Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock metal punk indie experimental pop [ elettronica ]

Spirit Of Rebellion - Mortiis ( Dead Seed Productions)

Ultime recensioni

Mantar - Grungetown Hooligans IIMantar
Grungetown Hooligans II
Fiona Apple - Fetch The Bolt CuttersFiona Apple
Fetch The Bolt Cutters
Thou - Blessings Of The Highest OrderThou
Blessings Of The Highest Order
Wrekmeister Harmonies - We Love To Look At The CarnageWrekmeister Harmonies
We Love To Look At The Carnage
Tricot - ???Tricot
???
Bada - BadaBada
Bada
Kidbug - KidbugKidbug
Kidbug
Louise Lemon - DevilLouise Lemon
Devil
Mrs Piss - Self-SurgeryMrs Piss
Self-Surgery
Vega Lee & John Nova - iSpace DramasVega Lee & John Nova
iSpace Dramas
Myrkur - FolkesangeMyrkur
Folkesange
BlackLab - AbyssBlackLab
Abyss
Witchcraft - Black MetalWitchcraft
Black Metal
Brant Bjork - Brant BjorkBrant Bjork
Brant Bjork
1000mods - Youth Of Dissent1000mods
Youth Of Dissent
Jazz Sabbath - Jazz SabbathJazz Sabbath
Jazz Sabbath
Oranssi Pazuzu - Mestarin KynsiOranssi Pazuzu
Mestarin Kynsi
Elder - OmensElder
Omens
Shaam Larein - SculptureShaam Larein
Sculpture
Shabaka And The Ancestors - We Are Sent Here By HistoryShabaka And The Ancestors
We Are Sent Here By History

Mortiis - Spirit Of Rebellion
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Anno: 2020
Produzione: Mortiis
Genere: elettronica / dungeon synth / ambient
Scheda autore: Mortiis



Probabilmente non ve ne siete accorti ma il 2019 è stato l'anno dell'esplosione del Dungeon Synth. I dischi usciti sono stati decine e decine e gli appassionati si sono accapparati le limitatissime cassette con ingordigia. Seguire la scena è come tornare indietro nel tempo in cui gli artisti non avevano foto e ci si scambiavano liste di misteriose uscite con nomi rocamboleschi per attirare l'attenzione. Tranquilli, questa scena è composta da poche centinaia di persone e quasi tutti gli ascoltatori sono anche musicisti. Ebbene, questa scena ha eletto Mortiis come il padrino del genere grazie a dischi come "The Song Of A Long Forgotten Ghost" che, nel 1993, diede i natali al dungeon synth. Mortiis ebbe un discreto successo anni dopo con album di industrial metal gotico ma il culto verso le prime, scarne, produzioni è talmente cresciuto da far tornare l'ex bassista degli Emperor all'interno della sua grotta e imbracciare un tastierino scassato.

Nasce così "Spirit Of Rebellion", contenente due composizioni per un totale di più di 50 minuti. Mortiis torna allo spirito minimalista dei primi dischi, con suoni a tratti lo-fi a tratti più corposi ma sempre basati sull'uso del sintetizzatore. Non c'è molto da commentare e criticare: il genere nasce come proposta d'atmosfera per partite a Dungeons & Dragons e "Spirit Of Rebellion" centra pienamente lo scopo.

Per quanto mi riguarda non posso che applaudire al ritorno di Mortiis in questa veste, molto più intensa e suggestiva rispetto alle tamarrate degli ultimi anni.

[Dale P.]

Canzoni significative: Visions Of An Ancient Future, A Dark Horizon.


Questa recensione é stata letta 119 volte!
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia