Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Plebeian Grandstand - Rien Ne Suffit (Debemur Morti)

Ultime recensioni

Ashenspire - Hostile ArchitectureAshenspire
Hostile Architecture
Mantar - Pain Is Forever and This Is the EndMantar
Pain Is Forever and This Is the End
Chat Pile - GodChat Pile
God's Country
Imperial Triumphant - Spirit Of EcstasyImperial Triumphant
Spirit Of Ecstasy
Nebula - Transmission From Mothership EarthNebula
Transmission From Mothership Earth
Viagra Boys - Cave WorldViagra Boys
Cave World
Wormrot - HissWormrot
Hiss
London Odense Ensemble - Jaiyede Sessions Vol. 1London Odense Ensemble
Jaiyede Sessions Vol. 1
Greg Puciato - MirrorcellGreg Puciato
Mirrorcell
Devil Master - Ecstasies of Never Ending NightDevil Master
Ecstasies of Never Ending Night
Sasquatch - Fever FantasySasquatch
Fever Fantasy
Candy - Heaven Is HereCandy
Heaven Is Here
Nova Twins - SupernovaNova Twins
Supernova
Sinead OSinead O'Brien
Time Bend and Break The Bower
White Ward - False LightWhite Ward
False Light
Terzij de Horde - In One Of These, I Am Your EnemyTerzij de Horde
In One Of These, I Am Your Enemy
Besvärjelsen - AtlasBesvärjelsen
Atlas
The Smile - A Light For Attracting AttentionThe Smile
A Light For Attracting Attention
Stöner - Totally...Stöner
Totally...
Primitive Man - InsurmountablePrimitive Man
Insurmountable

Plebeian Grandstand - Rien Ne Suffit
Autore: Plebeian Grandstand
Titolo: Rien Ne Suffit
Etichetta: Debemur Morti
Anno: 2021
Produzione: Amaury Sauvé
Genere: metal / experimental / noise

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:



Ascolta Rien Ne Suffit





Non so se questo si possa definire post-hardcore o black metal o noise. Sicuramente è tutte queste e tre cose insieme. E ancora più sicuramente è un disco che non va giù come l'acqua. Ad un cliente a cui li ho consigliati mi è stato risposto "bello, qui c'è del disagio". E mi viene in mente quel disagio senza senso dei Today Is The Day in cui non è importante quello che veniva suonato, ma che il nostro cervello percepisse quanto faccia schifo il mondo.

Dicevo quindi: post-hardcore nelle urla e nelle dissonanze (un po' tipo Converge quando non pensavano al fondo cassa), black metal nella violenza sparata sulla faccia, noise dal casino senza senso. Ma anche industrial dall'approccio tagliente e metronomico. E l'avantgarde perchè fondamentalmente qui dentro succedono cose mai sentite prima. "Rien ne suffit" fa male. Alle orecchie che malediranno la vostra tendenza a mettervi in cuffia roba di questo tipo. Al cervello perchè vi metterà di cattivo umore come un malanno in una posizione scomodissima. Nella malaugurata ipotesi che lo mettiate a tutto volume in casa i vicini vi malediranno per sempre. Insomma i Plebeian Grandstand sono dei maestri nel fare schifo e "Rien ne suffit" è tra i dischi più necessari del 2021. Un vero e proprio viaggio nella follia.

[Dale P.]

Canzoni significative: Angle Mort, À droite du démiurge, à gauche du néant.


Questa recensione é stata letta 205 volte!
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Wolvennest - TempleWolvennest
Temple
Big Brave - A Gaze Among ThemBig Brave
A Gaze Among Them
AA.VV. - TriadAA.VV.
Triad
Rose Kemp - Golden ShroudRose Kemp
Golden Shroud
Plebeian Grandstand - Rien Ne SuffitPlebeian Grandstand
Rien Ne Suffit