Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Misery Signals - Mirrors (Ferret)

Ultime recensioni

Dead Heat - World At WarDead Heat
World At War
Irreversible Entanglements - Open The GatesIrreversible Entanglements
Open The Gates
Full Of Hell - Garden Of Burning ApparitionsFull Of Hell
Garden Of Burning Apparitions
Khemmis - DeceiverKhemmis
Deceiver
Body Void - Bury Me Beneath This Rotting EarthBody Void
Bury Me Beneath This Rotting Earth
Idles - CrawlerIdles
Crawler
Converge - Bloodmoon IConverge
Bloodmoon I
Melvins - Five Legged DogMelvins
Five Legged Dog
Bummer - Dead HorseBummer
Dead Horse
Marissa Nadler - The Path Of The CloudsMarissa Nadler
The Path Of The Clouds
Vanishing Twin - Ookii GekkouVanishing Twin
Ookii Gekkou
Year Of No Light - ConsolamentumYear Of No Light
Consolamentum
Chevelle - NiratiasChevelle
Niratias
Emma Ruth Rundle - Engine Of HellEmma Ruth Rundle
Engine Of Hell
The Bug - FireThe Bug
Fire
Nala Sinephro - Space 1.8Nala Sinephro
Space 1.8
Monolord - Your Time To ShineMonolord
Your Time To Shine
Mastodon - Hushed And GrimMastodon
Hushed And Grim
Jerusalem In My Heart - QalaqJerusalem In My Heart
Qalaq
Limp Bizkit - Still SucksLimp Bizkit
Still Sucks

Misery Signals - Mirrors
Titolo: Mirrors
Etichetta: Ferret
Anno: 2006
Produzione:
Genere: metal / metalcore / hardcore

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:




Vengono dal Wisconsin e due anni fa debuttarono con "Of Malice And The Magnum Hear", prodotto da Devin Townsend (Strapping Young Lad). Il disco, che uscì su Ferret, diede la spinta alla band per andare in tour con Dillinger Escape Plan, Every Time I Die, Bleeding Through, Strapping Young Lad, Six Feet Under.

Misery Signals con questo "Mirrors" non si discostano dall'idea che abbiamo di band di nicchia, adatta soprattutto a coloro che si nutrono solamente di questo genere. La classica band di cui difficilmente comprereste il disco se non dopo averne tastato il valore dal vivo.

Nella loro natura di "gruppo spalla" però mantengono una dignità che non ce li rende totalmente inutili.

Gli ingredienti di base sono gli stessi di tanti: sezione ritmica tra Meshuggah e Strapping Young Lad, chitarre Dillingeriane e urla belluine. Sono però le aperture melodiche, i midtempos atmosferici a fare la differenza. Niente di rivoluzionario, ma una maggiore consapevolezza delle proprie forze aiuterebbe senz'altro la band a consegnare un prodotto in grado di competere con i mostri sacri.

Cresceranno, se non si faranno corrompere da un idea di musica più semplice e commerciale.

[Dale P.]

Canzoni significative: Something Was Always Missing But It Was Never You, Post Collapse.


Questa recensione é stata letta 2773 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Throwdown - VendettaThrowdown
Vendetta
Znort - 200 BpmZnort
200 Bpm
 Brutal Rash
The Gyre
Sepultura - RoorbackSepultura
Roorback
A Life Once Lost - HunterA Life Once Lost
Hunter
A Life Once Lost - A Great ArtistA Life Once Lost
A Great Artist
Zao - The Fear Is What Keeps Us HereZao
The Fear Is What Keeps Us Here
Nora - Save YourselfNora
Save Yourself
Since By Man - A Hate Love RelationshipSince By Man
A Hate Love Relationship
Un-kind - Hurts To The CoreUn-kind
Hurts To The Core