Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Twelve Tribes - Midwest Panic (Ferret)

Ultime recensioni

Dead Heat - World At WarDead Heat
World At War
Irreversible Entanglements - Open The GatesIrreversible Entanglements
Open The Gates
Full Of Hell - Garden Of Burning ApparitionsFull Of Hell
Garden Of Burning Apparitions
Khemmis - DeceiverKhemmis
Deceiver
Body Void - Bury Me Beneath This Rotting EarthBody Void
Bury Me Beneath This Rotting Earth
Idles - CrawlerIdles
Crawler
Converge - Bloodmoon IConverge
Bloodmoon I
Melvins - Five Legged DogMelvins
Five Legged Dog
Bummer - Dead HorseBummer
Dead Horse
Marissa Nadler - The Path Of The CloudsMarissa Nadler
The Path Of The Clouds
Vanishing Twin - Ookii GekkouVanishing Twin
Ookii Gekkou
Year Of No Light - ConsolamentumYear Of No Light
Consolamentum
Chevelle - NiratiasChevelle
Niratias
Emma Ruth Rundle - Engine Of HellEmma Ruth Rundle
Engine Of Hell
The Bug - FireThe Bug
Fire
Nala Sinephro - Space 1.8Nala Sinephro
Space 1.8
Monolord - Your Time To ShineMonolord
Your Time To Shine
Mastodon - Hushed And GrimMastodon
Hushed And Grim
Jerusalem In My Heart - QalaqJerusalem In My Heart
Qalaq
Limp Bizkit - Still SucksLimp Bizkit
Still Sucks

Twelve Tribes - Midwest Panic
Autore: Twelve Tribes
Titolo: Midwest Panic
Etichetta: Ferret
Anno: 2006
Produzione:
Genere: metal / metalcore / screamo

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:




Non esattamente dei novellini, i Twelve Tribes, si presentano a noi con il quarto album ufficiale. Facente parte dell'ondata metalcore patrocinata da Ferret, la band ha girato il mondo dividendo il palco con Hatebreed, A Life Once Lost, Killswitch Engage, Poison The Well, Unearth, 36 Crazyfists, Kittie, Zao, Soulfly.

Se calcare i palchi a lungo finisce per affinare le doti tecniche e acquisire sicurezza è anche vero che, suonando con altre band, si finisce per rubargli qualcosa. Sembrà però che la band appreso talmente tanto da non avere più una propria personalità.

"Midwest Pandemic", infatti, affronta numerose strade senza però slegarsi dalla semplice riproposizione di stilemi già sfruttati da altri. Ascoltando "Pagan Self Portrait" vi verranno in mente almeno 5 bands diverse. Discorso analogo per "History Versus The Pavement" e così via. Il disco suona quindi come un discreto mash-up di brani hardcore / metalcore / postcore / thrash / screamo.

5 secondi di Pantera, poi Meshuggah, Poison The Well, Zao, Converge, come un bignami della musica moderna pesante. Risulta quindi ovvio che la band non ha il carisma per svettare in mezzo alle proprie influenze ma soprattutto per soddisfare un pubblico rispetto che un altro.

"Midwest Pandemic" è un album in cui succedono parecchie cose, non tutte però sullo stesso piano qualitativo. Come se la band non avesse un filtro per bypassare le cadute di stile, finendo per assimilarne anche le particolarità più scontate.

Dall'altra parte però è encomiabile l'idea di questo "meltin' pot" sonoro, che sfruttato meglio donerebbe nuova linfa ad un genere attualmente parecchio inflazionato. Rimandati al prossimo disco...

[Dale P.]

Canzoni significative: Pagan Self Portrait, Midwest Pandemic.


Questa recensione é stata letta 2630 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

A Life Once Lost - HunterA Life Once Lost
Hunter
Un-kind - Hurts To The CoreUn-kind
Hurts To The Core
Since By Man - A Hate Love RelationshipSince By Man
A Hate Love Relationship
Zao - The Fear Is What Keeps Us HereZao
The Fear Is What Keeps Us Here
 Brutal Rash
The Gyre
Throwdown - VendettaThrowdown
Vendetta
Abel Is Dying - Promo 2k5Abel Is Dying
Promo 2k5
A Life Once Lost - A Great ArtistA Life Once Lost
A Great Artist
Sepultura - RoorbackSepultura
Roorback
Znort - 200 BpmZnort
200 Bpm