Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Midwest Panic - Twelve Tribes (Ferret)

Ultime recensioni

AA.VV. - Dirt ReduxAA.VV.
Dirt Redux
Fuzz - IIIFuzz
III
Porridge Radio - Every BadPorridge Radio
Every Bad
Deftones - OhmsDeftones
Ohms
Tallah - MatriphagyTallah
Matriphagy
Exhalants - AtonementsExhalants
Atonements
Lump Hammer - BeastLump Hammer
Beast
Obsidian Kingdom - Meat MachineObsidian Kingdom
Meat Machine
Gargoyl - GargoylGargoyl
Gargoyl
Anna Von Hausswolff - All Thoughts FlyAnna Von Hausswolff
All Thoughts Fly
Blues Pills - Holy Moly!Blues Pills
Holy Moly!
Sprain - As Lost Through CollisionSprain
As Lost Through Collision
Thurston Moore - By The FireThurston Moore
By The Fire
Idles - Ultra MonoIdles
Ultra Mono
Sarah Davachi - Cantus, DescantSarah Davachi
Cantus, Descant
AA.VV. - What Is This That Stands Before Me?AA.VV.
What Is This That Stands Before Me?
Deafbrick - DeafbrickDeafbrick
Deafbrick
Irreversible Entanglements - Who Sent You?Irreversible Entanglements
Who Sent You?
Jeff Parker - Suite For Max BrownJeff Parker
Suite For Max Brown
En Minor - When The Cold Truth Has Worn Its Miserable WelcomeEn Minor
When The Cold Truth Has Worn Its Miserable Welcome

Twelve Tribes - Midwest Panic
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Etichetta: Ferret
Anno: 2006
Produzione:
Genere: metal / metalcore / screamo
Scheda autore: Twelve Tribes



Non esattamente dei novellini, i Twelve Tribes, si presentano a noi con il quarto album ufficiale. Facente parte dell'ondata metalcore patrocinata da Ferret, la band ha girato il mondo dividendo il palco con Hatebreed, A Life Once Lost, Killswitch Engage, Poison The Well, Unearth, 36 Crazyfists, Kittie, Zao, Soulfly.

Se calcare i palchi a lungo finisce per affinare le doti tecniche e acquisire sicurezza è anche vero che, suonando con altre band, si finisce per rubargli qualcosa. Sembrà però che la band appreso talmente tanto da non avere più una propria personalità.

"Midwest Pandemic", infatti, affronta numerose strade senza però slegarsi dalla semplice riproposizione di stilemi già sfruttati da altri. Ascoltando "Pagan Self Portrait" vi verranno in mente almeno 5 bands diverse. Discorso analogo per "History Versus The Pavement" e così via. Il disco suona quindi come un discreto mash-up di brani hardcore / metalcore / postcore / thrash / screamo.

5 secondi di Pantera, poi Meshuggah, Poison The Well, Zao, Converge, come un bignami della musica moderna pesante. Risulta quindi ovvio che la band non ha il carisma per svettare in mezzo alle proprie influenze ma soprattutto per soddisfare un pubblico rispetto che un altro.

"Midwest Pandemic" è un album in cui succedono parecchie cose, non tutte però sullo stesso piano qualitativo. Come se la band non avesse un filtro per bypassare le cadute di stile, finendo per assimilarne anche le particolarità più scontate.

Dall'altra parte però è encomiabile l'idea di questo "meltin' pot" sonoro, che sfruttato meglio donerebbe nuova linfa ad un genere attualmente parecchio inflazionato. Rimandati al prossimo disco...

[Dale P.]

Canzoni significative: Pagan Self Portrait, Midwest Pandemic.


Questa recensione é stata letta 2578 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Abel Is Dying - Promo 2k5Abel Is Dying
Promo 2k5
A Life Once Lost - A Great ArtistA Life Once Lost
A Great Artist
Sepultura - RoorbackSepultura
Roorback
A Life Once Lost - HunterA Life Once Lost
Hunter
Throwdown - VendettaThrowdown
Vendetta
Znort - 200 BpmZnort
200 Bpm
Un-kind - Hurts To The CoreUn-kind
Hurts To The Core
Since By Man - A Hate Love RelationshipSince By Man
A Hate Love Relationship
Zao - The Fear Is What Keeps Us HereZao
The Fear Is What Keeps Us Here
 Brutal Rash
The Gyre