Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Meridional - Norma Jean (Razor & Tie)

Ultime recensioni

Boris - & Merzbow - 2R0I2P0Boris
& Merzbow - 2R0I2P0
Dale Crover - Rat-A-Tat-Tat!Dale Crover
Rat-A-Tat-Tat!
Moon Destroys - Maiden VoyageMoon Destroys
Maiden Voyage
Celebrity Sex Scandal - The FundamentalCelebrity Sex Scandal
The Fundamental
Thou - Emma Ruth Rundle - The Helm Of SorrowThou
Emma Ruth Rundle - The Helm Of Sorrow
Maggot Heart - Mercy MachineMaggot Heart
Mercy Machine
Gatecreeper - An Unexpected RealityGatecreeper
An Unexpected Reality
Viagra Boys - Welfare JazzViagra Boys
Welfare Jazz
Onségen Ensemble - FearOnségen Ensemble
Fear
Witchfucker - Afterhour In WalhallaWitchfucker
Afterhour In Walhalla
Dystopian Future Movies - InviolateDystopian Future Movies
Inviolate
The Necks - ThreeThe Necks
Three
Lingua Ignota - The Caligula DemosLingua Ignota
The Caligula Demos
Imperial Triumphant - AlphavilleImperial Triumphant
Alphaville
Crack Cloud - Pain OlympicsCrack Cloud
Pain Olympics
Illuminati Hotties - Free I.HIlluminati Hotties
Free I.H
Rosy Finch - ScarletRosy Finch
Scarlet
Kind - Mental NudgeKind
Mental Nudge
Atomic Bitchwax - ScorpioAtomic Bitchwax
Scorpio
Primitive Man - ImmersionPrimitive Man
Immersion

Norma Jean - Meridional
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Anno: 2010
Produzione: Jeremy Griffith
Genere: metal / metalcore / hardcore



Confortanti segnali di ripresa ci giungono da "Meridional", opera che pone in essere il ritorno in pista dei Norma Jean, nome che haa contribuito allo sviluppo e alla conseguente canonizzazione del metal-core piu' complesso e spigoloso. Dopo i primi due dischi di assoluta eccellenza, di cui l'esordio "Bless The Martyr Kiss The Child" va annoverato come pietra miliare del genere senza se e senza ma, la formazione di Atlanta ha via via smussato gli angoli e addolcito le sonorita', dapprima raggiungendo un buon equilibrio con "Redeemer", ma scadendo col successivo "The Anti-Mother", lavoro che a non pochi, noi compresi, fece storcere il naso dando adito al sospetto che gli agguerriti metal-corers statunitensi fossero prossimi all'essere dati per spacciati. C'era quindi parecchio scetticismo intorno a questo "Meridional", visti i recenti risultati. I Norma Jean pero' riescono a smentirci mettendo sul piatto un album compatto e ispirato, facendo torto ad una copertina che definire ai limiti del pietoso non e' per niente un esagerato eufemismo.

Riposte in un cantuccio le clean-vocals efebiche che vanno tanto di moda nel frangettoso pianeta emo-metal-core, territorio al quale i NJ stavano orribilmente addentrandosi senza la minima vergogna, il singer Cory Putnam decide di farsi due bei gargarismi con la soda caustica e tirare nuovamente fuori la cattiveria dal suo repertorio vocale in brani d'assalto come "Leaderless And Self Enlisted", "Bastardizer", "Blood Burner", "The Anthem Of Angry Brides" (con un incipit math sul vorticoso stile dei defunti SikTh). Piu' mature e meglio amalgamate al contesto le costruzioni melodiche, col singolo "Deathbed Atheist" sugli scudi (e non scorgete anche voi una leggera parentela con "Phone Home" dei Dillinger Escape Plan?), ma non meritano di certo infamia canzoni come "A Media Friendly Turn For The Worse" e "High Noise Low Output". In fondo alla tracklist, magari, qualcosa poteva essere dispensata senza troppi patemi d'animo, vedi le debolissime "Falling From The Sky: Day Seven" e "The People That Surround You On A Regular Basis", meri riempitivi che avrebbero giovato anche alla lunghezza complessiva di un album troppo lungo: un'ora e otto minuti sono parecchi.

Abbastanza ortodosso il repertorio dei riff, nei momenti piu' feroci l'impianto ritmico riesce a supportare degnamente la veemenza che si diffonde, anche se ci duole constatare che gran parte del mosh che la band e' sempre stata in grado di tirare fuori da queste parti e' stavolta latitante.

Inutile campare di speranza, aspettarsi dai Norma Jean del materiale che possa minimamente gareggiare col primo folgorante disco e' un'autentica utopia, ma visto come si erano messe le cose nel passato piu' prossimo un ritorno come questo, con poche macchie e neanche tanto indelebili, ci fa assolutamente piacere. Chi si contenta, gode.

[Marco Giarratana]

Canzoni significative: Leaderlss And Self Enlisted; Deathbed Atheist; Bastardizer; The Anthem Of Angry Brides.


Questa recensione é stata letta 2367 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



NEWS


21/07/2010 Video di Deathbed Atheist

tAXI dRIVER consiglia

A Life Once Lost - HunterA Life Once Lost
Hunter
A Life Once Lost - A Great ArtistA Life Once Lost
A Great Artist
Zao - The Fear Is What Keeps Us HereZao
The Fear Is What Keeps Us Here
Nora - Save YourselfNora
Save Yourself
 Brutal Rash
The Gyre
Abel Is Dying - Promo 2k5Abel Is Dying
Promo 2k5
Throwdown - VendettaThrowdown
Vendetta
Sepultura - RoorbackSepultura
Roorback
Znort - 200 BpmZnort
200 Bpm
Un-kind - Hurts To The CoreUn-kind
Hurts To The Core