kind - Hurts To The CoreUn-kind
Hurts To The Core
 Brutal Rash
The Gyre
Since By Man - A Hate Love RelationshipSince By Man
A Hate Love Relationship
Throwdown - VendettaThrowdown
Vendetta
Zao - The Fear Is What Keeps Us HereZao
The Fear Is What Keeps Us Here
Nora - Save YourselfNora
Save Yourself
A Life Once Lost - HunterA Life Once Lost
Hunter