´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  stoner post-metal post-hardcore [ metal ] grunge rock alternative

Harmonic - Philm (Ipecac)


Philm - Harmonic
metal / alternative / rock

Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:

Voto utenti (234):

Etichetta: Ipecac
Produzione: Dave Lombardo
Anno: 2012




Probabilmente Dave Lombardo si e' stancato di fare sempre le solite cose. Batterista storico degli Slayer, si e' successivamente prodigato negli anni in collaborazioni (con John Zorn) e progetti vari (Grip Inc., Fantomas).

Oggi Dave ha chiamato a se' due vecchie conoscenze, Gery Nestler dei Civil Defiance e Pancho Tommaselli dei War, per formare un trio pronto a cimentarsi in questa nuova avventura chiamata Philm. Per l'uscita del disco ha pensato la Ipecac dell'amico Mike Patton, sempre attenta ad intriganti iniziative.

Passando all'ascolto dei quindici brani viene subito alla mente quella forma di hardcore brutale che andava di moda negli anni ottanta. Ed in effetti le iniziali "Vitriolize" e "Mitch" viaggiano su tali coordinate. La successiva "Hun" ci apre invece scenari piu' moderni. Siamo al limite del "nuovo" metal che ha fatto molti proseliti nei successivi anni novanta. Sempre hardcore sebbene riveduto anche in "Area", ma qui si svolta in territori che ricordano da vicino la nevrosi metropolitana pur con interessanti aperture melodiche. Unsane meets Faith No More? La strada sembrerebbe quella. Non mancano neppure insospettate sperimentazioni e momenti jazz prog. Ma dura giusto un paio di brani. Perche' all'improvviso spuntano la furiosa "Sex Amp", una sorta di Sepultura che hanno imparato a menadito la lezione del crossover e "Amoniac", ossia i R.A.T.M. alla conquista dello spazio.

Bene, siamo quasi giunti al termine di questo lavoro. Cosa puo' mancare se non un brano in classico stile post punk? Ed ecco servita su un piatto d'argento "Held In Light", una scheggia impazzita fuoriuscita dal repertorio dei Joy Division arricchita della tensione dei nostri tempi. Chi l'avrebbe mai detto?

In conclusione un disco sicuramente coraggioso, estremamente vario, forse troppo, probabilmente un pochino pretenzioso che a tratti lascia quasi interdetti. Non sappiamo se sara' un episodio a se' stante. Questo lo vedremo in seguito. Per il momento un ascolto se lo sono comunque guadagnato.

[Cristiano Roversi]

Canzoni significative: Area, Sex Amp, Held In Light.

Vota Questo Disco:
Condividi


Questa recensione Ú stata letta 1960 volte!



tAXI dRIVER consiglia

Baroness - Blue RecordBaroness
Blue Record
AA.VV. - The Tribute to Syd Barrett - Like Black Hole In ThAA.VV.
The Tribute to Syd Barrett - Like Black Hole In Th
Tool - UndertowTool
Undertow
Dredg - LeitmotifDredg
Leitmotif
Tool - 10000 DaysTool
10000 Days