Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock metal punk indie experimental pop elettronica

The Messthetics - And James Brandon Lewis (Impulse)

Ultime recensioni

Henrik Palm - Nerd IconHenrik Palm
Nerd Icon
Pallbearer - Mind Burns AlivePallbearer
Mind Burns Alive
Castle Rat - Into The RealmCastle Rat
Into The Realm
Uncle Acid And The Deadbeats - NellUncle Acid And The Deadbeats
Nell'Ora Blu
Harvestman - Triptych Part OneHarvestman
Triptych Part One
Big Brave - A Chaos Of FlowersBig Brave
A Chaos Of Flowers
English Teacher - This Could Be TexasEnglish Teacher
This Could Be Texas
Iron Monkey - Spleen & GoadIron Monkey
Spleen & Goad
Maruja - ConnlaMaruja
Connla's Well
Bongripper - EmptyBongripper
Empty
Melvins - Tarantula HeartMelvins
Tarantula Heart
Inter Arma - New HeavenInter Arma
New Heaven
Whores - WarWhores
War
Couch Slut - You Could Do It TonightCouch Slut
You Could Do It Tonight
Kim Gordon - The CollectiveKim Gordon
The Collective
High On Fire - Cometh The StormHigh On Fire
Cometh The Storm
Cell Press - CagesCell Press
Cages
Pissed Jeans - Half DivorcedPissed Jeans
Half Divorced
Moor Mother - The Great BailoutMoor Mother
The Great Bailout
The Messthetics - And James Brandon LewisThe Messthetics
And James Brandon Lewis

The Messthetics - And James Brandon Lewis
Titolo: And James Brandon Lewis
Etichetta: Impulse
Anno: 2024
Produzione: Don Godwin
Genere: jazz / rock / punk

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:



Ascolta And James Brandon Lewis





I Fugazi su Impulse!? Bhe non proprio tutti i Fugazi ma la sezione ritmica abbandona la Dischord per una delle etichette jazz più importanti e attente ai nuovi trend del genere. I Messthetics sono Joe Lally (basso), Brendan Canty (batteria) e Anthony Pirog (chitarra); in questo nuovo disco, il terzo, arruolano il sassofonista James Brandon Lewis e registrano una session in libertà che mi ricorda un periodo ben preciso e una label in particolare: la SST di fine anni 80. Magari non lo ricordate o non lo sapete, o siete troppo giovani ma dopo la svolta fusion metal dei Black Flag tutta l'etichetta prese una piega decisamente buffa. Da punto di riferimento per l'hardcore punk si trasformò in una comune di freakettoni appassionati di jazz, blues, fusion, psichedelia. SWA, Gone, Zoogs Rift, October Faction, The Universal Congress Of, Fatso Jetson sono alcuni dei nomi più "famosi" che si rivolgevano più ad un pubblico "classic rock" che a quello incazzato e con la cresta. Questi dischi furono anche da padri del futuro stoner rock e del post rock, in base alla quantità di droga presente nel menu.

Se mi dicessero che questo disco è stato registrato nel 1988 potrei crederci perchè, nel bene e nel male, suona come uno di quei dischi stravaganti nominati prima. Nel bene perchè alcuni brani hanno una certa irruenza punk (i due Fugazi tengono a farci capire la loro provenienza), nel male perchè suonano un po' per conto loro senza lasciare grandi segni dietro di sè. Il loro scopo è quello di divertirsi e si sente, ma come tanti prodotti di questo tipo finisce per far perdere un po' di entusiasmo dopo i primi minuti. Una manciata di riff fugaziani salvano un disco che è essenzialmente una jam jazz fusion piuttosto lineare senza grandi dinamiche (che erano la grandezza dei Fugazi).

[Dale P.]

Canzoni significative: That Thang, Three Sisters.


Questa recensione é stata letta 156 volte!
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

The Royal Krunk Jazz Orkestra - PyramidsThe Royal Krunk Jazz Orkestra
Pyramids
Shabaka And The Ancestors - We Are Sent Here By HistoryShabaka And The Ancestors
We Are Sent Here By History
The Comet Is Coming - Trust in the Lifeforce of the Deep MysteryThe Comet Is Coming
Trust in the Lifeforce of the Deep Mystery
Calomito - InauditoCalomito
Inaudito
Sons Of Kemet - Black To The FutureSons Of Kemet
Black To The Future
Jeff Parker - Suite For Max BrownJeff Parker
Suite For Max Brown