Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Requiem - Verdena (Universal)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Verdena - Requiem
Voto:
Etichetta: Universal
Anno: 2007
Produzione:
Genere: rock / alternative /



La quarta produzione dei Verdena si affaccia senza troppo clamore nonostante la band ne venga da una serie di tour all'estero da soli e in compagnia dei Dredg.

Senza perder troppo tempo in premesse e venendo subito al sodo, sono certo di trovarmi di fronte ad un album destinato a far discutere i fans del gruppo. Ognuno pronto a trovar i propri lati positivi, negativi, oscuri, limpidi.

A mio parere, il più grande difetto dell’opera, è l'intestardirsi in inutili tre riff portati quasi all'esasperazione nelle lunghe, troppo lunghe: "IL GULLIVER " e "SOTTO PRESCRIZIONE DEL DOTT HUXLEY", che già da sole si mangiano 25 minuti di registrazioni. Probabilmente la voglia di proporre qualcosa di diverso è stata una mossa controproducente o quanto meno rischiosa; trovatemi ad esempio il senso dei vari intermezzi riempitivi (e non ce n'era davvero bisogno) del progetto, vedi "AHA"per citarne uno.

Peccato perché un album più asciutto, avrebbe sicuramente spazzato via facili scetticismi, di chi ormai considera il gruppo prossimo alla fine.

Lasciando per un attimo da parte i soliti vecchi amori (Nirvana in "DON CALISTO"), cosa si può dire di male delle due produzioni acustiche dell'ammirato Mauro Pagani?

Niente perchè nelle sue Officine Meccaniche, dove hanno preso corpo "ANGIE" e " TROVAMI UN MODO SEMPLICE PER USCIRNE”, capiamo di aver tra le orecchie vere proprie gemme, soprattutto la seconda, la quale anche dal punto di vista testuale risulta meno scontata della prima.

"MUORI DELAY" e tra gli approcci più interessanti di questi Verdena, dove emerge un Alberto Ferrari rimembrante gli acuti di Manuel Agnelli.

Senza dubbio, il brano più riuscito di "REQUIEM" è "CANOS". Questo è una sterzata stoner intrecciata da momenti acustici quasi “flamenco”. Questa sonorità può ritrovarsi anche in "ISACCO NUCLEARE" in un "REQUIEM" che è come in un fiume, lo vedi o no?

[Steliam]

Canzoni significative: Trovami Un Modo Semplice Per Uscirne, Canos, Muori Delay


Questa recensione é stata letta 5367 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



Live Reports

17/07/2000GenovaGoa Boa 2000
15/07/2004GenovaGoa Boa 2004
09/07/2007GenovaGoa Boa 2007

tAXI dRIVER consiglia

(P)itch - Bambina Atomica(P)itch
Bambina Atomica
 Tre Allegri Ragazzi Morti
La Testa Indipendente
Martin Grech - March Of The LonelyMartin Grech
March Of The Lonely
Dredg - Catch Without ArmsDredg
Catch Without Arms
Pearl Jam - Immagine In Cornice [DVD]Pearl Jam
Immagine In Cornice [DVD]
Afterhours - Quello Che Non CAfterhours
Quello Che Non C'è
White Stripes - White Blood CellsWhite Stripes
White Blood Cells
Jasminshock - 2monkeys Fighting For A BananaJasminshock
2monkeys Fighting For A Banana
Libertines, The - The LibertinesLibertines, The
The Libertines
Sleater Kinney - The WoodsSleater Kinney
The Woods